30 Dic

Gnocchi di zucca, farina di ceci e semola rimacinata con crema di robiola e nocciole tostate

La ricetta sta praticamente nel titolo al post ;-P

gnocchi_zucca_Ceci

Era un po’ che non avevo il tempo di dedicarmi alla mia passione… gli gnocchi! Quindi oggi mi son tolta lo sfizio con questi gnocchi di zucca, resi speciali dalla farina di ceci e più rustici dalla semola rimacinata.
Per meglio gustarne il sapore ho voluto un condimento semplice ma avvolgente, ottenendo una crema delicata dalla robiola e dal parmigiano semplicemente mescolandoli con l’acqua di cottura e aggiungendo un tocco croccante e goloso con le nocciole tostate.

Ingredienti per 3 porzioni:

  • 300 g di zucca (la variazione dopo la cottura è stata minima)
  • 200 g di farina di ceci
  • 200 g di semola rimacinata
  • 100 g di robiola
  • 20 g di parmigiano reggiano
  • 20 nocciole

Ho lessato la zucca in acqua bollente per una decina di minuti, giusto il tempo di renderla più morbida, quindi l’ho scolata (tenendo da parte l’acqua di cottura) e frullata ottenendo una purea.

L’ho fatta raffreddare e poi impastata insieme alle due farine mixate tra loro. Ho usato solo circa 3/4 della farina totale, mantenendo il resto da parte e aggiungendolo in base alla necessità (la quantità da usare può variare in base all’umidità della zucca e al grado di assorbimento della farina).
Più farina aggiungerete più sodi saranno gli gnocchi, dipende quindi anche da come li preferite voi (io li amo ben consistenti).

Pronto l’impasto, ho ricavato tanti salamini con le mani (aiutandomi con ancora un po’ di farina) e ho tagliato gli gnocchi mettendoli su un piano infarinato per non farli attaccare tra loro.

gnocchi

Li ho quindi lessati in abbondante acqua bollente salata (a cui avevo aggiunto anche l’acqua di cottura della zucca) e scolati circa 3 minuti dopo che sono venuti a galla, scolandoli in una scodella in cui avevo nel frattempo mescolato con una frusta la robiola con il parmigiano grattugiato insieme a 3-4 cucchiai di acqua di cottura.

Ho amalgamato gli gnocchi con la crema e servito con qualche nocciola tostata tritata sopra e altro parmigiano.

crema_robiola

 

 

Pin It
29 Dic

Scrub alla lavanda

Stressati dalle feste??
Ecco la soluzione! Concedetevi (o regalate) una coccola al profumo di lavanda, rilassante, allevia mal di testa, insonnia, dolori… insomma non fatevelo sfuggire!


scrub_lavanda

Ingredienti:

  • 30 g di olio di mandorle dolci
  • 250 g di zucchero semolato
  • 15 gocce di olio essenziale di lavanda
  • un cucchiaio di fiori essiccati di lavanda

Ho mescolato lo zucchero semolato con l’olio essenziale di lavanda e l’olio di mandorle dolci, aggiungendo infine anche i fiori essiccati.

Ho riposto in un barattolo di vetro e conservato chiuso.

Cerco di fare barattolini piccoli, così da aprire e consumare dosi non elevate per avere un prodotto sempre fresco e profumato.

Qualcuno mi ha chiesto se è possibile usare lo zucchero di canna, invece di quello bianco. Naturalmente si, ma consiglio di usare quello con granelli piccoli… solitamente lo zucchero di canna ha una grana grossolana che credo sarebbe un po’ troppo aggressiva sulla pelle.

lavanda_scrub

 

Pin It
24 Dic

Preparato per cioccolata calda al cioccolato fondente, cioccolato bianco e cannella

Il preparato per la cioccolata calda fatto in casa ormai è un classico dei regali natalizi home made ma quest’anno ho voluto variarne un po’ l’aroma, aggiungendo anche della cioccolata bianca in scaglie e un po’ di cannella.

Slurp!!

ciocco_calda

Dosi per 3 barattoli da circa 250 g:

  • 75 g di cacao amaro
  • 100 g di zucchero di canna
  • 50 g di zucchero bianco
  • 35 g di fecola di patate
  • 100 g di gocce di cioccolato fondente
  • 80 g di cioccolato bianco in scaglie
  • mezzo cucchiaio di cannella in polvere

Ho messo in una ciotola tutti gli ingredienti e ho mescolato facendo attenzione ad amalgamare bene tutti gli ingredienti. Ho diviso il preparato nei barattoli a disposizione e ho chiuso ermeticamente con i tappi.

Per utilizzarlo, basta aggiungere circa 3 cucchiai del preparato (dipende dalla densità voluta) in 130-150 ml di latte freddo e far sobbollire, mescolando bene, fino al raggiungimento della densità desiderata.

