10 Feb

Gnocchi di peperoni con melanzana perlina

Ultimamente vado molto a rilento con le pubblicazioni delle ricette, ma ho tanto da creare, tanto da progettare e il blog non può che risentirne…

Presto dovrò dare una nuova struttura al sito perché voglio che siano messe in primo piano anche tutte le mie creazioni, non solo le ricette: le maglie personalizzate (la mia grande passione), i gadget per le feste di compleanno, scatoline di tutti i tipi, le torte finte scenografiche, gli accessori per capelli… insomma ho una marea di cose da condividere con voi lettori!!

Intanto oggi vi lascio una ricetta facile ma molto gustosa. Risale ormai a qualche mese fa ed è stata ideata per la collaborazione al progetto Fruit24, promosso da APO CONERPO, la più importante associazione di produttori ortofrutticoli.


Questo progetto ha lo scopo di promuovere un utilizzo consapevole di frutta e verdura nel consumo quotidiano, proponendo, tra l’altro, vari menu adatti ai diversi momenti della giornata, dalla colazione allo spuntino di mezzanotte, utilizzando una grande varietà di ingredienti freschi e stagionali.

La ricetta è pubblicata anche sul sito Fruit24.

Ho preparato degli gnocchi di peperoni, deliziosi anche con un condimento molto semplice, e li ho conditi con delle fantastiche melanzane perline, varietà che non conoscevo e non avevo mai visto nei mercati locali.
E’ una varietà pregiata di melanzana, originaria della Sicilia. Ha un  formato lungo e stretto, la buccia sottile e il colore viola intenso. Una bella scoperta!

Ingredienti per 3 persone:

  • 400 g di peperoni gialli e rossi (150 g cotti e al netto degli scarti)
  • 400 g di farina + altra per lavorare l’impasto
  • 150 g di acqua bollente
  • 150 g melanzane perline (3 melanzane)
  • olio q.b. e sale q.b.
  • 1 spicchio d’aglio
  • parmigiano

Ho arrostito i peperoni interi in forno, quindi ho eliminato la buccia e i semi.

Ho tritato i peperoni fino ad ottenere una purea omogenea, quindi li ho versati in una ciotola ampia, ho aggiunto la farina e poi l’acqua bollente, impastando tutto con le mani fino ad ottenere un impasto sodo  e non appiccicoso.

Nel frattempo, ho fatto dorare uno spicchio di aglio nell’olio e ho aggiunto le melanzane tagliate a rondelle, portandole a cottura e salandole solo alla fine per non far perdere loro troppa acqua di cottura.

Ho preparato infine gli gnocchi, prelevando delle parti di impasto, formando un rotolino con i palmi delle mani su un piano leggermente infarinato e tagliando l’impasto in piccoli pezzi.

Ho lessato gli gnocchi in abbondante acqua salata, li ho prelevati con una schiumarola non appena sono saliti a galla e li ho versati nella padella dove avevo cotto le melanzane, facendo insaporire un paio di minuti sulla fiamma e aggiungendo alla fine una spolverata di parmigiano.

16 Lug

Torta salata con brisèe all’olio extravergine e arachidi alle melanzane

Come preannunciato, ecco una nuova torta salata sfiziosissima e perfetta come accompagnamento di una grigliata di carne, ma anche come goloso piatto unico da far trovare pronto, per esempio, al ritorno dalla spiaggia 🙂

torta_melanzane_fetta

In questo caso, la già fantastica brisèe all’olio extravergine d’oliva diventa ancora più stuzzicante grazie alla presenza delle arachidi.
Le melanzane, invece, si accompagnano perfettamente al profumo della mentuccia.

Insomma, ora non vi resta che provare entrambe le torte salate, questa e quella ai peperoni, e farmi sapere quale è la vostra preferita! 🙂

Ingredienti per una teglia da 28 cm di diametro

Brisèe

  • 300 g di farina
  • 70 g di arachidi
  • 100 g di acqua
  • 100 g di olio extravergine d’oliva

Farcitura

  • 200 g di ricotta
  • 200 g di scamorza
  • 20 g di parmigiano grattugiato
  • 100 g di mozzarella di bufala
  • 2 melanzane
  • olio extravergine d’oliva, 1 spicchio d’aglio e sale q.b.
  • una quindicina di foglioline di mentuccia
  • 4-5 pomodorini

Ho tritato le arachidi insieme alla farina, non troppo finemente per mantenere una consistenza grossolana.
Ho aggiunto acqua e olio e ho mescolato con una forchetta fino al totale assorbimento dei liquidi, impastando poi a mano per rendere omogenea la pasta, e ho messo a riposare in frigorifero per circa un’ora.

