07 Lug

Torta fredda alle pesche e amaretti con crema di mascarpone e yogurt

Una torta veloce, golosa e molto estiva che chiude degnamente un barbecue o una cena con amici.
E poi, c’è il vantaggio di poter rendere presentabile il dolce in poche mosse, senza che siano necessarie particolari abilità!

torta_pesche

Per quanto riguarda il gusto, ho amato molto il bilanciamento tra dolce della crema e il  sapore un po’ aspro delle pesche noci e del limone, che ha reso questo dessert per nulla stucchevole né troppo pesante.

Ingredienti:

  • 400 g di savoiardi
  • 500 g di mascarpone
  • 250 ml di panna fresca (quindi non zuccherata)
  • 150 g di yogurt molto cremoso (io alla fragola)
  • 100 g di zucchero a velo
  • 4 pesche noci
  • il succo di un limone
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • circa 80 g di amaretti

Ho sbucciato e tagliato a dadini le pesche, quindi le ho messe in una ciotola e le ho condite col succo di un limone e lo zucchero di canna.

Ho mescolato il mascarpone con lo zucchero a velo e lo yogurt, amalgamando bene, quindi ho montato la panna fresca e l’ho mescolata delicatamente alla crema facendo attenzione a non smontarla.

Ho scolato bene le pesche dal loro succo, mettendolo in una ciotola in cui poi ho bagnato i savoiardi.

Ho spalmato il fondo della tortiera con poca crema, quindi ho iniziato a sistemare i savoiardi tagliati a metà e bagnati nel succo in verticale, tutto intorno ai bordi.
Terminata la circonferenza, ho fatto uno strato di biscotti sul fondo della tortiera (in orizzontale), ricoprendolo interamente.

Ho realizzato un nuovo strato di crema, quindi uno strato con tutte le pesche e poi ancora uno strato di savoiardi bagnati e crema a ricoprire tutto.

Per finire il dolce, ho ricoperto la superficie con gli amaretti (non bagnati).

Se il succo di pesche e limone non è sufficiente, potete allungarlo con altro limone diluito con un poco di acqua e dolcificato con poco zucchero.

Il dolce va lasciato riposare in frigorifero qualche ora, anche un giorno intero volendo.

Pin It
26 Ott

Sbriciolata alle mele, uva moscato e amaretti

Ho comprato una semola favolosa… profuma non appena apri il pacco, figuratevi dopo la cottura!
E no, non collaboro con loro, ma se trovo un buon prodotto che non costa nemmeno una fortuna ve lo segnalo con piacere 🙂

E poichè la domenica amo fare crostate, ho provato la semola per frolle che ispira già a partire dalla confezione con il mitico Montersino sopra 😀

sbriciolata

Oggi avevo una gran voglia di una crostata di mele, semplice ma golosa e profumata, che ho reso più particolare aggiungendo dell’uva moscato (di Terracina, naturalmente ;-P ) e degli amaretti sbriciolati.
Naturalmente ne abbiamo mangiata già più della metà… ma il profumo è davvero irresistibile!

Ingredienti per una crostata da 26 cm di diametro:

  • 400 g di semola di grano duro rimacinata (ma anche farina 00 se non ne avete)
  • 200 g di burro morbido
  • 200 g di zucchero di canna
  • 1 uovo
  • 2 mele medie
  • 150 g di uva moscato
  • 8 amaretti secchi sbriciolati

Ho mescolato il burro morbido con lo zucchero e l’uovo, quindi ho versato questa crema sulla farina e ho impastato ottenendo una palla omogenea che ho messo a riposare in frigorifero circa 1 ora.

Trascorso il tempo, ho steso la metà della frolla col mattarello e con essa ho rivestito il fondo di una tortiera in alluminio per crostate (su questa non serve imburrare).

Ho sistemato sopra le mele tagliate a fettine, poi l’uva (tagliata a metà e privata dei semini) ed infine gli amaretti sbriciolati.

crostata_mele

Teglia Icont

Invece delle solite strisce di frolla, ho completato la crostata sbriciolando sulla superficie l’impasto rimanente, ricoprendola del tutto. crostata_mele2

Ho infornato a 180° finchè non si è dorata in superficie (circa 30 minuti).

