02 ott

Girandole di biscotti

Volevo preparare dei biscottini per il compleanno di una collega, ma sui biscotti sono sempre un po’ monotona: ho pochissime ricette che definirei collaudate e poca fantasia.

E invece, ho ricordato che da un po’ avevo adocchiato su Pinterest questi bellissimi biscotti a girandola, bianchi e neri, che vanno congelati per mantenere la forma e poi infornati. Ma come spesso, su Pinterest, a un’immagine non corrisponde una ricetta, ma solo un’idea. E io, non avendo tempo di sperimentare, perchè avevo il tempo di una sola infornata, ho cercato una ricetta che mi desse fiducia e l’ho trovata in questa di La Tarte Maison.

Non ho modificato nulla, a parte l’uso di zucchero semolato invece dello zucchero a velo (non ho rischiato con quello di canna, che nei biscotti si amalgama meno e rimane visibile nell’impasto) e non ho utilizzato la vaniglia perchè non l’avevo (ho pensato solo dopo che avrei potuto usare del cardamomo… vabbè sarà per la prossima volta).
E poi, nella lavorazione, ho preferito usare il mio solito metodo di mettere il burro a freddo e non a temperatura ambiente, perchè mi trovo bene in questo modo e, scaldando meno l’impasto, è più facile lavorarlo.

Bustina Star

Infine, non c’è paragone tra il mio risultato un po’ sbilenco e i precisissimi biscotti di Marina… il suo procedimento è davvero perfetto :-)

Il risultato non è niente male, i biscotti sono molto fragranti e friabili, ma con l’aggiunta di qualche aroma avrebbero avuto quello sprint in più! Per cui li rifarò senz’altro aggiungendo un po’ di… vedremo!

Ingredienti:

  • 250 g di farina
  • 125 g di burro
  • 150 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 20 g di cacao
  • un cucchiaio di cannella (consigliato :-) io l’ho aggiunto nella nuova versione del 08/10/2012)

Ho mescolato la farina con lo zucchero e la cannella, quindi ho messo al centro l’uovo e il burro freddo a pezzi e lavorato bene e velocemente con le mani fino a ottenere un impasto omogeneo.
Quindi ho diviso a metà la frolla ottenuta, una parte l’ho messa subito in frigo, mentre alla parte restante ho aggiunto il cacao e impastato ancora per amalgamarlo e ottenere un impasto scuro.

Ho messo anche questo in frigorifero e lasciato riposare tutto per circa 20-30 minuti.

Trascorso il tempo, ho steso prima l’impasto bianco, cercando di dargli una forma rettangolare il più precisa possibile (Marina, molto precisa, ha utilizzato come riferimento un foglio A4).

Ho steso quindi anche l’impasto al cacao, cercando di ottenere un rettangolo leggermente più stretto del primo sul lato lungo.

A questo punto ho sovrapposto la frolla scura a quella bianca, facendo coincidere uno dei lati lunghi e lasciando circa mezzo cm. sull’altro lato. Ho passato il mattarello molto leggermente, solo per far aderire un pochino i due strati, quindi ho semplicemente arrotolato tutto partendo dal lato in cui le due frolle coincidevano.

Ottenuto un bel salamino (nella ricetta originale, con questo impasto vengono realizzati due salamini, quindi i biscotti sono di dimensioni decisamente inferiori ai miei), ho avvolto tutto nella pellicola e poi messo in congelatore, fino a completo indurimento (almeno 30 minuti).

Assicuratevi che il salamino poggi su una superficie piana e liscia, perchè altrimenti vi verranno dei biscotti piuttosto storti.

Quando l’impasto è ben duro, usate un buon coltello per “affettare” i vostri biscotti: realizzate delle sezioni di circa mezzo cm di spessore e metteteli ben distanziati su una teglia ricoperta di carta da forno.
I biscotti, ricchi di burro, col calore tendono ad “adagiarsi” sulla carta diventando più grossi e quindi rischiano di attaccarsi gli uni agli altri.

Infornate a 180° per circa 15 minuti, non devono diventare scuri per non perdere il disegno… Poichè i biscotti di frolla restano sempre un po’ morbidi col calore anche quando sono pronti, io ne tiro sempre fuori uno quando credo che la cottura debba terminare e lo faccio raffreddare leggermente per capire se sono cotti. Quindi tiro fuori tutto e faccio raffreddare :-)

Tovaglietta Green Gate

Pin It

Potrebbe interessarti anche:

9 thoughts on “Girandole di biscotti

  1. eccola! finalmente ho letto la ricetta! proprio come li relaizzai io anni addietro.. adesso mi hai fatto scattare la voglia di rifarli… il procedimento praticamente lo stesso gli ingredienti qualcosa di diverso… ma quel gusto è squisito! bravissima! sono davvero bellissimi:*

  2. @Claudia: pare siano piaciuti molto :-)

    @Laura: ti assicuro che è più facile farli che spiegarli ;P

    @Simona: alla fine è il procedimento che conta… poi si può usare una qualunque pasta frolla, purchè non ci sia lievito.

    @Federica: eh si, a mala pena si riesce a fotografarli! E poi la forma invoglia i bimbi… Gabriele voleva per forza mangiarli già da crudi! :-D

  3. Complimenti! Sono felice che ti siano piaciuti e soprattutto che ti siano venuti così bene :) Mi fa sempre piacere quando rifanno una mia ricetta, grazie per la fiducia!

  4. Grazie infinite! io sono stata la fortunata a ricevere questo bellissimo regalo! i biscotti avrei voluto lasciarli intatti, perché erano troppo troppo carini, ma dopo aver assaggiato il primo non ho resistito e insieme alle mie coinquiline li abbiamo già finiti! ottimissim consistenza e sapore, con il caffè ieri mattina ci ho fatto una mega e gustosissima colazione! GRAZIE PAOLA!!

  5. Biscotti buonissimi e profumatissimi nella versione con la cannella (resta l’aroma in casa dopo la cottura!).. bisogna solo fare attenzione al tempo di cottura, perchè, ahimé, mi son venuti troppo duri.. Ma riproverò! Simpatico il procedimento (frigo-riposo-freezer, etc.), c’è la possibilità di rilassarsi e fare altro nel frattempo! Grazie per la ricetta!

  6. @Marina: mi ha davvero colpito immediatamente la ricetta ;-P

    @Paola: contentissima che ti siano piaciuti!! :-)

    @Marta: che bello avere testimonianze di chi prova le ricette che propongo! Mi spiace per la consistenza un po’ dura, ma basta fare attenzione alla cottura: i biscotti con molto burro vanno sempre tirati fuori dal forno leggermente morbidi. Fai la prova con uno e se raffreddandosi diventa della giusta consistenza, tira subito fuori tutto! :-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>