10 Feb

Gnocchi di peperoni con melanzana perlina

Ultimamente vado molto a rilento con le pubblicazioni delle ricette, ma ho tanto da creare, tanto da progettare e il blog non può che risentirne…

Presto dovrò dare una nuova struttura al sito perché voglio che siano messe in primo piano anche tutte le mie creazioni, non solo le ricette: le maglie personalizzate (la mia grande passione), i gadget per le feste di compleanno, scatoline di tutti i tipi, le torte finte scenografiche, gli accessori per capelli… insomma ho una marea di cose da condividere con voi lettori!!

Intanto oggi vi lascio una ricetta facile ma molto gustosa. Risale ormai a qualche mese fa ed è stata ideata per la collaborazione al progetto Fruit24, promosso da APO CONERPO, la più importante associazione di produttori ortofrutticoli.


Questo progetto ha lo scopo di promuovere un utilizzo consapevole di frutta e verdura nel consumo quotidiano, proponendo, tra l’altro, vari menu adatti ai diversi momenti della giornata, dalla colazione allo spuntino di mezzanotte, utilizzando una grande varietà di ingredienti freschi e stagionali.

La ricetta è pubblicata anche sul sito Fruit24.

Ho preparato degli gnocchi di peperoni, deliziosi anche con un condimento molto semplice, e li ho conditi con delle fantastiche melanzane perline, varietà che non conoscevo e non avevo mai visto nei mercati locali.
E’ una varietà pregiata di melanzana, originaria della Sicilia. Ha un  formato lungo e stretto, la buccia sottile e il colore viola intenso. Una bella scoperta!

Ingredienti per 3 persone:

  • 400 g di peperoni gialli e rossi (150 g cotti e al netto degli scarti)
  • 400 g di farina + altra per lavorare l’impasto
  • 150 g di acqua bollente
  • 150 g melanzane perline (3 melanzane)
  • olio q.b. e sale q.b.
  • 1 spicchio d’aglio
  • parmigiano

Ho arrostito i peperoni interi in forno, quindi ho eliminato la buccia e i semi.

Ho tritato i peperoni fino ad ottenere una purea omogenea, quindi li ho versati in una ciotola ampia, ho aggiunto la farina e poi l’acqua bollente, impastando tutto con le mani fino ad ottenere un impasto sodo  e non appiccicoso.

Nel frattempo, ho fatto dorare uno spicchio di aglio nell’olio e ho aggiunto le melanzane tagliate a rondelle, portandole a cottura e salandole solo alla fine per non far perdere loro troppa acqua di cottura.

Ho preparato infine gli gnocchi, prelevando delle parti di impasto, formando un rotolino con i palmi delle mani su un piano leggermente infarinato e tagliando l’impasto in piccoli pezzi.

Ho lessato gli gnocchi in abbondante acqua salata, li ho prelevati con una schiumarola non appena sono saliti a galla e li ho versati nella padella dove avevo cotto le melanzane, facendo insaporire un paio di minuti sulla fiamma e aggiungendo alla fine una spolverata di parmigiano.

21 Mag

Gnocchi di patate e melanzane aromatizzati con basilico e mentuccia

Gli gnocchi di patate li ho postati, gli gnocchi di melanzane pure (in più versioni), ma non avevo mai unito entrambi gli ortaggi per fare gli gnocchi… ma finalmente ecco anche questi!
Ottimi: consistenza perfetta, aroma che inebria grazie alla mentuccia e al basilico nell’impasto, insomma un primo che non ha bisogno di condimenti eccessivi e che viene messo in risalto da un semplice sughetto di pomodorini freschi sciuè sciuè.

gnocchi_patate_melanzane

Oggi ho anche avuto un’aiutante d’eccezione! La mia piccolina di 18 mesi per la prima volta ha collaborato all’esecuzione… ma com’era contenta!! 🙂

sous_chef

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 350 g di patate (pesate cotte)
  • 150 g di melanzane  (pesate cotte)
  • 250 g circa di farina
  • 20 g di mentuccia e basilico
  • 500 g di pomodori maturi e succosi
  • 1 spicchio di aglio
  • sale, olio extravergine d’oliva q.b.

Ho lessato le patate con la buccia in acqua bollente, finché, provando a infilzarle con una forchetta, essa non è penetrata senza nessuno sforzo nella patata.

La melanzana invece l’ho tagliata a metà e messa in forno a 220° finché non è appassita e non è diventata molto morbida.

Ho ridotto le patate in purea con lo schiacciapatate, mentre la melanzana l’ho frullata insieme a basilico e mentuccia.
Ho mescolato gli ortaggi con una forchetta, amalgamandoli e continuando a schiacciarli, quindi ho iniziato ad aggiungere la farina, prima circa 150 g, poi altra ancora finché l’impasto non è risultato ben lavorabile e non più appiccicoso.

Come sempre, per gli gnocchi, il peso della farina è solo indicativo… potrebbe volercene di più o di meno, in base all’umidità degli ingredienti.

Pronto l’impasto, ho formato dei salamini di diametro di circa mezzo cm con le mani e poi ho tagliato gli gnocchi.

Ho messo l’acqua sul fuoco per lessarli e nel frattempo ho fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in abbondante olio extravergine d’oliva. Ho aggiunto i pomodorini tagliati a dadini, ho salato e lasciato cuocere per circa 10-15 minuti.
A fine cottura ho aggiunto delle foglie di basilico e mentuccia.

Ho lessato quindi gli gnocchi in acqua salata e li ho tirati via con una schiumarola non appena saliti a galla, spostandoli (ben scolati) nella padella con i pomodori.
Li ho insaporiti, spadellandoli qualche secondo, e poi serviti ben caldi con una spolverata di parmigiano.

gnocchi_patate_melanzane2

Pin It
17 Apr

Gnocchi di patate viola con gamberi e semi di sesamo

In una città di provincia non è molto facile trovare prodotti particolari… ricordo quando in un frutta e verdura trovai la zucca bianca! Ci andai per 3-4  settimane di seguito, prendendone 1-2 ogni volta finchè non le terminarono.
Alla mia domanda “Quando torneranno?” risposero… “No, signora, non ne avremo altre: avevamo solo quelle e le ha comprate solo lei…”

patate_viola

Ecco, spero non succeda anche stavolta, ma non ho molte speranze.
In un angolino di (un altro) frutta e verdura, ho visto dei tuberi abbandonati e seminascosti. Non le avevo mai viste dal vivo ma ho subito capito: PATATE VIOLA!!
Ho chiesto conferma e… si, erano loro!
“Le voglio! Mi consiglia un modo particolare di consumarle?”
“Boh, non le ho nemmeno mai aperte per vedere come sono.”
Una foodblogger di provincia è e resterà un’incompresa.

Comunque, nonostante il prezzo decisamente elevato che ha fatto strabuzzare gli occhi a mio marito, ne ho presa qualcuna e alla fine, dopo qualche consultazione tra bloggalline che almeno tra di noi ci capiamo, ne ho fatto degli gnocchi.

gnocchi_viola

Ingredienti per 2 porzioni:

  • 350 g di patate viola (pesate lesse)
  • 80-100 g di farina

Condimento

  • 400 g di gamberi
  • Olio q.b.
  • un po’ di vino bianco
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 cucchiai di semi di sesamo

Come per i classici gnocchi di patate (non ci sono differenze né di lavorazione, né di consistenza, né molto di sapore), ho lessato le patate con la buccia in abbondante acqua.
Non appena una forchetta riesce ad infilzarle senza difficoltà, vuol dire che sono pronte.

Le ho pelate e schiacciate col passapatate, quindi le ho lasciate raffreddare: da fredde incorporano molta meno farina.

Ho quindi sistemato 80 g di farina circa sulla spianatoia e al centro ho messo la purea di patate, impastando con le mani e ottenendo un impasto morbido e facilmente lavorabile, non appiccicoso.

