06 mar

Torta di mele e pere alla cannella

Mia figlia ha iniziato la scuola materna e a pranzo va al “ristorante”. Mangiano primo, secondo e contorno ma non pane e frutta. Quella viene messa nello zaino e consumata a casa (chi esce prima) o nel primo pomeriggio (chi resta a scuola).
Angelica esce alle 13.20 per cui la frutta viene messa da parte nella fruttiera, mentre il pane finisce in congelatore da usare come scorta per quei giorni in cui non si ha il tempo di comprarne di fresco.
Perchè  non mangia la frutta? Perchè nel 90% dei casi si tratta di mele, raramente ci sono le pere, ancor meno frequenti aranci, mandarini o banane. Ecco noi mele e pere proprio non le gradiamo, né i bimbi né noi adulti…  Quindi si accumulano per un paio di settimane, finché non mi sforzo di dar loro una degna fine e l’unica che conosco è di farne un dolce!

torta_mele_pere

Ieri ho provato una nuova ricetta cercando di mettere nella torta quanti più frutti possibili (per farli fuori, mica per altro… :D ) e direi che l’esperimento è andato benissimo!

Ingredienti per uno stampo da ..cm:

  • 6 frutti: 3 mele e 3 pere (pesati al netto degli scarti: 600 g)
  • 300 g di yogurt
  • 70 g di uvetta
  • 2 uova
  • 50 g di burro
  • 200 g di zucchero di canna
  • 320 g di farina
  • la scorza di un limone bio + il succo
  • un cucchiaio di cannella
  • una bustina di lievito

torta_mele_pere3

Ho lavato, sbucciato e tagliato a dadini la frutta, quindi l’ho bagnata con parte del succo del limone. Ho sciacquato l’uvetta e poi l’ho messa in ammollo in un bicchiere di acqua calda col resto del succo di limone.

Ho sbattuto le uova con lo zucchero, fino ad ottenere una crema spumosa chiara. Ho aggiunto gli yogurt e il burro fuso, mescolando bene, e poi la scorza di limone.
Ho quindi aggiunto la farina miscelata col lievito e la cannella e dopo aver amalgamato l’impasto ho versato anche la frutta e l’uvetta scolate dal succo di limone.
Dopo aver mescolato, ho versato in una tortiera imburrata e infarinata e lasciato cuocere per circa 40 minuti in forno a 180°, finchè la superficie non si è dorata e uno stuzzicadenti immerso nell’impasto non ne è uscito asciutto.

Una volta freddo ho spolverato con zucchero a velo.

torta_mele_pere2

18 set

Panbrioche (senza impasto) con gocce di cioccolato

Avevo sul blog un paio di ricette di panbrioche senza impasto (alla lavanda e alle ciliegie) che, nella versione base, avevo preso dal blog Fragola&Limone e che non avevo più fatto da parecchio tempo.

Qualche pomeriggio fa mi è tornata in mente e l’ho preparato con la piccola di casa, provandone una versione alle gocce di cioccolato e miele millefiori (Rigoni di Asiago).

panbrioche_ciocco2

La comodità di questa ricetta è che non ha bisogno di lunghe lavorazioni, di sporcare utensili o di particolari accortezze: si impasta velocemente con un cucchiaio in una ciotola e poi si dimentica in frigorifero per un po’… minimo 1 giorno massimo 5 giorni.

Quando si avranno 3 orette di tempo, si tira fuori dal frigo, si mette nello stampo a riposare un paio di ore e poi di inforna :-)

Facile e di sicura riuscita!

panbrioche_ciocco

Ingredienti:

  • 250 gr di farina 00
  • 100 gr di burro fuso
  • 75 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 2 uova medie a temperatura ambiente
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 50 gr di miele delicato
  • un pizzico di sale
  • 3 gr di lievito di birra liofilizzato
  • 100 g di gocce di cioccolato

Ho miscelato la farina col lievito e aggiunto lo zucchero.
In una ciotola ho unito uova, miele, acqua, burro fuso (ma fatto prima raffreddare un po’), e il pizzico di sale. Ho mescolato con una frusta e unito la farina e le gocce di cioccolato, amalgamando tutto.
Ho coperto con la pellicola trasparente e lasciato a temperatura ambiente per 2 ore, poi ho messo in frigo.
Qui può restare dalle 24 ore ai 5 giorni.
Quando ho avuto tempo, 2 giorni dopo, l’ho tirato fuori e messo in uno stampo da plumcake ricoperto da carta da forno (oppure potete imburrare lo stampo).
Ho coperto con uno strofinaccio e lasciato a temperatura ambiente per 2 ore circa. Quando l’impasto è ben lievitato, ho  infornato a 180° per circa 30-40 minuti, facendo la prova stecchino per verificarne la cottura.

06 set

Crostata con crema pasticcera allo yogurt (velocissima)

Con una sola ricetta di base ieri pomeriggio, con i miei bimbi, ci siamo divertiti a preparare due crostate diverse ma ugualmente golose.

cremayogurt2

Un paio di settimane fa avevo preparato un barattolino di marmellata di more che ancora non avevo consumato e che avevo immaginato di utilizzare per una bella crostata, ma volevo “ammorbidirne” gusto e consistenza con una crema delicata.
Ho approfittato allora di uno yogurt alle ciliegie che avevo in frigorifero per sperimentare questa crema vellutata e deliziosa, da provare anche con altri gusti!

Non amo assolutamente preparare creme, ma ormai il mio cavallo di battaglia è la crema pasticcera di Montersino, che si cuoce velocemente al microonde, senza sporcare e senza grosso impegno, se non quello di pesare gli ingredienti.
La ricetta base è dunque la sua, ma ho sostituito lo yogurt alla panna e anche a parte del latte.
Risultato perfetto!

La doppia versione della crostata nasce dall’esigenza di proporre ai miei bimbi un’alternativa alle more che non amano (per i semini) e quindi al posto della marmellata ho usato una bella mela.

Quindi, se optate per una sola crostata, o dimezzate le dosi di crema e pasta frolla, oppure ne realizzate una grande raddoppiando le dosi di marmellata e/o di mele.

cremayogurt

Per 2 crostate da 20 cm di diametro

Prima fasePasta frolla

  • 400 g di farina
  • 200 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 1 uovo
  • scorza grattugiata di un limone

Ho impastato il burro a pezzetti con gli altri ingredienti, fino ad ottenere una palla omogenea che ho messo in frigorifero a riposare (riposo minimo: 30-40 minuti).

Seconda fase: Marmellata di more rapidissima (oppure usare una marmellata confezionata di qualità)

  • 300 g di more
  • 100 di zucchero
  • succo di un limone

Ho lavato bene le more, le ho messe in una tazza alta, ho aggiunto lo zucchero e il succo del limone, mescolato e messo nel microonde alla massima potenza per cicli di 5 minuti alla volta, mescolando ogni volta fino a quando non ha raggiunto una consistenza densa ma non troppo (raffreddando solidificherà ancora).
Se non volete usare il microonde, naturalmente potete cuocerla in modo tradizionale sul fornello, mescolando spesso per non farla attaccare sul fondo.

Terza fase: Crema pasticcera allo yogurt

  • 75 g di zucchero
  • 75 g di tuorlo (circa 4 tuorli)
  • 20 g di amido di mais
  • 100 g di yogurt alle ciliegie
  • 150 g di latte
  • la scorza grattugiata di un limone

Ho mescolato lo zucchero con i tuorli (non c’è bisogno di montare), ho aggiunto l’amido e mescolato bene, quindi anche lo yogurt, il latte e la scorza grattugiata del limone.

Reso l’impasto omogeneo, ho messo nel microonde per 2 minuti a 750 W. Ho quindi aperto e mescolato con la frusta. Ho fatto un nuovo ciclo di 2 minuti, mescolato e fatto raffreddare.
In caso la crema non fosse ancora della giusta consistenza, continuate a cuocere per 1-2 minuti alla volta.

Velocissimo vero? E in più non c’è rischio di grumi!
Ma naturalmente, anche in questo caso, potete optare per cuocere la crema sul fornello.

Quarta fase: Le crostate

Ho diviso in 2 parti la pasta frolla, stendendola per ricoprire il fondo di 2 tortiere tonde e lasciando da parte i ritagli per la decorazione della superficie.

Ho farcito entrambe con la crema pasticcera allo yogurt e poi ho ricoperto una delle due con la marmellata di more e l’altra con una mela tagliata a dadini.

Ho infine decorato le due crostate con dei fiorellini ricavati dalla frolla avanzata e infornato a 200° per circa 40 minuti.

cremayogurt3

Pin It
12 ago

Tortine alle carote e amaretti

Anche questa ricetta è stata ispirata da uno dei miei laboratori di cucina per bambini.
Invece delle classiche mandorle nell’impasto di questi muffin, ho utilizzato degli amaretti che hanno un sapore più deciso e goloso  e rendono le tortine davvero irresistibili.
In più i dolcetti restano morbidissimi e col loro profumo invogliano a cedere al peccato (veniale) di gola!

tortine_carote

Ingredienti per 12 muffin:

  • 200 g di carote (pesate già pulite)
  • 80 g di amaretti secchi
  • 170 g di farina
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di burro morbido
  • 2 uova
  • un pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito
  • la scorza grattugiata di un limone non trattato

Dopo aver pulito, lavato e asciugato con cura le carote, le ho tritate finemente col mixer.
Ad esse ho aggiunto gli amaretti e, continuando a frullare, anche lo zucchero, le uova e il burro molto morbido.

Infine ho aggiunto e amalgamato la farina miscelata col lievito e il sale e la scorza di limone grattugiata.

Ho versato nei pirottini riempendoli per 3/4 e infornato a 180° per circa 25 minuti.
Le tortine di carote sono pronte quando, infilando nell’impasto uno stuzzicadenti, ne esce completamente pulito.

Pin It
27 set

Dolce di miele e ricotta alle arance amare

“Era una custode. L’ultima custode delle api. Depositaria di un’arte antica che si tramandava solo da donna a donna.

All’improvviso si trovò davanti al corridoio di volo. I suoi pensieri si dissolsero, come le accadeva ogni volta che entrava in quel mondo, il suo mondo. Tutto il resto semplicemente scomparve. Le api saettavano e sparivano velocissime accompagnate dal ronzio della raccolta.” (La custode del miele e delle api, Cristina Caboni, Garzanti)

miele_dolce_libro

Un libro che inebria inevitabilmente con l’aroma delizioso del miele, la cui protagonista si chiama come la mia piccola, Angelica, che si sente a casa solo tra le api e il cui destino le riserva una nuova possibilità. quella di rinascere e di trovare finalmente la sua casa.
Il libro che ha ispirato la mia ricetta domenicale, un dolce che racchiude tutto il profumo del miele ma anche un aroma di arance amare che ci accompagna verso l’Autunno e le sue domeniche un po’ piovose e ci fa lasciare alle spalle l’estate e le giornate di caldo e sole.

La lista degli ingredienti è un po’ lunga, contrariamente alle mie abitudini, ma il mix è necessario per un equilibrio degli aromi e quindi il miele aromatizza e la marmellata di arance amare dà un tocco deciso (entrambi della Rigoni di Asiago), mentre la ricotta rende il tutto più delicato.

miele_dolce

Ingredienti:

  • 500 g di farina
  • 180 g di zucchero di canna
  • 140 g di ricotta
  • 50 g di miele di fiori d’arancio
  • 50 g di marmellata di arance amare
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito
  • 230 g di latticello (ma anche latte va bene)
  • 60 g di olio d’oliva

Ho mescolato con la frusta il miele insieme alla ricotta e la marmellata, aggiungendo infine anche le uova, l’olio e il latticello.

A parte ho mescolato la farina con lo zucchero e il lievito e infine ho aggiunto agli ingredienti secchi il composto di liquidi, mescolando ancora con la frusta fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Ho imburrato e infarinato una teglia per ciambellone e ho versato l’impasto, infornando a 180° per circa 45 minuti.
Dopo aver infilato uno stuzzicadenti nel dolce e averlo visto uscire asciutto, ho sfornato il dolce e ho lasciato che si raffreddasse prima di spolverarlo con lo zucchero a velo.

miele_libro

Pin It
22 giu

Torta di prugne e mandorle

Ultimamente ho spesso del latticello avanzato per casa, grazie ai vari laboratori con i bambini in cui produciamo burro o, l’ultima volta, ricotta.
Il modo più semplice per smaltirlo è senza dubbio utilizzarlo in dolci che si vogliono rendere soffici senza appesantirli con panna o formaggi cremosi e questa volta ho provato a rendere questa semplice torta più golosa e profumata con delle succose prugne di stagione.

Il risultato è una torta umida, delicata, con tutto il gusto e profumo delle prugne fresche reso più intrigante dall’aroma goloso delle mandorle.
torta_prugne_4

Ringrazio Simona per l’ispirazione di questo dolce, da me un pochino modificato usando ingredienti diversi (latticello, farina di mandorle e zucchero di canna) con dosi naturalmente ritoccate per equilibrare le consistenze differenti.

torta_prugne_fetta

Ingredienti:

  • 160 g di farina
  • 60 g di farina di mandorle
  • 150 g di zucchero di canna
  • 2 uova grandi
  • 50 g di burro
  • 200 ml di latticello (sostituibile con latte)
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 1 bustina di lievito istantaneo per dolci

Ho montato lo zucchero con le uova, ho aggiunto le uova continuando a montare e infine il latticello.