Pin It
27 Ago

Torta con crema di mandorle e amaretti

Di nuovo una bella e fresca torta cremosa! Stavolta un trionfo di mandorle… adoro infatti la crema di mandorle e mi piace molto usarla nella farcitura dei dolci, se poi l’aroma è esaltato dal latte di mandorla usato nella base e dagli amaretti che completano la crema, la golosità è assicurata!

torta_mandorle3

Ingredienti per la base:

  • 250 g di farina
  • 220 g di zucchero
  • 100 g di olio extravergine d’oliva o d’oliva
  • 100 g di latte di mandorle
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito

Ingredienti per la crema:

  • 500 g di ricotta
  • 250 ml di panna fresca
  • 350 g di crema di mandorle
  • 4 cucchiai di zucchero a velo (facoltativi)
  • circa 20 amaretti
  • fragole, biscotti per decorare

Ho montato le uova con lo zucchero, quindi ho aggiunto il latte di mandorla e l’olio, continuando a mescolare con le fruste.
Infine ho incorporato farina e lievito e ho versato in una teglia imburrata e infarinata, infornando a 180° per circa 45 minuti. Quando vi sembra pronta, fate la prova con uno stuzzicadente: se immergendolo nella torta esce asciutto, la torta è pronta.

Per la crema ho mescolato insieme con una spatola la ricotta, lo zucchero e la crema di mandorle.

A parte ho montato la panna fresca e l’ho aggiunta delicatamente alla crema di mandorle e ricotta.
Ho infine sbriciolato a mano gli amaretti e li ho mescolati alla crema, tenendone da parte un paio di manciate per ricoprire la superficie del dolce.

torta_mandorle1Ho tagliato a metà la torta (solo quando era ben fredda) e l’ho ricoperta nel mezzo con un abbondante strato di crema.
Ho posizionato sopra l’altro strato di dolce e l’ho quindi ricoperto interamente con la restante crema (superficie e bordi).

Tutt’intorno ho sistemato dei biscotti per decorare e sulla superficie ho invece sparso le briciole di amaretti rimasti, posizionando in centro delle fragole, per dare un tocco di colore contrastante.

torta_mandorle2

 

Pin It
21 Giu

Dolcetti con ciliegie e amaretti

Questi dolcetti me li ero immaginati già da una decina di giorni e non facevo che pensare alla loro realizzazione, finchè finalmente, approfittando di qualche giornata più fresca, ho impastato un po’ di pasta frolla e li ho infornati! Beh. sono venuti proprio come li immaginavo… golosi! E come le ciliegie, uno tira l’altro! ciliegie_ap1

Mio figlio si è divertito ad aiutarmi a realizzarli: basta mettere una ciliegia all’interno di un disco di pasta frolla, sbriciolare degli amaretti all’interno (la parte più divertente per i bimbi) e fare una bella pallina… poi mamma inforna e si gusta tutti insieme!

Ingredienti per 30 dolcetti:

  • 30 ciliegie
  • 80 g di amaretti
  • 200 g di farina
  • 100 g di zucchero di canna
  • 100 g di burro
  • 1 tuorlo d’uovo

Ho impastato il burro con lo zucchero, il tuorlo d’uovo e la farina, ottenendo un impasto omogeneo.
L’ho messo a riposare in frigorifero per circa 1 ora.

Trascorso il tempo, ho inciso le ciliegie, inserendo il coltello vicino il seme e facendolo ruotare tutt’intorno, ricavando solo la polpa.
Ho sbriciolato gli amaretti con le mani e ho iniziato a comporre i dolcetti, stendendo la pasta frolla con uno spessore di circa mezzo cm. Da essa ho ricavato dei cerchi di pasta, in mezzo ai quali ho posizionato le ciliegie senza semi.
All’interno di ogni ciliegia ho messo un cucchiaino circa di amaretti sbriciolati e ho chiuso la pasta intorno alla ciliegie, creando delle palline ripiene.

ciliegie_cr

Ho messo queste palline su una teglia per il forno ricoperta da carta da forno e ho lasciato cuocere a 180° finchè non si sono dorate un pochino (circa 15 minuti).

ciliegie_ap

Pin It
09 Mag

Torta fredda cremosa agli amaretti

Di nuovo caldo, di nuovo bel tempo e di nuovo voglia di torte fredde e golose!

