31 Dic

Sale all’arancia

Ho la passione per i doni da confezionare in eleganti barattolini di vetro, facili da realizzare, con pochi ingredienti ma di alta qualità, che stupiscano e conquistino chi li riceve.

Ne ho diversi qui sul blog, ma quest’anno ho voluto provare un nuovo tipo di sale aromatico, dopo aver realizzato con successo quello al rosmarino e, soprattutto,  quello al vino rosso.

sale_arancia

Proprio da quest’ultima ricetta ho infatti preso ispirazione per il procedimento da utilizzare per aromatizzare il sale all’arancio. Ho spulciato un po’ di ricette in giro, ma tutte prevedevano l’uso della scorza essiccata dell’agrume e niente di più. Io invece cercavo un risultato più intenso, adatto a rilasciare un aroma pieno anche in cottura.

Le arance usate sono delle ottime arance siciliane biologiche, così da poter essere usate interamente, sia nel succo che nella buccia.

Questo sale è particolarmente adatto a insaporire piatti di pesce, ma anche carni bianche.

Ingredienti:

  • 100 g di succo di arancia (ottenuto da circa 2 arance)
  • 350 g di sale grosso
  • la scorza grattugiata delle 2 arance

Ho grattugiato la scorza delle arance, quindi le ho spremute per ricavarne il succo.

Ho versato quest’ultimo in una ciotola con il sale grosso e ho lasciato il tutto coperto per circa 2 ore.

Trascorso questo tempo, ho scolato il succo (che potete anche mettere da parte per aromatizzare altro sale o per insaporire della carne in cottura), ho mescolato il sale insieme alla scorza grattugiata dell’arancio e ho sistemato tutto su una teglia ricoperta da carta da forno, facendo attenzione a farne uno strato non troppo spesso.

Ho quindi infornato a temperatura bassissima finché il sale non è risultato perfettamente asciutto.

Fate attenzione perchè, probabilmente a causa degli zuccheri contenuti nell’arancio, tende a imbrunirsi facilmente. I tempi sono abbastanza brevi (20-30 minuti) se avete scolato bene il sale, quindi controllate spesso per verificare i tempi di asciugatura in base al vostro forno e all’umidità del sale.

Una volta perfettamente asciutto e freddo, potete mettere il vostro profumatissimo sale in una barattolo di vetro e tenerlo per condire pesce, carne, insalata… oppure regalarlo!

sale_arancia2

E visto che oggi è San Silvestro… Buon 2016 a tutti!!!

Come vedete io nei calici ci ho messo il sale 😀

Pin It
07 Dic

Torta di cachi al cacao

Adoro  i cachi al naturale, sia nella versione morbida che in quella più dura, e quindi non me ne avanzano mai per utilizzarli in qualche ricetta ;-P

Stavolta allora li ho comprati appositamente per farne un dolce! E soprattutto… un dolce al cacao! Non pensate che l’aroma vaniglioso dei cachi si adatti alla perfezione al cacao?

torta_cachi

Il risultato è un dolce molto morbido, cioccolatoso ma che allo stesso tempo dona una maggiore sensazione di leggerezza rispetto ai classici dolci al cacao.

La ricetta non è mia, l’ho ripresa da qui con pochissime differenze.

Ingredienti:

  • 75 g burro
  • 100 g di zucchero di canna
  • 2 uova
  • 500 g polpa di cachi morbidi frullata (circa 4 cachi)
  • 200 g di farina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 30 g cacao in polvere
  • 100 g di gocce di cioccolato
  • 1 pizzico di sale

Ho fuso il burro, mescolandolo con una frusta allo zucchero. Una volta amalgamato, ho aggiunto anche le uova, continuando a mescolare e ottenendo un composto spumoso.

Ho frullato la polpa dei cachi e l’ho aggiunta al composto, quindi ho mescolato in un altro recipiente la farina, il lievito, il cacao e il sale e poi ho amalgamato insieme le polveri al composto cremoso.
Per ultimo ho aggiunto le gocce di cioccolato.

Ho versato in una teglia imburrata e infarinata e ho infornato a 180° per circa 1 ora, spegnendo solo dopo aver effettuato la prova con lo stuzzicadenti, che, inserito nel dolce, dovrà uscire del tutto asciutto.

 

Pin It