06 set

Crostata con crema pasticcera allo yogurt (velocissima)

Con una sola ricetta di base ieri pomeriggio, con i miei bimbi, ci siamo divertiti a preparare due crostate diverse ma ugualmente golose.

cremayogurt2

Un paio di settimane fa avevo preparato un barattolino di marmellata di more che ancora non avevo consumato e che avevo immaginato di utilizzare per una bella crostata, ma volevo “ammorbidirne” gusto e consistenza con una crema delicata.
Ho approfittato allora di uno yogurt alle ciliegie che avevo in frigorifero per sperimentare questa crema vellutata e deliziosa, da provare anche con altri gusti!

Non amo assolutamente preparare creme, ma ormai il mio cavallo di battaglia è la crema pasticcera di Montersino, che si cuoce velocemente al microonde, senza sporcare e senza grosso impegno, se non quello di pesare gli ingredienti.
La ricetta base è dunque la sua, ma ho sostituito lo yogurt alla panna e anche a parte del latte.
Risultato perfetto!

La doppia versione della crostata nasce dall’esigenza di proporre ai miei bimbi un’alternativa alle more che non amano (per i semini) e quindi al posto della marmellata ho usato una bella mela.

Quindi, se optate per una sola crostata, o dimezzate le dosi di crema e pasta frolla, oppure ne realizzate una grande raddoppiando le dosi di marmellata e/o di mele.

cremayogurt

Per 2 crostate da 20 cm di diametro

Prima fasePasta frolla

  • 400 g di farina
  • 200 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 1 uovo
  • scorza grattugiata di un limone

Ho impastato il burro a pezzetti con gli altri ingredienti, fino ad ottenere una palla omogenea che ho messo in frigorifero a riposare (riposo minimo: 30-40 minuti).

Seconda fase: Marmellata di more rapidissima (oppure usare una marmellata confezionata di qualità)

  • 300 g di more
  • 100 di zucchero
  • succo di un limone

Ho lavato bene le more, le ho messe in una tazza alta, ho aggiunto lo zucchero e il succo del limone, mescolato e messo nel microonde alla massima potenza per cicli di 5 minuti alla volta, mescolando ogni volta fino a quando non ha raggiunto una consistenza densa ma non troppo (raffreddando solidificherà ancora).
Se non volete usare il microonde, naturalmente potete cuocerla in modo tradizionale sul fornello, mescolando spesso per non farla attaccare sul fondo.

Terza fase: Crema pasticcera allo yogurt

  • 75 g di zucchero
  • 75 g di tuorlo (circa 4 tuorli)
  • 20 g di amido di mais
  • 100 g di yogurt alle ciliegie
  • 150 g di latte
  • la scorza grattugiata di un limone

Ho mescolato lo zucchero con i tuorli (non c’è bisogno di montare), ho aggiunto l’amido e mescolato bene, quindi anche lo yogurt, il latte e la scorza grattugiata del limone.

Reso l’impasto omogeneo, ho messo nel microonde per 2 minuti a 750 W. Ho quindi aperto e mescolato con la frusta. Ho fatto un nuovo ciclo di 2 minuti, mescolato e fatto raffreddare.
In caso la crema non fosse ancora della giusta consistenza, continuate a cuocere per 1-2 minuti alla volta.

Velocissimo vero? E in più non c’è rischio di grumi!
Ma naturalmente, anche in questo caso, potete optare per cuocere la crema sul fornello.

Quarta fase: Le crostate

Ho diviso in 2 parti la pasta frolla, stendendola per ricoprire il fondo di 2 tortiere tonde e lasciando da parte i ritagli per la decorazione della superficie.

Ho farcito entrambe con la crema pasticcera allo yogurt e poi ho ricoperto una delle due con la marmellata di more e l’altra con una mela tagliata a dadini.

Ho infine decorato le due crostate con dei fiorellini ricavati dalla frolla avanzata e infornato a 200° per circa 40 minuti.

cremayogurt3

Pin It
13 feb

Strudel di mele e kumquat

E se viene voglia di preparare un buon dolce per il pranzo o la cena ma si ha poco tempo a disposizione sia per prepararlo che per cuocerlo? La soluzione c’è!
Uno strudel di frutta con la pasta sfoglia furbissima, quella che si prepara in casa con farina, burro e formaggio (ricotta o philadelphia) in pochissimi minuti, ma che rende alla perfezione, sfogliando anche meglio di quella comprata e che cuoce senza problemi (non so a voi ma a me quella confezionata resta sempre un po’ crudina all’interno).

strudel_fetta

Ecco, con questa non ho mai sorprese… Mi riesce sempre benissimo, è ottima e dà molta soddisfazione :-)
Lo so, lo strudel in realtà non va fatto con la pasta sfoglia, ma con una pasta apposita (qui la ricetta), ma non mi andava di “faticare” per stenderla sottilissima, quindi ho optato per una versione veloce del dolce.

La farcitura comprende le classiche mele, aromatizzate con la cannella, ma anche dei profumatissimi kumquat (i mandarini giapponesi), che, come vi dicevo un paio di post fa, in questo periodo metto ovunque.
L’abbinamento è perfetto e il gusto davvero delizioso :-)
Meno di mezz’ora di preparazione (e altrettanto di cottura) e il dessert è servito!

