16 Lug

Torta salata con brisèe all’olio extravergine e arachidi alle melanzane

Come preannunciato, ecco una nuova torta salata sfiziosissima e perfetta come accompagnamento di una grigliata di carne, ma anche come goloso piatto unico da far trovare pronto, per esempio, al ritorno dalla spiaggia 🙂

torta_melanzane_fetta

In questo caso, la già fantastica brisèe all’olio extravergine d’oliva diventa ancora più stuzzicante grazie alla presenza delle arachidi.
Le melanzane, invece, si accompagnano perfettamente al profumo della mentuccia.

Insomma, ora non vi resta che provare entrambe le torte salate, questa e quella ai peperoni, e farmi sapere quale è la vostra preferita! 🙂

Ingredienti per una teglia da 28 cm di diametro

Brisèe

  • 300 g di farina
  • 70 g di arachidi
  • 100 g di acqua
  • 100 g di olio extravergine d’oliva

Farcitura

  • 200 g di ricotta
  • 200 g di scamorza
  • 20 g di parmigiano grattugiato
  • 100 g di mozzarella di bufala
  • 2 melanzane
  • olio extravergine d’oliva, 1 spicchio d’aglio e sale q.b.
  • una quindicina di foglioline di mentuccia
  • 4-5 pomodorini

Ho tritato le arachidi insieme alla farina, non troppo finemente per mantenere una consistenza grossolana.
Ho aggiunto acqua e olio e ho mescolato con una forchetta fino al totale assorbimento dei liquidi, impastando poi a mano per rendere omogenea la pasta, e ho messo a riposare in frigorifero per circa un’ora.

Nel frattempo, ho tagliato le melanzane a dadini e le ho messe a cuocere in una padella dove avevo fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio. Le ho salate e portate a cottura.
Ho mescolato la ricotta con il parmigiano, quindi ho prelevato parte delle melanzane cotte e le ho tritate insieme alla ricotta e alla mentuccia (questo passaggio non è necessario, ma a me piace l’effetto di maggior omogeneità della farcitura).

Ho quindi steso col mattarello la brisèe e con essa ho foderato lo stampo (se non antiaderente, è meglio ungerlo). Ho fatto uno strato con la scamorza, poi con la crema di ricotta e melanzane, infine con le restanti melanzane a cubetti e la mozzarella.
Per completare e dare un po’ di colore ho messo anche qualche dadino di pomodoro.

torta_melanzane

Teglia Icont

Ho ripiegato i bordi della brisèe e ho infornato a 200-220° per circa 45 minuti.

Pin It
15 Lug

Gelato di ricotta (senza gelatiera) al caffè e al pistacchio

Quando ho visto la ricetta del gelato alla ricotta e cannella di Simona, ho capito che avrei dovuto provare (ma aggiungendo di nuovo la panna che lei aveva eliminato)… Ho una piccola gelatiera ma non abbiamo mai avuto un buon rapporto, per cui cerco sempre delle alternative per ottenere gelati davvero cremosi e buoni.

Domenica, quindi, per un paio di graditi ma improvvisi ospiti, non avendo a disposizione un dessert, ho pensato che provare una mia versione di questo gelato sarebbe stata una buona idea e, a quanto pare, è stato davvero così 🙂

Loro hanno bissato, ma anche io ho decisamente gradito (e io sono di gusti davvero molto difficili quando si parla di gelato…). Il gelato è cremoso, avvolgente, goloso… certo, non leggerissimo, ma non si può avere tutto 😀

Ho provato una versione al caffè con meringhe sbriciolate e una versione al pistacchio. Eentrambe molto buone!

gelato

Ingredienti del gelato di ricotta al caffè con meringhe:

  • 250 g ricotta
  • 170 g di latte condensato
  • 3 cucchiai rasi di caffè solubile (in polvere o in grani da polverizzare)
  • 125 ml di panna fresca (non zuccherata quindi)
  • qualche meringa per decorare

Ho montato la panna e quando era quasi del tutto montata, ho aggiunto a filo il latte condensato, continuando a montare.

A parte, ho mescolato la ricotta con il caffè solubile. Se non trovate quello in polvere, potete semplicemente polverizzare quello in granuli, mettendolo in una bustina per alimenti e passandovi sopra un bicchiere o il mattarello.

Quando la ricotta ha assunto un bel colore caffellatte e la polvere di caffè si è del tutto incorporata, ho aggiunto la panna e ho amalgamato il tutto.
Ho messo la crema al caffè in congelatore per circa tre ore e ho servito con delle meringhe sbriciolate.
Una volta congelato, il gelato va tenuto a temperatura ambiente per circa 10 minuti per renderlo nuovamente cremoso.

gelato_pistacchio

Ingredienti del gelato di ricotta al pistacchio:

  • 250 g di ricotta
  • 3 cucchiai di crema di pistacchi
  • 150 g di latte condensato
  • 125 g di panna fresca (non zuccherata quindi)
  • una manciata di pistacchi naturali per decorare

Ho montato la panna e quando era quasi del tutto montata, ho aggiunto a filo il latte condensato, continuando a montare.