E di quelle sprint, naturalmente! Rapidissime da mettere insieme e perfette per chiudere un bel barbecue in giardino 🙂

amaretti2

Teglia Poloplast

Amo gli amaretti e li uso spesso nei dolci, in questa torta li ho uniti ai savoiardi e li ho letteralmente annegati con una goduriosa crema al mascarpone (la famosa camy cream) alla crema di cacao e nocciole (Nocciolata RIgoni d’Asiago).

Ho infine bagnato i biscotti con latte e cacao per renderla adatta anche ai piccoli ospiti presenti, ma sarebbe perfetta anche con liquore all’amaretto o caffè!

amaretti

Ingredienti per uno stampo da 22 cm:

  • 300 g di savoiardi
  • 200 g di amaretti

Per la crema

  • 500 g di mascarpone
  • 250 ml di panna fresca (non zuccherata)
  • 200 g di crema di cacao e nocciole spalmabile
  • 140 g di latte condensato

Per la bagna

  • latte e cacao q.b.

Ho montato la panna fresca.
Ho mescolato con una frusta il mascarpone con il latte condensato e la crema di cacao e nocciole e infine ho unito la panna, amalgamando delicatamente per non smontarla.

Ho messo nella teglia trasparente un po’ di crema sul fondo, quindi ho fatto un giro di savoiardi su tutta la circonferenza (tagliandone un pezzetto per renderli più bassi) e uno strato sul fondo.

Ho farcito con un abbondante strato di crema, quindi uno strato di amaretti, ancora crema e ho finito il dolce con amaretti, ricoperti da una spolverata di cacao amaro e qualche scaglia di cioccolato bianco.

Ho quindi lasciato in frigorifero fino al giorno seguente (ma può essere fatta anche la mattina per la serata) e poi gustato in ottima compagnia 🙂

Pin It
04 Ott

Dolce integrale al cacao e mascarpone con amaretti

Avevo in frigorifero due confezioni di mascarpone da consumare, ma non mi andava di realizzarci creme fredde o dolci troppo estivi, visto che ora, dopo il caldo, si iniziano a gradire anche dolci più classici, che profumino la casa col loro aroma delizioso durante la permanenza in forno.

Quindi ho provato una prima versione di questo dolce una decina di giorni fa, ottenendo una torta molto morbida e profumata ma un po’ troppo zuccherosa per i miei gusti.

torta_mascarpone

Ho quindi ripetuto il tentativo, aggiustandone le dosi e realizzando così un dolce secondo me molto buono sia per la colazione che per la merenda.
La presenza di amaretti sbriciolati è facoltativa ma la consiglio per un risultato più goloso e aromatico.

Nelle foto la superficie è piatta, ma solo perchè ho tagliato la calotta superiore per ricoprirla di confettini colorati (dovevo portarla a una festa a scuola). In realtà questa torta in cottura sviluppa un bel rigonfiamento centrale, da classica “torta fatta in casa”.

Ingredienti:

  • 300 g di farina integrale (ma anche 00)
  • 150 g di fecola di patate
  • 50 g di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito
  • 260 g di zucchero di canna
  • 60 g di amaretti secchi
  • 110 g di burro
  • 3 uova
  • 230 g di latte
  • 250 g di mascarpone

Ho prima miscelato insieme la farina, la fecola, il cacao, il lievito e lo zucchero.

Ho fuso il burro, quindi ho aggiunto il mascarpone e sbattuto con una frusta per creare una crema, aggiungendo anche un uovo alla volta e infine il latte.

Ho versato questo impasto semiliquido sugli ingredienti secchi precedentemente miscelati e ho mescolato per rendere tutto ben omogeneo.

Solo a questo punto ho aggiunto anche gli amaretti sbriciolati con le mani.

Ho versato l’impasto in una tortiera ben imburrata e infarinata e cotto a 180° per circa 1 ora.

Naturalmente, prima di tirarlo fuori dal forno, fate sempre la prova stecchino.