Ho aggiunto le due farine miscelate col lievito e la scorza grattugiata di un limone, amalgamato e poi versato in una tortiera da 24 cm imburrata e infarinata.

Sopra ho posizionato le prugne tagliate a fettine, immergendole nell’impasto.

torta_prugne_cruda

Ho infornato a 180° per circa 40 minuti, togliendo dal forno solo dopo aver immerso nel dolce uno stuzzicadenti e aver verificato l’avvenuta cottura.

torta_prugne

Pin It
23 mag

Crostata di ricotta e agrumi

Nata per eliminare tutti i barattoli di marmellata aperti e quel piccolo avanzo di ricotta, questa crostata, da timido riciclo, si è trasformata subito una vera protagonista della merenda e della colazione del giorno dopo, grazie al suo profumo agrumato  irresistibile.

crostata_manina

La ricotta è l’ingrediente che lega tutti gli aromi e li addolcisce, rendendo il gusto di questo dessert davvero speciale… marmellata di limoni, di mandarini (entrambe Fiordifrutta Rigoni di Asiago) e di kumquat (della mia mamma) fanno il resto, in un mix unico.

crostata_Agrumi

Ingredienti per una crostata da 27 cm di diametro:

  • 400 g di farina
  • 200 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 150 g ricotta
  • 30 g zucchero di canna
  • 400 g di marmellate di agrumi (io limoni, mandarini e kumquat)

crostata_Agrumi2

Ho impastato il burro freddo tagliato a dadini insieme allo zucchero, alla farina e all’uovo, ottenendo un panetto che ho fatto riposare circa 30 minuti in frigorifero.

Ho mescolato tra loro le marmellate e ho mescolato a parte la ricotta insieme allo zucchero di canna.

Ho steso la frolla e ricoperto con circa 3/4 di essa il fondo e i bordi dello stampo da crostata.
Ho fatto un primo strato di ricotta e poi uno strato con le marmellate.
Ho rifinito infine il dolce con le strisce di frolla e delle stelline sulla circonferenza.

Ho infornato a 180° per circa 40 minuti.

crostata_Agrumi_fetta

Pin It
12 apr

Mudcake al cioccolato al mascarpone (e senza burro)

E non ditemi che non avete per casa un certo quantitativo di uova di Pasqua da smaltire… soprattutto se avete bimbi!

Io si e per eliminarne un po’ ho subito pensato a una mudcake. Già fatta parecchie volte, ma stavolta con una piccola variante sul tema: niente burro, ma mascarpone!

mudcake

Il vantaggio? Minor contenuto di grassi (solo 47 g invece che 81 g) e di calorie (454 Kcal invece che 717), ma stessa golosità e consistenza… Insomma da provare senza dubbio.

Un solo commento: yummy!

mudcake4

Ingredienti:

  • 200 g di farina
  • 100 g di cacao amaro
  • 400 g di zucchero di canna
  • 1 bustina di lievito
  • 150 g di cioccolato (io ho usato un misto di latte e fondente, riciclando le uova di Pasqua)
  • 3 uova medio/grandi
  • 250 g di mascarpone
  • 250 g di latte

mudcake2Ho sciolto su una fiamma bassa il cioccolato insieme al latte e allo zucchero.
Una volta fuso, ho aggiunto il mascarpone, mescolando con una frusta. Ho quindi unito le 3 uova, continuando a sbattere e ottenendo un composto cremoso.

A questo punto ho unito la farina miscelata col lievito e il cacao amaro, mescolando finchè non sono scomparsi tutti i grumi e il composto non si è ben amalgamato.

Ho infornato in uno stampo ben imburrato e infarinato e lasciato cuocere a 180° per circa un’ora.
Verificate l’avvenuta cottura con uno stuzzicadenti immerso nel dolce: solo se ne esce asciutto è pronto.

mudcake3

Pin It
29 set

Chiffon cake (o fluffosa) allo yogurt

Sono mesi che vedo chiffon cake in tutte le salse, mille varianti, mille forme… le bloggalline l’hanno ribattezzata “fluffosa” e l’hanno eletta un po’ torta simbolo del gruppo, ma io non l’avevo più fatta da qualche anno a questa parte.
Quando ho notato che in questa versione di Monica non serve il cremor tartaro, ma si può usare il normale lievito per dolci, ho deciso di riproporne una variante allo yogurt che ne mantiene intatta la caratteristica di incredibile sofficità che la rende così particolare.