Nel frattempo, ho tagliato le melanzane a dadini e le ho messe a cuocere in una padella dove avevo fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio. Le ho salate e portate a cottura.
Ho mescolato la ricotta con il parmigiano, quindi ho prelevato parte delle melanzane cotte e le ho tritate insieme alla ricotta e alla mentuccia (questo passaggio non è necessario, ma a me piace l’effetto di maggior omogeneità della farcitura).

Ho quindi steso col mattarello la brisèe e con essa ho foderato lo stampo (se non antiaderente, è meglio ungerlo). Ho fatto uno strato con la scamorza, poi con la crema di ricotta e melanzane, infine con le restanti melanzane a cubetti e la mozzarella.
Per completare e dare un po’ di colore ho messo anche qualche dadino di pomodoro.

torta_melanzane

Teglia Icont

Ho ripiegato i bordi della brisèe e ho infornato a 200-220° per circa 45 minuti.

Pin It
22 Apr

Gnocchi alla curcuma con melanzane e pesto

Non posso passare troppo tempo senza i miei gnocchi… questa volta sono dei semplicissimi gnocchi all’acqua aromatizzati e colorati con la curcuma, per ottenere delle piccole pepite dorate, e conditi con delle melanzane e del pesto.

Come sempre, velocissimi da fare e molto gustosi 🙂 gnocchi_curcuma2

Ingredienti per 2 porzioni:

  • 200 g di farina
  • 200 g di acqua
  • un cucchiaio raso di curcuma

Per il condimento:

  • 1 melanzana grande
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3-4 cucchiai di pesto
  • olio extravergine d’oliva
  • sale q.b.

Ho messo sul fuoco l’acqua in una pentola capiente e ho aspettato il bollore, quindi ho spento e ho versato la farina e la curcuma tutto in una volta. Ho mescolato velocemente con una spatola finchè la farina non ha assorbito tutta l’acqua, quindi ho lasciato raffreddare pochi minuti, il tempo che l’impasto fosse lavorabile con le mani senza ustionarsi 🙂

Nel frattempo ho fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva, quindi ho aggiunto le melanzane a dadini, ho salato e ho lasciato cuocere.

Quindi ho lavorato bene l’impasto degli gnocchi e ho formato dei salsicciotti con i palmi delle mani tagliando poi gli gnocchi e lasciandoli sul piano di lavoro leggermente infarinato.

gnocchi_curcuma

Una volta pronti, li ho lessati in abbondante acqua salata, li ho scolati una volta saliti a galla e li ho messi nella padella con le melanzane facendoli insaporire e amalgamare insieme a una cucchiaiata di acqua di cottura degli gnocchi.

Per ultimo ho unito un po’ di pesto, ho mescolato e servito.

Pin It
06 Nov

Farro con crema di melanzane e ceci speziata

Questa è una di quelle ricette che ti fanno innamorare non appena le vedi e non puoi non replicarle immediatamente! crema_ceci_melanzane2

Ciotola e piatto Poloplast

Vista due giorni fa da Giovanna, non appena sono uscita a fare la spesa ho preso un paio di ingredienti che mi mancavano e in men che non si dica l’ho preparata per la cena.
Le dosi sono minimamente differenti, perchè non è certo una di quelle ricette che non lasciano spazio agli adattamenti e ho aggiunto del farro per renderlo un piatto completo e più saziante, adatto anche al mio treenne (che s’è spazzolato una ciotola intera, mentre il marito ha fatto un superbis 😀 ).

La preparazione è davvero semplice e molto rapida (se avete i ceci già lessati e il farro a cottura rapida, naturalmente) ma risolve egregiamente il pasto accontentando tutti.

