06 Set

Crostata con crema pasticcera allo yogurt (velocissima)

Con una sola ricetta di base ieri pomeriggio, con i miei bimbi, ci siamo divertiti a preparare due crostate diverse ma ugualmente golose.

cremayogurt2

Un paio di settimane fa avevo preparato un barattolino di marmellata di more che ancora non avevo consumato e che avevo immaginato di utilizzare per una bella crostata, ma volevo “ammorbidirne” gusto e consistenza con una crema delicata.
Ho approfittato allora di uno yogurt alle ciliegie che avevo in frigorifero per sperimentare questa crema vellutata e deliziosa, da provare anche con altri gusti!

Non amo assolutamente preparare creme, ma ormai il mio cavallo di battaglia è la crema pasticcera di Montersino, che si cuoce velocemente al microonde, senza sporcare e senza grosso impegno, se non quello di pesare gli ingredienti.
La ricetta base è dunque la sua, ma ho sostituito lo yogurt alla panna e anche a parte del latte.
Risultato perfetto!

La doppia versione della crostata nasce dall’esigenza di proporre ai miei bimbi un’alternativa alle more che non amano (per i semini) e quindi al posto della marmellata ho usato una bella mela.

Quindi, se optate per una sola crostata, o dimezzate le dosi di crema e pasta frolla, oppure ne realizzate una grande raddoppiando le dosi di marmellata e/o di mele.

cremayogurt

Per 2 crostate da 20 cm di diametro

Prima fasePasta frolla

  • 400 g di farina
  • 200 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 1 uovo
  • scorza grattugiata di un limone

Ho impastato il burro a pezzetti con gli altri ingredienti, fino ad ottenere una palla omogenea che ho messo in frigorifero a riposare (riposo minimo: 30-40 minuti).

Seconda fase: Marmellata di more rapidissima (oppure usare una marmellata confezionata di qualità)

  • 300 g di more
  • 100 di zucchero
  • succo di un limone

Ho lavato bene le more, le ho messe in una tazza alta, ho aggiunto lo zucchero e il succo del limone, mescolato e messo nel microonde alla massima potenza per cicli di 5 minuti alla volta, mescolando ogni volta fino a quando non ha raggiunto una consistenza densa ma non troppo (raffreddando solidificherà ancora).
Se non volete usare il microonde, naturalmente potete cuocerla in modo tradizionale sul fornello, mescolando spesso per non farla attaccare sul fondo.

Terza fase: Crema pasticcera allo yogurt

  • 75 g di zucchero
  • 75 g di tuorlo (circa 4 tuorli)
  • 20 g di amido di mais
  • 100 g di yogurt alle ciliegie
  • 150 g di latte
  • la scorza grattugiata di un limone

Ho mescolato lo zucchero con i tuorli (non c’è bisogno di montare), ho aggiunto l’amido e mescolato bene, quindi anche lo yogurt, il latte e la scorza grattugiata del limone.

Reso l’impasto omogeneo, ho messo nel microonde per 2 minuti a 750 W. Ho quindi aperto e mescolato con la frusta. Ho fatto un nuovo ciclo di 2 minuti, mescolato e fatto raffreddare.
In caso la crema non fosse ancora della giusta consistenza, continuate a cuocere per 1-2 minuti alla volta.

Velocissimo vero? E in più non c’è rischio di grumi!
Ma naturalmente, anche in questo caso, potete optare per cuocere la crema sul fornello.

Quarta fase: Le crostate

Ho diviso in 2 parti la pasta frolla, stendendola per ricoprire il fondo di 2 tortiere tonde e lasciando da parte i ritagli per la decorazione della superficie.

Ho farcito entrambe con la crema pasticcera allo yogurt e poi ho ricoperto una delle due con la marmellata di more e l’altra con una mela tagliata a dadini.

Ho infine decorato le due crostate con dei fiorellini ricavati dalla frolla avanzata e infornato a 200° per circa 40 minuti.

cremayogurt3

Pin It
02 Lug

Marmellata di albicocche e amaretti al microonde!

Lo so, non mi sono inventata nulla e ormai se ne parla anche da parecchio.
E lo so, avevo detto: “quest’anno niente marmellata”.

Ma qui la frutta continua ad arrivare e a rovinarsi alla velocità della luce… la scorsa settimana ero soddisfattissima di aver fatto fuori tutto il possibile e, invece, torno a casa dal lavoro e mi trovo una bustona di almeno 5 kg di albicocche in giardino, dono del vicino.

E quindi, finalmente quest’anno ho provato questo famoso metodo per fare la marmellata. Con tanti tantissimi dubbi… Schizzerà ovunque! Dopo dovrò buttare il microonde! Non si addenserà bene! Si brucerà…
E invece no. Se non avete tempo o voglia di fare la marmellata nel modo classico, se non sapete cosa sia la pectina, se avete altro di meglio da fare che mescolare e sorvegliare un pentolone di marmellata, se solo il pensiero di accendere un fornello in casa vi fa sudare più di quanto non stiate già facendo, fatela.

Non succederà nulla al vostro microonde, a patto di scegliere un contenitore adatto al micro e capiente, da non riempire oltre la metà di frutta.
Non ci sono stati schizzi inconsulti, ma solo un leggero trasbordare di frutta quando ha iniziato a bollire. La volta successiva l’ho riempito di meno e via.

Per la densità, la decidete voi tranquillamente. Se non vi convince, fate cuocere qualche minuto in più.

L’unica pecca è che potete fare solo piccole quantità alla volta, ma il procedimento è talmente rapido e indolore che non avrete problemi a fare più cicli!

Il risultato è una marmellata davvero buona, dall’intenso sapore di frutta e dal colore delicato e non scuro, come quella tradizionale dalla lunghissima cottura.

Nella mia ricetta ho aggiunto solo qualche amaretto sbriciolato in alcuni barattoli, mentre per altri ho messo insieme alle albicocche del succo di limone. Buone entrambe le versioni 🙂

Per lo zucchero, io ne ho usato 400 g per 1 kg di frutta, ma ne userei anche un po’ di meno, per il mio gusto. Ma in famiglia qualcuno la preferisce più dolce, per cui ho fatto una media.

Ingredienti per 1 kg di frutta:

  • 1 kg di albicocche pesate senza nocciolo
  • 400 g di zucchero di canna
  • succo di un quarto di limone oppure 6 amaretti sbriciolati

Ho lavato molto bene la frutta ed eliminato eventuali parti rovinate.
Ho fatto a metà le albicocche, privandole del nocciolo, quindi le ho messe nel contenitore per il microonde. Le ho pesate e ho aggiunto la relativa quantità di zucchero di canna.
Se volete aggiungere il succo di limone, fatelo ora.

Ho quindi messo il contenitore al microonde, programmandolo alla massima temperatura per 10 minuti.
A metà del tempo ho aperto lo sportello per dare una mescolata.
Alla fine dei 10 minuti, ho mescolato ancora e ho frullato col frullatore a immersione. Per altri tipi di frutta, come le pesche, è possibile evitare questo passaggio, mentre con le albicocche preferisco farlo per la presenza di buccia.

Ho rimesso in forno per altri 10 minuti alla stessa temperatura.

Finito! Pronta!

Fatela raffreddare per verificare se è della consistenza che vi piace (prova piattino: ne mettete un cucchiaino e vedete se scivola o no, una volta fredda), altrimenti la fate girare ancora un paio di minuti.
A me andava benissimo così 🙂

Per la versione con gli amaretti, li ho aggiunti nella marmellata pronta ma calda.

Comunque sia, una volta pronta versate tutto ancora bollente nei barattoli ben puliti, chiudete con i tappi (mi raccomando ai tappi, che non siano rovinati ma possibilmente nuovi) e capovolgete per fare il sottovuoto.

Venti minuti e il gioco è fatto! E poi le albicocche credo siano uno dei frutti più comodi! Non vanno sbucciate, si aprono facilmente, il nocciolo viene via in un attimo…
E in settimana vi do anche una ricettina golosa golosa in cui utilizzarla 🙂