Pin It
20 Ago

Tartufini al cioccolato fondente e amaretti

Questi tartufini sono deliziosi e facili da preparare: perfetti per essere regalati o offerti agli ospiti del dopo-cena o per accompagnare un bel caffè.

tartufini

Vassoio Poloplast

Si mangiano freddi, e questo li rende ancor più piacevoli, e le loro dimensioni mignon innescano il famoso meccanismo “uno tira l’altro”!

La base di questa ricetta è quella dei bon bon di mandorle, pistacchi e cocco, prevedendo lo stesso procedimento a base di semolino e in questo caso acqua di cocco, invece di latte di cocco o mandorle. L’acqua di cocco è infatti molto più leggera e povera di calorie, ma conserva un aroma esotico e piacevole.

Ho aggiunto all’impasto del cioccolato fondente e degli amaretti per rendere questi piccoli bocconcini irresistibili e golosi, ricoprendoli infine di confettini per invogliare anche i più piccoli (e infatti ecco un piccolo “ladro” in azione).

ladro_tartufini

Ingredienti per circa 25 tartufini:

  • 60 g di semolino
  • 250 ml di acqua di cocco (in alternativa latte di mandorla o cocco)
  • 55 g di zucchero di canna
  • 80 g di cioccolato fondente
  • 30 g di farina di mandorle (mandorle tritate finemente)
  • 50 g di amaretti (quelli secchi)

Ho fatto bollire l’acqua di cocco, quindi ho versato il semolino e lo zucchero di canna, mescolando nel pentolino ancora sulla fiamma fino a ottenere un composto sodo e asciutto (per circa 5-6 minuti).
Ho aggiunto il cioccolato fondente a piccoli pezzi, facendolo fondere e amalgamare all’impasto, e poi  la farina di mandorle.

Infine, ho sbriciolato gli amaretti con le mani e ho incorporato anch’essi al resto.

Ho lasciato raffreddare 4-5 minuti, poi ho formato delle piccole palline con le mani, facendole poi rotolare in una ciotolina con i confettini colorati, per ricoprire interamente i tartufini, sistemandoli sui pirottini.

I tartufini così formati vanno fatti riposare in frigorifero almeno 2-3 ore prima di servirli.

Se non consumati subito, possono tranquillamente essere conservati in congelatore e tirati fuori anche una ventina di minuti prima del servizio (ora che è estate).

Pin It
31 Ott

Buon Halloween!

Buona notte delle zucche stregate a tutti!
E’ il primo anno che ho qualcosa in tema da farvi vedere… non avevo mai preparato niente di “mostruoso” prima d’ora (vabbè a parte qualche orrore non voluto in cucina)!

Invece ho dato una mano con idea e stesura di pasta di zucchero per questa semplicissima torta di zucca e amaretti che serviva a mia sorella per una festa, per cui ne approfitto per un post ad hoc e per augurarvi una notte divertente tra dolcetti e scherzetti.

La torta è stata fatta addirittura a tre mani! Mamma si è occupata dell’impasto e della cottura, io della pasta di zucchero e mia sorella ha disegnato la faccia e la ragnatela.

Ingredienti:

  • 250gr farina
  • 2 uova
  • 250 gr zucchero
  • 100 gr di burro morbido
  • 1 bustina lievito per dolci
  • 1 biccherino di amaretto
  • 20 amaretti sbriciolati piccoli (o mandorle tostate e macinate)
  • 200 gr di zucca lessata e frullata
  • 1 bustina di vanillina

Per la decorazione:

  • 1 caramella tonda
  • pasta di zucchero arancione
  • pennarello nero alimentare (ma anche cioccolato fuso se siete bravi a scrivere con la sacca da pasticciere)
  • girelle di liquerizia
  • marmellata o altra crema adatta a ricoprire il dolce

Montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere il burro morbido, la farina setacciata col lievito e la vanillina, poi l’amaretto e quindi gli albumi montati a neve, piano, cercando di non smontarli.
Infine aggiungete all’impasto gli amaretti sbriciolati e la zucca lessata e tritata.  Questa operazione va fatta sempre con cautela per non smontare troppo l’impasto.