Ingredenti

Per la sfoglia

  • 90 g di farina
  • 75 g di burro
  • 80 g di Phiiladelphia (o ricotta)

Per la farcitura

  • 100 g di kumquat
  • 1 mela
  • 1 cucchiaio e mezzo di cannella in polvere
  • 1 manciata di pinoli
  • 1 manciata di uvetta
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di semola

Ho impastato la farina col burro freddo e il formaggio, ho formato una palla e ho messo a riposare in frigorifero per circa 30 minuti..

Nel frattempo, ho tagliato i kumquat a metà, ho tolto i semi e ho sbucciato e tagliato in pezzi la mela.

Trascorso il tempo di riposo, ho steso la pasta su un piano di lavoro infarinato, cercando di darle una forma rettangolare. Al centro ho messo la semola, così da farle assorbire parte dei liquidi della frutta, sopra ho sistemato le mele e i kumquat tagliati, ho aggiunto l’uvetta sciacquata sotto l’acqua corrente, i pinoli e ho ricoperto tutto con 3 cucchiai di zucchero e 1 di cannella.

strudel

Ho richiuso i due lati lunghi della sfoglia e ho sigillato i bordi dei lati corti, ho spolverato la superficie con lo zucchero e la cannella e infornato a 180° per circa 30 minuti, finchè non è diventato dorato.

Pin It
09 ott

Plumcake di grano saraceno alle mele profumato alla cannella e zenzero

Sinceramente non avrei mai pensato di usare la farina di grano saraceno nei dolci, ma poi avendo questa confezione aperta in casa (quella di Store Valtellina), mi sono detta, perchè no? E’ pur sempre farina! Di sicuro con un sapore rustico, ma comunque farina…

E, con mille paure, alla fine ci ho fatto un bel plumcake alle mele, in cui ho utilizzato dello zucchero di canna Mauritius Muscovado per accentuare l’effetto speziato e una buona quantità di kefir (lo so, vi sto ammorbando, ma ne ho così tanto che se non lo butto dentro ogni ricetta non so che farci! Voi sostituitelo con yogurt naturale senza problemi) e ho profumato tutto con cannella e zenzero fresco.
Beh, immaginerete che profumo!

E la prova assaggio come è andata?? Se leggete la ricetta qui, assolutamente bene!
Il risultato è di un dolce molto rustico, ma piacevolissimo, perfetto se accompagnato da una tazza di tè.

Personalmente, anche se amo il grano saraceno, trovo un po’ fastidiosi in gola quei granelli più ruvidi che “graffiano”, ma utilizzando un mix di farina al 50% e le mele nell’impasto, la sensazione è del tutto svanita.

Tagliere WD Lifestyle

Ingredienti:
  • 125 g di farina di grano saraceno
  • 125 g di farina 00
  • 120 g di zucchero di canna (perfetto il Mauritius Muscovado)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 50 g di olio d’oliva
  • 2 uova medie
  • 250 g di kefir (metà siero metà yogurt, ma potete usare anche pari quantità di yogurt naturale)
  • 1 mela grande
  • 2 cucchiai di cannella
  • 1 cucchiaio di zenzero fresco grattuggiato
  • per decorare: semi di papavero, zucchero di canna, cannella

Ho miscelato le due farine con lo zucchero di canna, il lievito, la cannella e lo zenzero grattugiato, quindi ho aggiunto l’olio, le uova e il kefir (o lo yogurt bianco naturale) mescolando bene il composto e amalgamando.

Infine ho sbucciato e tagliato la mela a piccoli dadini, aggiungendola all’impasto e mescolato, quindi ho versato tutto in uno stampo da plumcake coperto da carta forno (potete anche semplicemente ungerlo e infarinarlo) spolverizzando la superficie con un paio di cucchiai di zucchero di canna mescolato a cannella e a semi di papavero.

Ho lasciato cuocere a 180° per circa 45 minuti.
Impossibile resistere a un assaggio mentre è ancora fumante… il profumo è davvero tentatore!

Tovaglietta Green Gate

Pin It
09 gen

Crumble di mele e ribes rosso

Di solito dopo le feste ci vorrebbe qualche ricettina light e disintossicante, ma io ho digiunato sia a Natale che a Capodanno (e nei giorni prima, durante e dopo) per influenza e malesseri vari per cui un dolcetto me lo posso permettere ecco :-(

Che poi come dolce è anche abbastanza leggero, oltre che facilissimo e veloce, per cui ve lo consiglio vivamente!

Crumble vuol dire briciola, per l’aspetto sbricioloso della superficie, e quindi non sono richieste grandi doti di impastatore/trice: basta tagliare la vostra frutta preferita, metterla sul fondo e ricoprirla delle briciole di impasto di farina, burro, zucchero, infornare e mangiare. Voilà!

Si può quindi realizzare con qualunque frutta e mescolarla con marmellate, creme, spezie e frutta secca. Versatile e pratico, perchè questi ingredienti li abbiamo sempre in casa.

In questa ricetta ho utilizzato la mostarda di ribes rosso Sant’Orsola e la fetta l’ho ricavata con il coppapasta tondo Guardini.

Ingredienti per 6 porzioni:

  • 180 gr di farina
  • 105 gr di burro
  • 105 gr di zucchero di canna
  • 3 mele medie
  • cannella
  • 50 gr di pinoli
  • nocciole
  • mostarda di ribes rosso

Mescolare la farina con lo zucchero di canna e i pezzetti di burro freddo, creando coi polpastrelli delle grosse briciole (una volta tanto non ci dobbiamo proccupare di fare impasti lisci, omogenei, elastici… :-D ).
Posizionare sul fondo di una teglia da forno coi bordi rialzati le mele affettate, i pinoli, qualche nocciola tritata. