07 Lug

Torta fredda alle pesche e amaretti con crema di mascarpone e yogurt

Una torta veloce, golosa e molto estiva che chiude degnamente un barbecue o una cena con amici.
E poi, c’è il vantaggio di poter rendere presentabile il dolce in poche mosse, senza che siano necessarie particolari abilità!

torta_pesche

Per quanto riguarda il gusto, ho amato molto il bilanciamento tra dolce della crema e il  sapore un po’ aspro delle pesche noci e del limone, che ha reso questo dessert per nulla stucchevole né troppo pesante.

Ingredienti:

  • 400 g di savoiardi
  • 500 g di mascarpone
  • 250 ml di panna fresca (quindi non zuccherata)
  • 150 g di yogurt molto cremoso (io alla fragola)
  • 100 g di zucchero a velo
  • 4 pesche noci
  • il succo di un limone
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • circa 80 g di amaretti

Ho sbucciato e tagliato a dadini le pesche, quindi le ho messe in una ciotola e le ho condite col succo di un limone e lo zucchero di canna.

Ho mescolato il mascarpone con lo zucchero a velo e lo yogurt, amalgamando bene, quindi ho montato la panna fresca e l’ho mescolata delicatamente alla crema facendo attenzione a non smontarla.

Ho scolato bene le pesche dal loro succo, mettendolo in una ciotola in cui poi ho bagnato i savoiardi.

Ho spalmato il fondo della tortiera con poca crema, quindi ho iniziato a sistemare i savoiardi tagliati a metà e bagnati nel succo in verticale, tutto intorno ai bordi.
Terminata la circonferenza, ho fatto uno strato di biscotti sul fondo della tortiera (in orizzontale), ricoprendolo interamente.

Ho realizzato un nuovo strato di crema, quindi uno strato con tutte le pesche e poi ancora uno strato di savoiardi bagnati e crema a ricoprire tutto.

Per finire il dolce, ho ricoperto la superficie con gli amaretti (non bagnati).

Se il succo di pesche e limone non è sufficiente, potete allungarlo con altro limone diluito con un poco di acqua e dolcificato con poco zucchero.

Il dolce va lasciato riposare in frigorifero qualche ora, anche un giorno intero volendo.

Pin It
05 Lug

Melanzane a barchetta

Dalle mie parti si usa fare le classiche melanzane a barchetta, ben farcite e golose, ma anche questa versione più light ma altrettanto gustosa.

melanzane2

Invece di preparare una vera e propria farcitura, le melanzane vengono solo fatte a metà e poi intagliate sulla superficie. Sono quindi condite con pomodori freschi, aglio e basilico, nella versione base, ma spesso arricchite da abbondante parmigiano e, nella mia versione, anche qualche oliva di Gaeta.

Normalmente sono cotte interamente in forno, ma è possibile sbollentarle prima per cuocerle in forno più rapidamente, mantenendo la melanzana meno secca, oppure cuocerle in padella.

Io preferisco la versione in cui prima vengono sbollentate e poi cotte in forno.

Ecco la mia ricetta domenicale per la rubrica di Visit Terracina.

melanzaneIngredienti per 2 porzioni:

  • 2 melanzane lunghe
  • circa 15 pomodorini
  • 1 spicchio di aglio
  • qualche foglia di basilico
  • parmigiano grattugiato
  • una decina di olive di Gaeta (facoltative)
  • sale e olio extravergine d’oliva q.b.

Ho tagliato a metà per il verso lungo le melanzane. Le ho intagliate sulla superficie effettuando incisioni per il verso lungo e poi in orizzontale, creando un reticolo.

Ho sbollentato le melanzane immergendole in acqua bollente per circa 10 minuti, finchè non hanno iniziato ad ammorbidirsi.

Nel frattempo ho preparato una dadolata con i pomodorini, condendoli con olio, sale, basilico e aglio tritato e infine olive di Gaeta a pezzetti.
Ho scolato dall’acqua le melanzane e le ho farcite con i pomodori conditi, cercando di inserirne un po’ anche tra i tagli superficiali.

Ho cosparso tutto con abbondante parmigiano e infornato a 200° per circa 30 minuti, irrorando con un filo di olio extravergine d’oliva a fine cottura.

melanzane3

Pin It