Versare tutto in una tortiera tonda imburrata e infarinata e cuocere a 180° (forno già caldo) per circa 30-40 minuti. Come sempre vale la prova stecchino.

Per la decorazione, stendete la pasta di zucchero arancione (la ricetta la trovate qui) della dimensione giusta per ricoprire l’intera torta.
Stendete un velo di marmellata su tutta la superficie del dolce freddo e sui bordi, per far aderire la pasta di zucchero, quindi stendete quest’ultima sul dolce ricoprendola interamente.

Sulla superficie potete disegnare quindi il volto di Jack O’Lantern con un pennarello alimentare nero, oppure con del cioccolato fuso e una sacca da pasticciere con bocca piccolissima.
Stessa cosa per la ragnatela. Il corpo del ragno invece è stato realizzato con una caramella tonda e le zampette di nuovo col pennarello.

Infine, abbiamo fatto un giro su tutto il bordo con le girelle di liquerizia tagliate a metà.
Queste e la caramella le abbiamo incollate usando sempre la stessa marmellata usata per spennellare il dolce.

Che ne dite? Per essere un dolce facile e velocissimo da fare non è simpatico? O, meglio ancora, “pauroso”??

Buon Halloween a tutti!

31 Mag

Dolcetti di amaretti

Due ricette di seguito con gli amaretti 🙂

Facendo il dolce con pesche e amaretti mi è tornata in mente questa ricetta di un dolce che facevo abbastanza spesso qualche anno fa e che adoravo, ma poi, come spesso succede, è passata di moda e non l’ho più fatta per diverso tempo.

Così l’ho riprovata (ben due volte in una settimana per la verità… in versione torta per degli amici e in versione monoporzione per la mia colazione) ed eccovi la ricetta.

Nelle foto noterete che ce n’è anche una versione con della glassa sopra. E’ stato un tentativo di realizzare la glassa senza albume (per l’allattamento devo evitare uova crude), ma solo con zucchero a velo, limone e acqua.

La consistenza è perfetta, ma il colore tende ad essere un pochino trasparente. Comunque, dovesse servire, ora so che si può fare!

Ingredienti:

  • 200 gr di farina 00
  • 100 gr di zucchero (di canna o bianco)
  • 200 gr di amaretti
  • 200 ml di panna liquida per dolci
  • 30 gr di burro
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci

Sbattete con le fruste lo zucchero con le uova fino ad avere una bella crema schiumosa e bianca,

aggiungete la farina setacciata con il lievito mescolando e poi pian piano la panna.

Sbriciolate circa 140 gr di amaretti (con le mani oppure mettendoli in una busta per alimenti e passandoci sopra un bicchiere) e unite al composto, infine unite il burro sciolto a bagnomaria.

Versate il composto in una teglia da forno oppure negli stampi per i muffin e decorate con gli amaretti rimasti. Infornate a 180° per circa 30 minuti.

La glassa l’ho realizzata semplicemente versando in una ciotola un po’ di zucchero a velo e aggiungendo un po’ alla volta qualche goccia di limone e qualche goccia di acqua, fino ad ottenere una consistenza densa da far colare su ogni dolcetto. Secca piuttosto in fretta all’aria.

25 Mag

Dolce con pesche e amaretti

Non ve l’aspettavate un’altro post così presto, eh?! E invece ecco qua un profumatissimo dolcino che mi sono inventata ieri.

Non vi dico che fatica passare per la cucina, sentire quell’odore fantastico e resistere dall’addentarne  una fetta prima che si raffreddasse abbastanza…

Ingredienti:

  • 350 gr di farina 00
  • 3 dl di latte
  • 12 cucchiai di zucchero di canna
  • 2 uova
  • 3-4 cucchiaini di cannella
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 40 gr di burro
  • 3-4 pesche piccole
  • circa 13 piccoli amaretti

Montate le uova insieme allo zucchero, ottenendo una crema schiumosa e quasi bianca.

Aggiungete la farina setacciata con il lievito, mescolando delicatamente e versate il latte e poi il burro sciolto a bagnomaria.

Aggiungete infine la cannella e le pesche tagliate a pezzettini con gli amaretti sbriciolati.

Infornate per circa 30-40 minuti a 180°. Sentirete che profumo e che bontà!