Se necessario, durante la fase di impasto aggiungete poca farina, ma cercate di non esagerare per evitare di ottenere gnocchi troppo duri.

gnocchi_viola2

Dall’impasto ho realizzato i classici salamini, rotolandolo sulla spianatoia con i palmi delle mani, e poi ho tagliato gli gnocchi con un coltello.

gnocchi_viola3

Ho quindi lasciato gli gnocchi in un vassoio infarinato, ho messo l’acqua a bollire e ho preparato il condimento.

Ho pulito i gamberi, eliminando il carapace (in realtà potete anche tenerlo, ma io coi bimbi ho preferito eliminarlo per facilitare le operazioni di pulizia a tavola) e soprattutto il filo nero degli intestini.
Ho fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva, ho aggiunto i crostacei, innaffiato con vino bianco e lasciato cuocere una decina di minuti.

Ho eliminato l’aglio, lessato gli gnocchi in acqua salata prelevandoli con una schiumarola non appena hanno iniziato a salire a galla e li ho scolati direttamente nella padella con i gamberi, per far insaporire tutto insieme per un minuto circa.

Ho servito con dei semi di sesamo tostati in un padellino antiaderente per dare croccantezza e un tocco più goloso.

Pin It
30 Dic

Gnocchi di zucca, farina di ceci e semola rimacinata con crema di robiola e nocciole tostate

La ricetta sta praticamente nel titolo al post ;-P

gnocchi_zucca_Ceci

Era un po’ che non avevo il tempo di dedicarmi alla mia passione… gli gnocchi! Quindi oggi mi son tolta lo sfizio con questi gnocchi di zucca, resi speciali dalla farina di ceci e più rustici dalla semola rimacinata.
Per meglio gustarne il sapore ho voluto un condimento semplice ma avvolgente, ottenendo una crema delicata dalla robiola e dal parmigiano semplicemente mescolandoli con l’acqua di cottura e aggiungendo un tocco croccante e goloso con le nocciole tostate.

Ingredienti per 3 porzioni:

  • 300 g di zucca (la variazione dopo la cottura è stata minima)
  • 200 g di farina di ceci
  • 200 g di semola rimacinata
  • 100 g di robiola
  • 20 g di parmigiano reggiano
  • 20 nocciole

Ho lessato la zucca in acqua bollente per una decina di minuti, giusto il tempo di renderla più morbida, quindi l’ho scolata (tenendo da parte l’acqua di cottura) e frullata ottenendo una purea.

L’ho fatta raffreddare e poi impastata insieme alle due farine mixate tra loro. Ho usato solo circa 3/4 della farina totale, mantenendo il resto da parte e aggiungendolo in base alla necessità (la quantità da usare può variare in base all’umidità della zucca e al grado di assorbimento della farina).
Più farina aggiungerete più sodi saranno gli gnocchi, dipende quindi anche da come li preferite voi (io li amo ben consistenti).

Pronto l’impasto, ho ricavato tanti salamini con le mani (aiutandomi con ancora un po’ di farina) e ho tagliato gli gnocchi mettendoli su un piano infarinato per non farli attaccare tra loro.

gnocchi

Li ho quindi lessati in abbondante acqua bollente salata (a cui avevo aggiunto anche l’acqua di cottura della zucca) e scolati circa 3 minuti dopo che sono venuti a galla, scolandoli in una scodella in cui avevo nel frattempo mescolato con una frusta la robiola con il parmigiano grattugiato insieme a 3-4 cucchiai di acqua di cottura.

Ho amalgamato gli gnocchi con la crema e servito con qualche nocciola tostata tritata sopra e altro parmigiano.

crema_robiola

 

 

Pin It
13 Ott

Gnocchi di orzo con crema di peperoni verdi e mandorle e pinoli tostati

I miei amati gnocchi… era un po’ che non ne facevo!
Una ricetta sempre veloce da realizzare, che rende speciale anche un semplice pranzo in famiglia.
Tra condimento e pasta, in tutto ci vorrà una mezz’ora!