Ingredienti per 3-4 porzioni:

  • 1 melanzana grande
  • 250 g di ceci lessati
  • 300 g di pezzettoni o polpa di pomodoro
  • 1/2 cipolla grossa
  • 1 piccola carota
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • 1/2 cucchiaio di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaio di paprika dolce
  • una grattata di pepe nero e sale grosso
  • qualche fogliolina di mentuccia
  • 130 g di farro (io ho usato quello pronto in 10 minuti)

Ho tritato la cipolla e la carota, mettendole in una pentola dal fondo spesso con olio extravergine d’oliva insieme all’aglio. Ho lasciato soffriggere brevemente con un pizzico di sale, quindi ho aggiunto le melanzane tagliate a dadini e lasciato insaporire per 5 minuti circa.
A questo punto ho aggiunto un bicchiere d’acqua e il pomodoro proseguendo la cottura.
Dopo circa 10 minuti, ho versato anche i ceci, la cannella, la paprika, sale e pepe e fatto addensare un po’.

Ho quindi passato tutto col frullatore a immersione e messo da parte.

A parte ho lessato il farro in acqua salata, scolandolo una volta pronto ma senza buttare via l’acqua di cottura che ho aggiunto in parte alla crema per renderla meno densa.

Ho quindi versato il farro nella zuppa e lasciato insaporire un paio di minuti sul fuoco insieme alle foglioline di mentuccia (che non ho messo prima per mantenerne l’aroma fresco), servendo immediatamente.

E’ un piatto ottimo anche tiepido.

crema_ceci_melanzane

Ciotola e piatto Poloplast

Pin It
07 Ago

Spiedini croccanti di pollo e melanzane

Questi spiedini hanno riscosso un bel successo sia col piccolino di casa che con noi adulti.

Sono semplici da fare e piuttosto leggeri, ma sfiziosissimi perchè la panatura del pollo li rende croccanti e golosi al punto giusto, mantenendo però la carne morbida e non secca anche se la cottura avviene in forno.

Non ho usato nessun uovo perchè l’umidità della carne del pollo trattiene perfettamente la panatura.

spiedini

Ingredienti per 3 persone:

  • 400 g di petto di pollo in fette spesse
  • 1 melanzana media o 2 piccole
  • uno spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva, sale q.b.
  • 1 tazza di pangrattato
  • 3/4 di tazza di parmigiano grattugiato
  • 4 cucchiai di semi di sesamo

Ho affettato le melanzane lavate a cubetti grossi e le ho fatte cuocere, dopo averle salate,  circa 15 minuti in una padella in cui avevo fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva.
Fate attenzione alla cottura, perchè non devono sfaldarsi ma restare sode.

Nel frattempo ho tagliato il petto di pollo a pezzetti adatti a degli spiedini lunghi e poi li ho messi in una ciotola in cui avevo mescolato il pangrattato col parmigiano e i semi di sesamo, ricoprendoli interamente con la panatura.

Quindi ho iniziato a comporre gli spiedini, inserendo alternativamente un pezzo di pollo panato e  e un cubetto di melanzana.

Ho posto gli spiedini pronti su un foglio di carta da forno unta con olio e li ho fatti cuocere in forno per circa 20 minuti, finchè non si sono ben dorati.

PS. mi sono avanzati pochi pezzetti di pollo panato e li ho cotti in padella con un filo d’olio. Naturalmente ottimi!!

 

Pin It
22 Lug

Gnocchi di zucchine e farro integrale conditi con melanzane e pomodorini

Avevo in coda altre ricette da postare, ma quando elaboro dei piattini così buoni da leccarsi letteralmente i baffi, non riesco a resistere alla voglia di condividerli subito con tutti!

gnocchi_zucchine_cotti

Erano una decina di giorni che avevo pensato di fare questi gnocchi, visto che ormai li faccio davvero con tutto, fagioli, lenticchie, ceci, caprino, ricotta, carote, melanzane, acqua…
E visto che ormai il mio orto mi regala abbondanti raccolti di zucchine (e ultimamente ne ho raccolta una da 2 kg circa, una da 1 kg e 200 g e una da 540 g, dei veri mostri frutto solo della natura e di nessun aiuto) e ora anche melanzane e pomodori grandi e piccini, oggi ho unito il tutto per un piatto a cm zero (altro che km 0….).
Davvero “colto e mangiato“, visto che nel giro di una quarantina di minuti gli ingredienti sono passati dalla pianta alla mia tavola!

Naturalmente ho usato una farina integrale (che esalta moltissimo le verdure in genere, e ancor di più quelle dal sapore più delicato come le zucchine) e come quasi sempre della farina di farro (Prometeo).