Buone merende natalizie e buon Natale!!

ciocco_calda2

Pin It
23 Dic

Crema per le mani homemade alla cera d’api

No, tranquilli non sto trasformando il mio blog in un beauty blog!
Però non posso non condividere alcuni esperimenti di successo come la mia favolosa crema per le mani!!

crema_mani

E vi dirò… credo sia utilissima anche per il corpo in genere… lungi da me consigliarvi creme da usare in casi clinici, ma mio figlio soffre di dermatite atopica e da sempre devo stare molto attenta a detergenti e creme idratanti perchè, quasi sempre in seguito a malattie e quindi abbassamento di difese immunitarie, sviluppa delle chiazze bianche squamose che restano ruvide, fastidiose e antiestetiche.

Le creme apposite e i detergenti costano molto e i risultati sono molto deludenti, per cui il problema, anche se non grave, non si risolve.
Dopo aver testato sulle mie mani provate duramente da freddo, continui impasti e lavoretti domestici, questa crema alla cera d’api, olio extravergine d’oliva e olio di mandorle dolci, con risultati sorprendenti dopo due sole applicazioni, ho pensato che, essendo un prodotto del tutto naturale, male non gli avrebbe fatto e gliel’ho applicata sulla nuova chiazza ruvida apparsa sul mento.
Beh, dopo solo 5 giorni il problema era del tutto scomparso!!

Ecco, non grido certo al miracolo, ma senza dubbio la crema funziona, è molto nutriente per la presenza degli olii, protettiva grazie alla cera d’api e anche profumata, che non guasta 🙂

Quindi, provatela, perchè è superveloce da fare, ma dà davvero tantissima soddisfazione!
E poi, sotto le feste, è un’idea regalo fantastica ;-P

Per quanto riguarda la cera d’api… io l’ho presa direttamente in un mielificio, ma so che dovrebbero venderla alcune erboristerie e sicuramente l’ho vista su alcune bancarelle dei mercati in cui vendono tutti i prodotti delle api.

Ingredienti per due barattolini

  • 50 g di olio di mandorle dolci
  • 40 g di olio extravergine d’oliva
  • 8 g di cera d’api
  • 90 g di acqua distillata
  • 15 g di olio essenziale di arancia dolce

Ho versato in un pentolino (che ormai uso solo per questo) l’olio di mandorle dolci, quello extravergine d’oliva, e la cera d’api ridotta a scaglie con un coltello. Ho messo il pentolino a bagnomaria, finchè la cera non si è fusa, quindi ho tolto dal fuoco e ho versato l’acqua distillata, mescolando contemporaneamente con un frustino molto velocemente, per amalgamare la crema, che addensa in fretta.

Infine ho aggiunto le gocce di olio essenziale, ho mescolato e versato nei barattoli di vetro ben puliti.

Dovrebbe conservarsi bene in ambiente non troppo caldo, ma se volete evitare problemi vi consiglio il frigorifero. Io in realtà la tengo fuori per il momento.

Dal web: 

“Le spiccate proprietà emollienti e filmogene della Cera d’api sono importanti soprattutto nel trattamento delle pelli secche ed irritabili, caratterizzate da un mantello idrolipidico insufficiente. Grazie alla sua particolare composizione, infatti, la Cera d’api contribuisce a ricostituire i lipidi naturalmente presenti sulla superficie dello strato corneo, aiutando la pelle a riacquistare la sua fisiologica funzione di barriera.” (http://www.miafarmaciaitalia.it/web/miafarmacia/cosmetica-cera-api)

“Olio di mandorle dolci: emolliente, nutriente, elasticizzante.[…] L’olio contiene acidi grassi, vitamine (soprattutto B ed E), proteine e sali minerali (zinco, ferro, calcio, magnesio, fosforo e potassio). Per questo motivo è un valido alleato di tutti i tipi di pelle – anche di quella dei neonati, degli anziani e dei soggetti allergici – dei capelli e delle labbra.” (http://www.greenme.it/consumare/cosmesi/11228-olio-mandorle-proprieta)

“Recenti studi hanno dimostrato che la composizione in grassi dell’olio di oliva è molto simile al sebo della pelle umana ed è un prodotto ricco di sostanze benefiche e principi attivi. La struttura dell’olio extravergine d’oliva, infatti, è ricca di polifenoli, vitamina E e carotenoidi che svolgono un’azione naturale anti-invecchiamento per la pelle, contribuendo a contrastare i radicali liberi, l‘infiammazione e lo stress ossidativo.” (http://www.tantasalute.it/articolo/olio-d-oliva-proprieta-cosmetiche-curative-e-nutrizionali/45779/)

Pin It