Io ho utilizzato un’ottima farina di orzo per dare più gusto, ma se non ne avete a disposizione il piatto non ne risentirà eccessivamente con un altro tipo di farina.

gnocchi_orzo2

Ingredienti per 3 porzioni

Per gli gnocchi

  • 150 g di farina 00
  • 150 g di farina di orzo
  • 300 g di acqua

Per il condimento

  • 2 peperoni
  • uno scalogno
  • sale e olio extravergine d’oliva q.b.
  • due manciate di pinoli
  • due manciate di mandorle a lamelle

Ho messo sul fuoco i 300 g di acqua. Quando ha preso il bollore, ho spento e buttato tutta la farina in acqua (sia 00 che di orzo), mescolando con un mestolo finchè essa non ha assorbito tutto il liquido.

A questo punto ho trasferito su una spianatoia e ho iniziato ad impastare con le mani (attenzione che è un po’ calda) per amalgamare bene tutto.
Ho quindi tagliato piccoli pezzi di impasto, formato i classici salamini con le mani e ricavato gli gnocchi da ogni pezzo.

gnocchi_orzo

Per il condimento, ho tritato uno scalogno e l’ho fatto imbiondire in olio extravergine d’oliva, ho aggiunto quindi i peperoni puliti e tagliati in pezzi, li ho salati e messo un pochino di acqua, lasciando cuocere finchè non si sono ammorbiditi.
Una volta pronti (ci vogliono circa 15-20 minuti) ho tritato tutto con il frullatore a immersione.

Mentre lessavo gli gnocchi (da scolare appena salgono a galla), ho quindi tostato in un padellino antiaderente pinoli e mandorle.

Ho scolato gli gnocchi direttamente con una schiumarola, li ho versati nella padella con la crema di peperoni e lasciato amalgamare per circa un minuto.

Ho servito con le mandorle e pinoli tostati.

Pin It
12 Mag

Gnocchi di farro alla ricotta con curcuma e mentuccia ai peperoni e zucchine

Dovrei cambiare il nome del blog in 1001 gnocchi!

Oggi vi propongo questi di ricotta aromatizzati con curcuma e mentuccia e resi colorati, allegri e primaverili grazie a peperoni e zucchine.

gnocchi_conditi2

Piatto Poloplast

Ingredienti per due porzioni:

  • 200 g di ricotta
  • 200 g di farina di farro (ma anche 00)
  • 10 foglie di mentuccia
  • un cucchiaino abbondante di curcuma

Condimento

  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 zucchina grande
  • 1 peperone piccolo
  • sale
  • olio extravergine q.b.

Ho impastato la ricotta insieme alla farina, alla curcuma e alla mentuccia tritata col coltello fino ad ottenere un impasto uniforme, facilmente lavorabile e non appiccicoso.

Ho fatto riposare una ventina di minuti e nel frattempo ho lavato e affettato a striscioline i peperoni e le zucchine.
Ho fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva in una padella e ho aggiunto gli ortaggi, salandoli e facendoli cuocere una decina di minuti.

Ho creato dei salamini di impasto dal diametro di circa 1 cm e ho tagliato gli gnocchetti col coltello, quindi li ho fatti lessare in abbondante acqua bollente salata.

gnocchi_ricotta
Non appena sono saliti a galla li ho scolati direttamente nella padella con il condimento e li ho lasciati insaporire un minuto circa.

gnocchi_conditi

Pin It
24 Apr

Gnocchi alla curcuma e mentuccia con sogliola e pomodorini

Gli gnocchi alla curcuma ve li avevo già fatti vedere pochi giorni fa, ma oggi li ho riproposti in una nuova versione, aromatizzandoli con la profumatissima mentuccia del mio giardino.
L’abbinamento è davvero fresco e primaverile, adattandosi alla perfezione ad un condimento leggero di pomodorini e sogliola.   gnocchi_mentuccia_sogliola3

Ingredienti per 2 porzioni:

  • 200 g di farina
  • 200 g di acqua
  • un cucchiaio raso di curcuma
  • una decina di foglioline di mentuccia

Per il condimento

  • una sogliola di media grandezza (da cui eliminare la lisca e le spine)
  • circa 15 pomodorini
  • uno spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva, sale q.b.
  • mentuccia

Ho portato a bollore l’acqua, versando poi a pioggia la farina e la curcuma lontano dal fuoco, mescolando energicamente per far assorbire tutto il liquido. Ho lasciato intiepidire, quindi ho tritato la mentuccia col coltello e l’ho incorporata all’impasto.

