29 Nov

Arista con crema al profumo di arancia

L’arista in crema è davvero un secondo molto apprezzato la domenica e lascia spazio a molte varianti: ai funghi, al latte, alle carote… ma oggi abbiamo fatto il pieno di betacarotene con una salsa tutto arancione! Carote, peperone rosso e arancia, un mix gustosissimo che ha conquistato grandi e piccini.

arista2

Ingredienti:

  • 1.500 g di arista
  • 1 peperone rosso
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 arancia non trattata
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 bicchierino di rum
  • sale q.b.
  • 200 ml di panna fresca

arista

Ho affettato la cipolla e l’ho messa a dorare in olio extravergine d’oliva a fiamma molto bassa. Nel frattempo ho pulito e affettato (in pezzi grossi) le carote e il peperone, aggiungendoli alla cipolla.

Ho quindi posto sulle verdure l’arista, bagnandola con il rum, ho coperto e lasciato cuocere a fiamma bassa per circa 2 ore e mezza.
Dopo circa 1 ora e mezza di cottura ho aggiunto la scorza grattugiata di un arancio e il succo di metà.

A fine cottura (ma verificate i tempi in base al peso della carne), ho tolto dalla pentola l’arista, ho salato le verdure, aggiunto il succo dell’altra metà dell’arancia e ho tritato tutto con il frullatore ad immersione, ottenendo una crema profumata a cui ho aggiunto anche la panna, lasciando addensare pochi minuti sul fuoco basso.
Ho affettato l’arista in fettine sottili e ho condito con abbondante crema prima di servire.

arista3

Pin It
22 Nov

Pasta al forno “in piedi”

La domenica non è domenica senza un bel piatto di pasta al forno!
Nella sua versione “sull’attenti” è più simpatica da vedere ma sempre golosissima e irrinunciabile… e i piccoli di casa si divertiranno un mondo a mettere in piedi tutti i paccheri che verranno poi farciti e infornati.

pasta_inpiedi

Ingredienti per 6 porzioni:

  • 60 paccheri
  • 1 etto di mortadella
  • 1 etto di salame
  • 1 bottiglia di passata di pomodoro
  • 1 scalogno
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • 100 g di pancetta
  • 350 g di fiordilatte
  • 40 g di parmigiano grattugiato

Per la besciamella

  • 50 g di burro
  • 50 g di farina
  • 500 g di latte

Ho lessato i paccheri in acqua bollente salata per la metà del tempo di cottura indicato sulla confezione, quindi li ho scolati e  fatti raffreddare.

Ho preparato il sugo, tritando uno scalogno e facendolo imbiondire in olio extravergine d’oliva insieme alla pancetta tritata. Ho quindi aggiunto la passata, ho salato e lasciato cuocere e restringere il sugo.

Ho cotto i piselli in una padella con un filo d’olio e acqua e nel frattempo ho preparato la besciamella al microonde.
E’ un metodo molto comodo da usare, perchè ci permette di continuare a preparare tutto il resto senza doverci preoccupare di mescolare, far attaccare, bruciare o raggrumare la salsa: ci penserà il timer del microonde ad avvisarci!

Ho fuso il burro al microonde, quindi l’ho mescolato alla farina. A questo punto ho aggiunto poco latte mescolando bene e infine anche il resto.
Ho messo la ciotola di vetro in microonde e ho lasciato cuocere 2 minuti a 650 W. Ho aperto e mescolato, quindi ho continuato a cuocere per 2 minuti alla volta, mescolando ogni volta tra un ciclo e l’altro, finchè non ha iniziato ad addensarsi.
Per cuocere la pasta al forno avremo bisogno di una besciamella piuttosto liquida, quindi attenzione a non farla addensare troppo.

Ho mescolato la salsa al sugo, quindi ho tritato col coltello (quindi in modo un po’ grossolano) la mortadella, il salame e il fiordilatte.

Ho mescolato 3/4 del sugo con besciamella con i piselli, i salumi e il formaggio e ho aggiunto il parmigiano (lasciandone da parte un poco per gratinare la superficie).
Ho messo sul fondo della teglia parte del sugo senza farcitura, sopra ho posizionato i paccheri in verticale (o meglio, l’ha fatto la mia duenne) e poi li ho farciti con l’aiuto di un cucchiaino.

pasta_inpiedi_angelica

Infine ho ricoperto tutto con il sugo avanzato e col parmigiano.
Ho infornato a 220° per circa 40 minuti.

pasta_inpiedi_pre

Pin It
21 Nov

Dado granulare vegetale (procedimento veloce)

Già da qualche anno avrei voluto provare  a realizzare in casa il preparato per brodo granulare, ma l’idea di essiccare in forno per ore le verdure (in mancanza di essiccatore) mi faceva desistere.
E poi l’illuminazione… e se avessi usato il microonde??
Mi sono quindi documentata un po’ sul web e ho trovato chi lo aveva già fatto, quindi non ho avuto più dubbi! Quest’anno dado fatto in casa per le minestrine dei miei bimbi!!

dado2

Il procedimento risulta quindi molto semplice e rapido, alla portata davvero di tutti e, conservandosi diversi mesi in un barattolo di vetro, può essere fatto all’inizio dell’autunno e usato fino alla fine dell’inverno senza problemi!
E poi… è una bellissima idea regalo in vista del Natale!!