Beh, non esagero se dico che questi gnocchi sono di gran lunga i miei preferiti tra i tanti provati negli anni! Battono addirittura quelli alle melanzane!!

La loro consistenza durante la lavorazione è molto morbida, ricorda quella degli gnocchi di patata, e dopo la cottura altrettanto, non è duretta come quelli di legumi o melanzane (che comunque mi piacciono moltissimo), ma più soffice.
E infatti, come quelli di patata, cuociono più in fretta e bisogna scolarli una volta che salgono a galla, mentre gli altri vanno cotti almeno 3-4 minuti in più dopo la risalita.

Il condimento con pomodorini freschi e melanzane poi è ottimo, il piatto è davvero completo e molto appagante, restando leggero e sano.

In questo piatto ho utilizzato olio extravergine d’oliva Dante.

Ingredienti per 2 porzioni abbondanti (o 3 piccoline):

  • 200 g di zucchine cotte (derivanti da circa 400 g di zucchine crude)
  • 250 g di farina integrale di farro (tra farina per impasto e lavorazione)
  • 20 g di parmigiano grattugiato
  • 20 foglie di basilico
  • 2 melanzane
  • 20 pomodorini
  • tre spicchi d’aglio
  • olio extravergine d’oliva

Ho prima preparato le zucchine per gli gnocchi, facendo imbiondire uno spicchio d’aglio in padella, e aggiungendo, una volta che ha iniziato a sprigionare il suo profumo, le zucchine lavate e tagliate a dadini e leggermente salate. Le ho fatte ammorbidire, senza scuocere, per circa 10 minuti, quindi le ho frullate insieme al basilico fresco (scolando i liquidi rimasti).

Ho messo sulla spianatoia la farina (circa 160 g) e al centro la purea di zucchine e il parmigiano, quindi ho iniziato a impastare con la forchetta, incorporando tutta la farina.
A  questo punto sono passata a lavorare tutto con le mani, aggiungendo di volta in volta ulteriore farina quando necessaria.
In tutto in questa fase ho utilizzato 200 g, ma valutate la necessità in base all’umidità rilasciata dalle zucchine.

gnocchi_zucchine_imp

Ho messo l’impasto a riposare sotto una ciotola capovolta, quindi ho iniziato a preparare il condimento.

Per il mio gusto personale, preferisco cuocere le melanzane a parte, senza pomodori, in quanto essi rilasciano molta acqua e danno alle melanzane un effetto “bollito” che in piatti del genere non gradisco moltissimo.
Cuocendo invece le melanzane in una padella abbastanza ampia e ben calda, con un poco di olio ma senza esagerare, l’effetto sarà quasi di melanzane fritte, molto golose e saporite.
Per una cottura perfetta occorre aspettare che l’olio in cui si fa soffriggere brevemente uno spicchio d’aglio sia ben caldo, quindi si possono aggiungere le melanzane che assorbiranno instantaneamente  tutto il grasso.
A questo punto, tralasciando la tentazione di aggiungere liquidi, salate e lasciate cuocere finchè le melanzane non inizieranno a rilasciare di nuovo l’olio precedentemente assorbito.
Naturalmente, per fare questo, la padella deve essere antiaderente e abbastanza ampia da contenere le melanzane in un’unico strato e non ammassarle troppo.

A parte ho invece messo il mio ultimo spicchio d’aglio a insaporirsi in un’altra padella con olio. In questa padella ho aggiunto invece i pomodorini tagliati a dadini e li ho fatti cuocere con poco sale finchè non si sono ben ammorbiditi e hanno rilasciato il loro sughetto, ma non ho fatto restringere il liquido di vegetazione, perchè in esso ho fatto insaporire in seguito gli gnocchi lessati.

Pronto il condimento e messa sul fuoco la pentola con l’acqua per la cottura della pasta, ho preparato gli gnocchi, stendendo l’impasto un po’ alla volta sulla spianatoia ben infarinata.
Ho formato i classici filoncini da circa 1 cm di diametro con i palmi delle mani, quindi ho tagliato i singoli gnocchi e li ho messi da parte su un vassoio infarinato, distanziandoli per non farli attaccare li uni agli altri.

gnocchi_zucchine

Una volta pronti, li ho messi nell’acqua bollente salata e li ho raccolti con la schiumarola non appena salivano a galla, quindi li ho messi nella padella col sugo di pomodoro ancora leggermente liquido e ho aggiunto anche le melanzane, facendo legare il tutto, creando una bella cremina densa, per un paio di minuti.