A parte, ho mescolato la ricotta con la crema di pistacchi, amalgamandole bene. Ho quindi aggiunto la panna montata col latte condensato, ottenendo una morbida crema al pistacchio.
Ho messo la crema in congelatore per circa tre ore e ho servito dei pistacchi al naturale tritati grossolanamente.
Una volta congelato, il gelato va tenuto a temperatura ambiente per circa 10 minuti per renderlo nuovamente cremoso.

Pin It
15 Lug

Torta con crema di ricotta al pistacchio

In estate ormai lo sapete, preparo solo torte fresche e senza cottura, con tanta, tantissima, golosa crema! 🙂

torta_pistacchio

Tortiera Poloplast

Sabato è stato il turno di questa torta con savoiardi e crema di ricotta al pistacchio (una rivisitazione della crema di ricotta vista da Claudia e Cristina) … nessun commento se non “slurp!!”.
Ho deciso di abbinarci delle croccanti meringhe per equilibrare le consistenze e dare un po’ di struttura al dolce e l’insieme mi ha pienamente soddisfatto.
Facile, veloce, goduriosa… insomma, non fatevela scappare!

Io ho utilizzato dell’alchermes ottimo, fatto in casa e senza coloranti, che mi ha regalato Simona e che si abbinava perfettamente al gusto del pistacchio. In ricette di questo tipo, senza cottura e con pochi ingredienti, usare prodotti di ottima qualità è indispensabile per ottenere un buon risultato.

torta_pistacchio2

Ingredienti per una teglia da 28 cm di diametro:

  • 500 g di ricotta
  • 250 ml di panna fresca
  • 120 g di zucchero a velo
  • 200 g di crema di pistacchi
  • 300 g di savoiardi
  • alchermes q.b.
  • 25 meringhe piccole (o quelle necessarie a ricoprire tutta la superficie)
  • 2 manciate di pistacchi (quelli non salati)

In una ciotola ho mescolato lo zucchero a velo con la ricotta e la crema di pistacchi, quindi ho aggiunto la panna fresca ben montata, delicatamente, per non smontarla.

Ho preparato un piatto fondo con metà alchermes e metà acqua, dove ho bagnato uno alla volta i savoiardi tagliati a metà per realizzare il giro di biscotti verticali intorno al piatto dai bordi alti.

Ho messo un paio di cucchiaiate di crema sul fondo del piatto, quindi ho fatto uno strato di savoiardi bagnati nel liquore diluito. Sopra ho ricoperto tutto di abbondante crema, poi ancora uno strato di biscotti e un altro strato di crema.

Ho lasciato in frigorifero una notte, quindi ho decorato il dolce con le meringhe e i pistacchi naturali tritati molto grossolanamente prima di servire.

Pin It
14 Lug

Torta salata di peperoni e ricotta

Amo queste torte salate da fare in poco tempo ma che danno risultati ottimi!
Per un barbecue in giardino poi sono l’accompagnamento perfetto alla carne alla brace e così sabato ne ho realizzate due diverse per i nostri amici.: questa ai peperoni e un’altra alle melanzane, con differente brisèe ma con uguale base di formaggi.

torta_peperoniTeglia Icont

Io non saprei scegliere la più buona, quindi fatele entrambe e fatemi sapere 🙂

Ingredienti:

Per la brisèe

  • 300 g di farina
  • 100 g di acqua
  • 100 g di olio extravergine d’oliva

Per la farcitura

  • 2 peperoni grigliati (non troppo grandi e magari di colore diverso)
  • una manciata di pinoli
  • 200 g di ricotta
  • 200 g di scamorza affumicata
  • 20 g di parmigiano
  • 100 g di mozzarella di bufala

Ho messo la farina in una ciotola, ho aggiunto al centro acqua e olio e ho mescolato con una forchetta per far assorbire i liquidi dalla farina, quindi ho impastato con le mani per rendere tutto omogeneo.

Ho messo in frigorifero a riposare e nel frattempo ho preparato la farcitura, eliminando la pelle dai peperoni grigliati (io li metto caldi in una busta di plastica e quando sono tiepidi la pelle viene via molto facilmente) e i semini. Ne ho quindi ricavato delle strisce e le ho messe da parte.

Ho poi mescolato la ricotta con il parmigiano e tagliato la scamorza a fette.