Le verdure usate naturalmente possono essere le vostre preferite… l’importante è rispettare la giusta proporzione di sale. 

dado

Ingredienti per circa 400 g di preparato:

  • 1 Kg circa di verdure (pesate già pulite) tra cui: 2 carote, 1 broccolo, 1 porro, 1 peperone
  • 330 g di sale grosso

Ho lavato, mondato e tagliato in pezzi grossi le verdure, mettendole in una pentola con il sale, quindi ho lasciato cuocere a fiamma moderata per circa 40 minuti.

Non appena le verdure si sono ammorbidite e ben cotte, ho frullato tutto col frullatore a immersione.

A questo punto ho spalmato parte della crema ottenuta (molto densa) su un foglio di carta da forno posto sopra il piatto di vetro del microonde. Lo spessore non deve essere alto.

Ho lasciato cuocere al microonde per 2 minuti alla volta al massimo della potenza. Alla fine dei 2 minuti, ho mescolato un po’ e spalmato nuovamente per far cuocere in modo uniforme tutto il preparato.
Ho ripetuto le stesse operazioni in totale per 5 volte (ogni cottura da 2 minuti), eliminando quando necessario dei pezzi già secchi, per evitare che bruciassero.

dado_seq

Naturalmente i tempi sono variabili in base all’umidità delle verdure, alla potenza del microonde o allo spessore dato alla crema, quindi verificate i tempi più adatti a voi.
Il preparato dovrà risultare secco e duro, senza tracce di umidità.

A questo punto, basterà tritare tutto col frullatore e mettere la polvere ottenuta in un barattolo di vetro.

Per il vostro brodo, basta aggiungere circa 1 cucchiaino colmo per porzione nell’acqua.
Le prime volte magari assaggiate prima per testare la giusta quantità in base al vostro gusto 🙂

Pin It
19 Nov

Torta farfalla

E così siamo arrivati ai fatidici 2 anni anche per Angelica… i “terrible two”, li chiamano, non che prima dei due sia una passeggiata e che dopo migliori molto… anzi! 😀

Comunque sia, il momento più divertente di ogni compleanno è sempre quello in cui si decide quale torta realizzare, il tema, il gusto, i colori…
Finora questo momento è sempre stato condiviso solo col mio bimbo più grande, Gabriele, che ormai ha 5 anni e mezzo (e pensa al suo prossimo compleanno già da luglio) ma immagino che presto anche la piccolina parteciperà attivamente e farà valere le sue opinioni a proposito!
In questo caso, io ho scelto il tema “farfalla” e Gabriele ne ha deciso il gusto e il colore.
La farcitura è stata quindi a base di crema al mascarpone e marmellata di fragole, talmente golosa che Gabriele ha deciso che anche per il suo compleanno ci sarà la stessa (in realtà, è recidivo… anche lo scorso anno ha scelto gli stessi ingredienti! :-D)

torta_angelica

Se fate questa torta in estate, non potete non aggiungere anche delle fragoline fresche… sarà strepitosa!

Ingredienti per una torta tonda dal diametro di 26 cm

  • 3 uova
  • 250 g di zucchero
  • 250 g di farina
  • 120 g di olio
  • 120 g di succo di frutta (o succo di limone allungato con acqua)
  • 1 bustina di lievito

Per la crema

  • 600 g di marmellata di fragole
  • 500 g di mascarpone
  • 250 g di panna fresca

Per la bagna

  • succo di 2 limoni
  • mezzo bicchiere di acqua
  • 2 cucchiai di zucchero

Per la finitura

  • confettini colorati
  • cioccolato fondente

torta_angelica2

Un paio di giorni prima ho preparato la base, che deve essere una torta tonda per realizzare la forma di farfalla.

Ho montato le uova con lo zucchero, quindi ho aggiunto l’olio e il succo, mescolando bene. Per ultimo ho aggiunto la farina miscelata col lievito, amalgamato senza lasciare grumi e infine ho versato nello stampo imburrato e infarinato.

Ho cotto a 180° per circa 45 minuti (appena rassoda, fate la prova con lo stuzzicadenti per verificare la cottura così non seccherà troppo al suo interno).

Il giorno prima della festa ho preparato la crema: ho mescolato il mascarpone con la marmellata di fragole, infine ho aggiunto la panna montata, mescolando molto delicatamente per non smontarla.