Ho quindi servito con una bella spolverata di parmigiano e del basilico fresco.

Fantastici… 🙂

Pin It
17 Lug

Cordon Bleu alle melanzane

Qualche giorno fa ho visto in macelleria dei cordon bleu e ho realizzato che non li avevo mai fatti assaggiare al mio treenne.
Ho pensato quindi di provare a farli in casa e in effetti sono stati un bel successo sia per il gradimento della piccola peste che per il nostro… davvero un esperimento da rifare!

cordon_bleu1Ho voluto farli con il petto di pollo macinato perchè volevo che fossero morbidissimi al loro interno e ho deciso di unire anche delle melanzane che avevo già cotto in padella per renderlo un piatto ancor più completo e gustoso. E secondo me è stata proprio questa la marcia in più dei miei cordon bleu!
Tenerissimi, ma con una crosticina croccante e golosa, una tasca esterna di pollo e melanzane che dona davvero un tocco in più e un ripieno morbido e fondente 🙂

Per essere sincera la lavorazione è un pochino noiosa, perchè l’impasto di carne macinata è umido e appiccicaticcio, un po’ difficile da impanare nell’uovo e pangrattato.
Per velocizzare le operazioni e rendere tutto facilmente eseguibile con i ritmi da “mare”, ho quindi optato per un congelamento dei medaglioni di carne senza farcitura e panatura la mattina prima di uscire.
Quando sono tornata dalla spiaggia, ho tolto i medaglioni dal freezer, li ho farciti, quindi li ho facilmente panati passandoli nell’uovo e nel pangrattato e infornati.
Finite le docce erano belli pronti e dorati 🙂

cordon_bleu

Ingredienti per 4 cordon bleu abbastanza grandi:

  • 450 g di petto di pollo
  • 150 g di melanzane già cotte in padella (con uno spicchio d’aglio e poco olio)
  • 25 g di parmigiano grattugiato
  • 50 g di prosciutto
  • 4 fette formaggio sottili (fontina, caciotta, sottilette, galbanino… quello che preferite)
  • pangrattato e parmigiano
  • 2 uova

Ho messo nel mixer la carne, il parmigiano e le melanzane, tritando il tutto.

Con questo impasto ho creato 8 medaglioni regolari con un coppapasta (di spessore non troppo alto, massimo mezzo cm) e li ho sistemati su un vassoio con carta forno.
Ho quindi messo tutto in congelatore, ma solo per renderli più facilmente maneggevoli nella fase della panatura.

Una volta induriti li ho ripresi e su 4 medaglioni ho sistemato una fetta di prosciutto e una di formaggio, facendo attenzione a non far uscire la farcitura al di fuori dei bordi della carne

Sopra ho sistemato un altro medaglione e ho cercato di chiudere i bordi con la mani, pressando la carne. L’operazione sarà piuttosto semplice, perchè nel tempo della lavorazione la carne avrà iniziato ad ammorbidirsi leggermente.
Sigillati i cordono bleu, li ho passati nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato unito a del parmigiano grattugiato.
Li ho panati completamente (potete anche ripetere l’operazione 2 volte per una crosticina più croccante) e poi rimessi sulla carta da forno un po’ distanziati.

Li ho quindi cotti a circa 200°-220° per circa 15-20 minuti, finchè non si sono ben dorati, e serviti subito.

Pin It
28 Giu

Spaghetti con melanzane, zucchine e pomodorini con provola affumicata fusa e crumble di mandorle

Ecco un altro di quei primi che regalano tanta soddisfazione ma permettono di ingerire pochi carboidrati, saziando ugualmente 🙂

Infatti, a fronte di 70-80 g di pasta (meglio ancora se integrale, soprattutto in gravidanza) il piatto sarà molto più che colmo, la vista appagata e il gusto davvero soddisfatto.

La base è costituita soprattutto da ortaggi (melanzane, zucchine e pomodorini) e già così sarebbe un primo molto saporito, ma per trasformarlo in un vero e proprio piatto unico e importante ho aggiunto una dadolata di ottima provola affumicata trovata oggi al supermercato e delle scagliette di parmigiano, con un tocco di croccante dato dalle mandorle tostate.