Ho preparato gli gnocchi, formando prima dei salamini e poi tagliando i piccoli pezzi di pasta.

gnocchi_mentuccia

Tappeto in silicone Pavoni

Ho preparato il condimento facendo imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva, ho aggiunto i pomodorini e poi i filetti di sogliola, salando e lasciando cuocere pochi minuti, aggiungendo solo a fine cottura qualche fogliolina di mentuccia.

Ho infine lessato gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolandoli non appena sono saliti a galla e mettendoli nella padella con il condimento ad insaporire e ad assorbire il condimento.

gnocchi_mentuccia_sogliola

Piatto Poloplast

Pin It
22 Apr

Gnocchi alla curcuma con melanzane e pesto

Non posso passare troppo tempo senza i miei gnocchi… questa volta sono dei semplicissimi gnocchi all’acqua aromatizzati e colorati con la curcuma, per ottenere delle piccole pepite dorate, e conditi con delle melanzane e del pesto.

Come sempre, velocissimi da fare e molto gustosi 🙂 gnocchi_curcuma2

Ingredienti per 2 porzioni:

  • 200 g di farina
  • 200 g di acqua
  • un cucchiaio raso di curcuma

Per il condimento:

  • 1 melanzana grande
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3-4 cucchiai di pesto
  • olio extravergine d’oliva
  • sale q.b.

Ho messo sul fuoco l’acqua in una pentola capiente e ho aspettato il bollore, quindi ho spento e ho versato la farina e la curcuma tutto in una volta. Ho mescolato velocemente con una spatola finchè la farina non ha assorbito tutta l’acqua, quindi ho lasciato raffreddare pochi minuti, il tempo che l’impasto fosse lavorabile con le mani senza ustionarsi 🙂

Nel frattempo ho fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva, quindi ho aggiunto le melanzane a dadini, ho salato e ho lasciato cuocere.

Quindi ho lavorato bene l’impasto degli gnocchi e ho formato dei salsicciotti con i palmi delle mani tagliando poi gli gnocchi e lasciandoli sul piano di lavoro leggermente infarinato.

gnocchi_curcuma

Una volta pronti, li ho lessati in abbondante acqua salata, li ho scolati una volta saliti a galla e li ho messi nella padella con le melanzane facendoli insaporire e amalgamare insieme a una cucchiaiata di acqua di cottura degli gnocchi.

Per ultimo ho unito un po’ di pesto, ho mescolato e servito.

Pin It
01 Apr

Gnocchi di peperoni con porro, speck e crema di robiola

Ecco altri gnocchi! E non sono nemmeno gli ultimi che ho in archivio… 🙂

Stavolta parliamo di peperoni rossi, che donano agli gnocchi un aroma delicato ma delizioso e un bellissimo colore rosso, rendendoli particolarmente adatti alla tavola primaverile ma anche estiva. gnoccchi_peperoni

Piatto Poloplast

Il condimento in questo caso è stato a base di porri e speck, con un’avvolgente cremina di robiola, ma sarebbero ottimi con mille condimenti, a base di verdure, carne e pesce.

Ingredienti per 3 porzioni:

  • 2 peperoni medi (275 g da cotti)
  • 400 g di farina
  • 20 g di parmigiano

Condimento

  • 1 porro
  • 120 g di speck
  • 100g di robiola
  • olio extravergine d’oliva
  • parmigiano

Ho arrostito in forno i peperoni, finchè non si sono ammorbiditi, ho eliminato la pelle e i semini, quindi li ho frullati.
Ho sistemato la farina a fontana, al centro ho messo il parmigiano e la purea di peperoni, quindi ho iniziato ad impastare, prima con una forchetta e poi con le mani, ottenendo un impasto morbido e non appiccicoso.
Quando fate gli gnocchi, non mettete mai subito tutta la farina, ma tenetene un pochino da parte, più altra di riserva, da aggiungere a mano a mano in base alle necessità. Le indicazioni date dalle ricette, in questo caso, sono sempre indicative e mai precise perchè variabili in base agli ingredienti usati.