Trascorso il tempo di riposo della brisèe (circa un’ora) l’ho tirata fuori dal frigo e stesa col mattarello, quindi ho foderato con essa una teglia tonda per il forno. Non ho unto prima la teglia perchè la brisèe è ricca di olio che in cottura eviterà di farla attaccare, ma con teglie diverse da questa in alluminio o teglie non antiaderenti, forse andrei sul sicuro e lo farei…

Ho quindi messo sul fondo le fette di scamorza, ricoperto tutto con la ricotta, ho aggiunto la mozzarella a dadini e poi posizionato sopra i peperoni e i pinoli, cercando di creare dei cerchi.

torta_peperoni_int

Ho ripiegato i bordi della brisèe e ho infornato a 200-220° per circa 45 minuti, finchè la brisèe non è diventata abbastanza croccante e l’ho lasciata cuocere coperta da un foglio di carta forno per non farla scurire troppo in superficie.

torta_peperoni_fetta

Pin It
07 Lug

Gelatina di birra Pils

Mentre tutti si affannano a produrre marmellate e confetture con la frutta di stagione, io mi sono dedicata a questa sfiziosissima gelatina di birra!

gelatina_birra1

Ottima sui formaggi e sulle carni, con un gusto agrodolce che stupisce e conquista, è un’ottima idea regalo e un vero asso nella manica che non può mancare durante un’allegra serata tra amici.

E’ inoltre velocissima e molto facile da realizzare, regalando una grande soddisfazione con poco impegno 🙂
Naturalmente, migliore sarà la birra utilizzata, migliore sarà il risultato! Io avevo della birra Pils, quindi chiara, ma proverò con altre versioni e altri abbinamenti…

Il trucco (che avevo letto qui) per realizzare in modo piuttosto semplice questa gelatina è lasciare la birra nella pentola dai bordi alti per almeno una notte, così che l’anidride carbonica contenuta evapori in parte e renda meno schiumosa la birra durante la cottura.

Ingredienti per 7 vasetti (da 100 g):

  • 1 litro di birra
  • 300 g di zucchero di canna
  • 1 bustina di Fruttapec 2:1

Ho versato la birra in una pentola dai bordi molto (MOLTO) alti la sera prima per eliminare quanta più anidride carbonica possibile ed evitare in parte il problema della schiuma.

Il giorno dopo ho acceso la fiamma sotto la pentola, quindi ho mescolato la bustina di Fruttapec insieme allo zucchero di canna e ho versato tutto nella birra, mescolando.

Arrivato il punto di ebollizione ho iniziato a mescolare frequentemente per evitare che la schiuma fuoriuscisse dalla pentola, quindi ho lasciato sobollire a fiamma bassa per circa 20 minuti.

Ho infine versato il liquido nei vasetti sterilizzati, li ho sigillati con i coperchi e capovolti per formare il sottovuoto.

Ho lasciato che si raffreddassero a temperatura ambiente, diventando quindi gelatina, e li ho etichettati 🙂

Una volta aperti, vanno conservati in frigorifero.

gelatina_birra2

Pin It
03 Lug

Panna gelata con frutta fresca

Sarà capitato anche a voi di avere in frigorifero una confezione di panna fresca in scadenza… Io ormai acquisto solo panna fresca e non più “da cucina” o “da montare”… oltre al gusto nettamente migliore e ai meno ingredienti presenti all’interno (ma non sempre quest’ultima affermazione è vera), c’è anche un altro vantaggio: essendo neutra può essere usata indifferentemente per i dolci oppure per il salato.

Ma in estate condire un bel piatto di pasta con la panna, non è esattamente nelle mie corde… per cui cosa farne per consumarla in fretta? Escludendo ovviamente di strafogarsela tutta sulle fragole? 😀

panna_gelata_intRealizzato con stampini Pavoni in silicone

Io ho trovato un’ottima soluzione da qualche anno a questa parte: la monto e poi la congelo in formine piccole e grandi.
Le piccole (grandezza come quella dei cubetti di ghiaccio per intenderci) le uso per il caffè… slurp!

Le più grandicelle, le consumo come un gelato condendole con frutta fresca.
Naturalmente sono ammesse mille varianti… cioccolato, marmellata senza zucchero, riduzione di frutta… insomma la mia non è una vera ricetta, ma solo un’idea da completare a piacere!

E se avete delle idee originali, fatemelo pure sapere e mandatemi una bella foto così la pubblico sulla mia pagina FB 🙂

Ingredienti:

  • 250 ml di panna fresca
  • 3 cucchiai di zucchero a velo
  • un po’ di frutta a piacere

Ho montato la panna con lo zucchero a velo ben ferma.
L’ho messa in stampini di silicone e l’ho congelata.
Al momento di servire, preparo una dadolata di frutta fresca (io preferisco senza altro zucchero), tiro fuori dal congelatore il mio “gelatino” e lo ricopro con la frutta, in questo caso albicocche.
Per me non serve altro, ma volendo del cioccolato fuso non ci sta per niente male!

panna_gelata

Pin It