A dispetto della quantità di ingredienti questo piatto è di facile e rapidissima esecuzione e tutto cuoce mentre fate bollire l’acqua per gli spaghetti.

Ingredienti per 3 persone:

  • 1 melanzana lunga media
  • 1 zucchina romana media
  • 1 spicchio d’aglio
  • 5-7 pomodorini
  • sale, olio extravergine d’oliva q.b.
  • 100 g di provola affumicata
  • 40 g di mandorle intere
  • parmigiano da fare a scagliette
  • 240 g di spaghetti (meglio se integrali)

Ho messo sul fuoco l’acqua per la pasta, salando e aggiungendo gli spaghetti non appena ha iniziato a bollire.

Ho tagliato a dadini le melanzane e la zucchina. Ho lasciato imbiondire uno spicchio d’aglio in una padella antiaderente con olio, quindi ho aggiunto la dadolata di verdure, salandole.

Ho lasciato cuocere a fiamma media senza aggiungere liquidi e aspettando che le melanzane iniziassero a rilasciare l’olio assorbito inizialmente (segnale di avvenuta cottura).
A questo punto ho aggiunto i pomodorini a dadini e li ho fatti appassire e amalgamare al resto per pochissimi minuti.

In una padella a parte ho fatto tostare le mandorle tritate molto grossolanamente col coltello, quindi ho scolato gli spaghetti al dente e li ho versati nella padella con le verdure, aggiungendo la provola a dadini e saltando il tutto.

Solo al momento dell’impiattamento, ho aggiunto il crumble di mandorle e le scagliette di parmigiano.

Coppa “Goccia” Poloplast

Pin It
14 Mag

Lasagna con sfoglia di farro al basilico e prezzemolo farcita con melanzane e calamari

Come preannunciato nel post di ieri (quello sulla pavlova), per il pranzo di domenica ho realizzato una lasagna speciale, molto saporita ma piuttosto leggera se paragonata a una lasagna di tipo classico, perchè ha ben pochi grassi (solo dell’olio extravergine d’oliva ma in dosi minime) e la farcitura abbondante è composta soprattutto da verdura e pesce.

E’ farcita infatti con calamari, melanzane e scamorza affumicata, ma non ho usato besciamella o panna per condire. E’ un bel piatto unico: primo, secondo e contorno tutto in uno, perfetta per un bel pranzo estivo, quando non ci si vuole appesantire con il caldo, e per quelle occasioni in cui si vuol lasciare qualcosa di pronto per il ritorno dal mare (o da una passeggiata fuori) senza rinunciare a portare in tavola un bel piatto importante. Può essere infatti preparata il giorno prima e infornata un’oretta prima di pranzo.
Praticamente il tempo di posare gli asciugamani e i giochini della spiaggia e di docciare tutti e la pappa è servita 🙂

La sfoglia l’ho realizzata con farina di farro e l’ho aromatizzata con basilico e prezzemolo tritati grossolanamente col coltello. Questi profumi si abbinano alla perfezione con gli altri ingredienti.

Ingredienti per 6 persone

Per la pasta:

  • 200 g di farina di farro
  • 2 uova
  • 15 g di basilico e prezzemolo freschi

Per la farcitura:

  • 3 calamari
  • 4 melanzane lunghe (medie)
  • 300 g di scamorza affumicata
  • Parmigiano reggiano grattugiato
  • sale, olio extravergine d’oliva q.b.
  • 2 spicchi d’aglio

Innanzitutto ho preparato la sfoglia, sistemando la farina a fontana sul tavolo da lavoro e aggiungendo al centro le due uova e le foglioline di erbe aromatiche tritate. Ho impastato prima velocemente con una forchetta, poi con le mani energicamente, fino a ottenere una palla liscia e omogenea. Ho quindi lasciato riposare sul tavolo coperto da una ciotola (per non far seccare la pasta).

Nel frattempo ho preparato la farcitura, facendo cuocere le melanzane tagliate a dadini in una padella in cui avevo fatto imbiondire uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva. Ho salato le melanzane, aggiunto un pochino di acqua (ma va benissimo anche del vino bianco) e spento più o meno a metà cottura (visto che continueranno a cuocere in forno).