Ho tagliato la torta in 3 dischi e poi ho realizzato i tagli per creare la forma a farfalla, come appare nel disegno.

taglio_torta_farfalle

A questo punto ho posizionato nel vassoio di portata i vari pezzi e ho iniziato a farcire abbondantemente con la crema ogni strato di ognuna delle 4 parti della torta, solo dopo aver bagnato generosamente con un pennello ogni parte di torta con il succo di limone (ottenuto mescolando il succo di 2 limoni, con mezzo bicchiere di acqua e 2 cucchiai di zucchero).
Con la restante crema ho ricoperto anche tutta la superficie e tutti i bordi della farfalla.

Ho fatto riposare la torta in frigorifero tutta la notte e la mattina seguente l’ho decorata con i confettini.
Ho disegnato col cioccolato fuso dei semplici disegni sulle ali per avere un po’ di colore in più e poi ho ricoperto tutta la superficie con confettini rosa, i disegni con confettini gialli e verdi e i bordi esterni con i confetti di colore misto.

Per il corpo della farfalla ho usato una semplice cannuccia, ma in realtà si potrebbero facilmente usare dei biscotti lunghi (tipo 3-4 togo in fila).

 

Pin It
02 Nov

Crostata di ricotta al caffè e alchermes

Anche questa crostata è gluten free, come quella con crema al cocco, perchè realizzata con una pasta frolla con farina di riso.

E’ farcita con una golosa crema di ricotta al caffè senza uova, aromatizzata con profumatissimo alchermes, da preparare in un minuto!

crostata_caffe

Ingredienti:

  • 200 g di farina di riso
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 1 tuorlo

Per la farcitura

  • 450 g di ricotta
  • 170 g di zucchero di canna
  • 1 tazzina di caffè piena fino all’orlo
  • 1/2 tazzina di alchermes

Ho fuso il burro e l’ho mescolato con lo zucchero e il tuorlo, quindi ho aggiunto la farina e fatto assorbire i liquidi amalgamando con la frusta prima e con le mani dopo.

Ho lasciato quindi riposare in frigorifero per circa 30 minuti.

Nel frattempo, ho mescolato la ricotta con lo zucchero, il caffè e il liquore, ottenendo una profumatissima crema.

Ho steso la pasta frolla di riso, tenendone da parte circa 1/4 per realizzare con essa le strisce di finitura.
Ho foderato con la frolla lo stampo per la crostata, ho versato sopra la crema e ho rifinito tutto con le strisce tagliate con la rotella dentellata dalla pasta precedentemente stesa col mattarello.

Ho infornato a 180° per circa 1 ora (verificate la cottura in base al vostro forno).

PS. se la pasta frolla si sbriciola troppo e non tiene la forma, potete impastarla con un cucchiaio di acqua fredda.

Pin It
02 Nov

Crostata di farina di riso con crema al cocco delicata

In autunno amo fare crostate: golose, adatte a mille farciture e varianti, leggere o ultracaloriche… insomma, riescono sempre a rendere speciale la merenda domenicale!

In questa crostata ho usato farina di riso e, nella farcitura, una crema al cocco che è stata una vera scoperta!
La ricetta della crema non è mia, ma l’ho trovata in questo blog. L’ho solo resa più delicata eliminando il succo del limone e utilizzando solo le bucce.
Ha la stessa consistenza della crema pasticcera ma è senza uova e il caratteristico aroma del cocco con l’aggiunta del profumo del limone.

crostata_cocco

Questa crostata è gluten free, visto che la frolla è di sola farina di riso e nella farcitura è presente solo fecola di patate.

Ingredienti:

  • 200 g di farina di riso
  • 100  g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 1 tuorlo

Per la crema:

  • 500 g di latte di cocco
  • 50 g di fecola di patate
  • 70 g di zucchero di canna
  • la buccia di 1 limone
  • una manciata abbondante di gocce o scaglie di cioccolata

Ho fuso il burro, l’ho mescolato allo zucchero, ho aggiunto l’uovo e infine ho unito la farina di riso, mescolando prima con la frusta per far assorbire tutto il composto liquido, poi con le mani, dando consistenza e amalgamando l’impasto.
Ho avvolto nella pellicola la frolla e l’ho fatta riposa in frigorifero.

Nel frattempo ho mescolato in un pentolino dal fondo spesso lo zucchero e la fecola, ho aggiunto il latte di cocco e ho mescolato fino a non avere grumi.
Ho quindi tagliato la buccia di un limone (non trattato mi raccomando) in pezzi grossi, ma facendo attenzione a eliminare la parte bianca, più amarognola, aggiungendo anch’essa al latte.
Ho messo il pentolino sul fornello a fiamma moderata e ho lasciato addensare, mescolando con la frusta, per circa 7-8 minuti.
La crema avrà la stessa consistenza di una pasticcera e risulterà più soda col raffreddamento, ma non fatela addensare troppo visto che cuocerà ancora nel forno.
Spento il fuoco, eliminate le bucce del limone.

Ho steso la frolla di riso e con essa ho rivestito una teglia per crostate, ho versato sopra la crema e infine ho aggiunto una manciata di scaglie di cioccolato sulla superficie.

Ho infornato a 180° per circa 45 minuti (verificate la cottura in base al vostro forno).

crostata_cocco2

Pin It