Pronto l’impasto, l’ho lasciato riposare coperto, quindi ho preparato il condimento, affettando il porro sottilmente (dopo averne tagliato le estremità ed eliminato la foglia più esterna) e facendolo appassire in olio extravergine d’oliva. Ad esso ho aggiunto anche lo speck tritato col coltello e ho lasciato cuocere per circa 5-6 minuti.

Ho quindi messo a bollire l’acqua per la pasta e nel frattempo ho preparato gli gnocchi.

gnoccchi_peperoni_crudi

Tappeto in silicone Pavoni

Una volta pronti, ho salato l’acqua e li ho lessati finchè non sono saliti a galla, quindi li ho prelevati con una schiumarola e li ho scolati direttamente nella padella col porro e lo speck, aggiungendo la robiola e 3-4 di cucchiai di acqua di cottura, mescolando e amalgamando tutto sul fuoco medio.

Ho servito con una generosa spolverata di parmigiano grattugiato. Slurp ;-P

Pin It
30 Mar

Gnocchi di barbabietola e Chianti

Ormai lo sapete che gli gnocchi sono la mia passione e che è una vera sfida per me trovare sempre nuovi ingredienti per realizzarne di nuovi e originali…
E a volte, le combinazioni più riuscite nascono per puro caso, come stavolta 🙂  gnocchi_barbabietole

Piatto trasparente Poloplast

Questi gnocchi sono belli a vedersi, ma anche molto buoni, delicati ma dal riconoscibile aroma dato dal vino rosso, un delizioso Chianti.
Avevo infatti iniziato ad impastare la barbabietola con la farina, quando mi sono resa conto che per le quantità di cui avevo bisogno ci sarebbe voluto un elemento legante in più. Uovo? Acqua?
Ma sul tavolo avevo questa bella bottiglia di vino aperta il giorno prima… e poi, rosso su rosso… insomma la scelta è stata quasi obbligata 🙂
E il risultato, come avete ormai capito, è stato davvero ottimo!
Qualche dubbio lo avevo sul condimento che avevo ormai programmato e avviato cioè tonno e pomodorini, ma una volta assaggiato posso dire che ogni minimo dubbio è scemato  in un secondo!

Ingredienti per due porzioni abbondanti:

  • 300 g di farina 0
  • 90 g di barbabietola precotta
  • circa mezzo bicchiere di Chianti (o altro vino rosso)
  • 25 g di parmigiano

Per condire

  • 150 g di tonno sott’olio
  • 200 g di pomodorini
  • uno spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva

gnocchi_barbabietole2

Ho frullato la barbabietola precotta, quindi ho formato una fontana con la farina e al centro ho messo la purea e il parmigiano, iniziando a impastare. A mano a mano ho poi aggiunto il vino.
Aggiungetene poco alla volta valutando se è necessario tutto oppure no, perchè la quantità varia sensibilmente in base alla farina usata.

Ottenuto un impasto morbido e non appiccicoso, ho fatto riposare un po’ coperto mentre preparavo il condimento.
Io ho scelto un sughetto di tonno e pomodorini, facendo imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva e aggiungendo i pomodori a pezzi. Non appena hanno iniziato ad appassire ho aggiunto anche il tonno sgocciolato.

Mentre il sugo cuoceva per qualche minuto, ho messo sul fuoco l’acqua per lessare gli gnocchi e  li ho preparati partendo dall’impasto dal bellissimo colore viola, aiutandomi con poca altra farina sul piano di lavoro.

gnocchi_barbabietole_crudi

Li ho poi cotti in abbondante acqua salata, scolandoli con una schiumarola dopo circa 2 minuti che sono venuti a galla. Li ho versati direttamente nella larga padella col condimento e li ho fatti insaporire per circa un minuto con un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta.

Pin It