I calamari, dopo averli puliti, li ho tagliati in piccoli pezzi, così da essere facilmente mangiati anche dal piccolino di casa. Li ho quindi salati e fatti cuocere meno di 5 minuti in una padella dove avevo fatto imbiondire un altro spicchio d’aglio in olio.
I calamari rilasciano molta acqua in cottura, ma in questo caso la conserveremo per cuocere la lasagna, visto che non sono presenti altri ingredienti liquidi o cremosi.

Mentre gli ingredienti per la farcitura proseguono la loro cottura, ho steso la pasta (potete farlo a mano o con la macchina apposita) sottilmente. Per questo tipo di preparazioni io preferisco la sfoglia non troppo sottile, diciamo che per i miei/nostri gusti è perfetta al penultimo spessore della macchina per stenderla (il n. 5). Ma voi fate come preferite…

Ho quindi iniziato a comporre la lasagna, stendendo le prime sfoglie nella teglia (adatta al forno e coi bordi ben alti) sul cui fondo ho versato un filo di olio extravergine d’oliva.

Sopra lo strato di pasta ho sistemato uno strato di melanzane, uno di scamorza, ho spolverato di parmigiano e poi l’ultimo strato di calamari.
Ho ripetuto queste operazioni per un ulteriore strato di tutti gli ingredienti, terminando con le sfoglie di pasta.

Farcendo la lasagna, ho aggiunto man mano anche il liquido di cottura dei calamari, così da tenere ben umido il tutto e permettere alla pasta di cuocere perfettamente in forno senza seccare.

Ho quindi coperto con dell’alluminio e poi infornato a 200-220° per circa 30 minuti, quindi ho proseguito la cottura ancora per circa 20 minuti senza più alluminio.

Per rendere il sapore più fresco, ho preparato a parte anche un leggerissimo sughetto di pomodori freschi privati della pelle e cotto per pochissimi minuti in padella con olio extravergine d’oliva e uno spicchio d’aglio. A questo sughetto ho aggiunto alcuni tentacoli dei calamari lasciati da parte, così che potessi usarli per guarnire la superficie spoglia della lasagna pronta.

Noi l’abbiamo trovata davvero ottima!

Con questa ricetta partecipo al contest La prova del Farro.

Pin It
31 Lug

Involtini di bucatini cacio e pepe

Anni fa a un matrimonio ho mangiato degli involtini di melanzana ripieni di spaghetti (o tonnarelli? non ricordo più) al sugo. Mi ero sempre ripromessa di farli, ma poi non è mai capitato.
Ultimamente ho rivisto un’idea simile da Stefania e ho capito che era giunto il momento 🙂

Nell’infinità di varianti in cui è possibile riprodurre questo piatto, ho scelto una semplice “cacio&pepe”.
Visto il risultato di piccoli bocconcini, l’idea può essere simpatica anche per un aperitivo o un buffet (ma necessitano comunque di piattino).

Varianti per rendere il piattino più fresco e sfizioso?

  • ricoprire gli involtini con una dadolata di pomodori freschi e basilico;
  • preparare un sughetto leggero di pomodoro come “letto”;
  • un classico: sostituire le melanzane fritte con quelle grigliate.

In questo piatto ho utilizzato il pepe nero di Tec-Al

Ingredienti per circa 15 involtini:

  • 2 piccole melanzane (o una grande)
  • 50 g di bucatini
  • 2 manciate abbondanti di pecorino
  • pepe nero a piacere
  • olio d’oliva o olio per la frittura
  • sale q.b.

Ho iniziato friggendo le melanzane tagliate in fette sottili, quindi le ho messe sulla carta assorbente per asciugare bene l’olio in eccesso.

Ho lessato la pasta abbastanza al dente in abbondante acqua salata.
Mentre lessava ho messo il pecorino in una ciotola insieme al pepe nero in polvere, quindi ho aggiunto un po’ di acqua di cottura alla volta, mescolando con una piccola frusta, fino ad ottenere una crema.
Ho scolato i bucatini e li ho versati nella ciotola col pecorino e il pepe (fin qui è la ricetta del cacio e pepe 🙂 ).

Ho preso circa 3 bucatini per volta e li ho arrotolati un po’ per inserirli nella fettina di melanzana da arrotolare.
Ho messo ogni involtino su una teglia ricoperta da carta forno e ho ripassato tutto in forno circa 10 minuti subito prima di servire.

Pin It