chiffon_y1

Ingredienti per uno stampo da 22 cm:

  • 200 g di farina
  • 200 g di zucchero
  • 5 uova
  • 120 g di yogurt (io alla fragola)
  • 80 g di olio d’oliva
  • 1 bustina di lievito istantaneo per dolci
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato

chiffon_yHo mescolato in una ciotola la farina, lo zucchero, il bicarbonato e il lievito.
Ho montato gli albumi delle uova a neve fermissima.Ho messo al centro degli ingredienti secchi i tuorli, lo yogurt e l’olio, quindi ho mescolato con una spatola.
Ho aggiunto gli albumi montati e ho mescolato delicatamente, incorporandoli al resto.

Ho imburrato e infarinato il mio stampo per ciambellone (deve avere i bordi molto alti), ho versato il composto e ho cotto in forno a 170° per circa 45 minuti.

Ho sfornato il dolce e l’ho messo a raffreddare a testa in giù sul collo di una bottiglia finchè il dolce non si è staccato da solo, dopo circa 6-7 ore.

chiffon

Pin It
29 gen

Crostata con crema al doppio cioccolato e ricotta

Ieri pomeriggio volevo preparare una merenda speciale per il mio bimbo al suo ritorno da scuola, per “farmi perdonare” i tanti rimproveri della mattina (buffo no?! loro fanno i capricci e i dispetti e noi ci sentiamo in colpa…) e ho preparato delle crostatine al cioccolato.
Non amo fare le creme classiche, con la base di crema pasticcera, perchè mi mettono ansia… si addenserà? verrà grumosa?… e allora trovo sempre delle scorciatoie, ma che siano ancora più golose!   crostatine_cotte

Non avendo panna, non potevo fare una classica ganache e allora ho messo insieme ricotta, cioccolato bianco alle nocciole e cioccolato fondente per una farcitura davvero ottima :-)

Ho “pulito” la ciotola in cui li avevo mescolati fino all’ultima goccia :-D

Insieme a queste crostatine ho preparato anche una crostata grande per noi adulti con una confettura che amiamo molto: Fiordifrutta fragole e fragoline di bosco di Rigoni d’Asiago (senza zuccheri aggiunti e buonissima).

crostata_cotta

Teglia Icont

In realtà è andata a finire che ci si litiga tutti entrambi i tipi di dolce :-D

La frolla è ottima, una semplice, normalissima frolla (è quella di Santin, con qualche minima variante) senza farine “strane” o altro e col procedimento vecchio stile: non col burro freddo, ma col burro morbido sbattuto insieme allo zucchero e alle uova.

Ingredienti per 12 crostatine (8 cm di diametro) e una crostata (23 cm di diametro):

  • 500 g di farina
  • 140 g di zucchero a velo
  • 2 uova
  • 250 g di burro (morbido a pomata)
  • la buccia grattugiata di un limone
Per faricire le crostatine
  • 150 g di ricotta
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 100 g di cioccolato bianco (io ho usato quello con le nocciole)

Per la crostata

  • 330 g di confettura

Ho sbattuto il burro molto morbido insieme allo zucchero a velo, una volta ben amalgamati ho aggiunto le uova e ho continuato a sbattere fino ad ottenere una crema.
A questo punto ho unito la scorza di limone grattugiata e la farina un po’ alla volta, continuando a mescolare con la frusta finchè ho potuto e passando alle mani quando ho terminato di aggiungere la farina.
L’impasto sarà molto morbido, quindi mettetelo in frigorifero a riposare 45-60 minuti.

Nel frattempo preparate la crema per le crostatine, sciogliendo a bagnomaria (o in un pentolino a fiamma bassissima, come ho fatto io) il cioccolato fondente, quello bianco e la ricotta, mescolando continuamente, finchè tutto non è perfettamente amalgamato.

Trascorso il tempo di riposo, ho steso la frolla ricoprendo le formine per le crostatine, al centro ho versato la crema, sistemando infine una stellina di frolla su ognuna.

crostatine_teglia

Per la crostata, ho steso il resto della frolla, usandone un cerchio per ricoprire la teglia.
Ho versato e steso la marmellata sul fondo, quindi ho ricavato le strisce di pasta per completare la crostata, sistemandole sul dolce, e richiudendo leggermente i bordi su se stessi.

crostata_teglia

Ho infornato tutto a 180° fino a doratura della frolla (le crostatine ci metteranno circa 15 minuti, la crostata circa mezz’ora).

Pin It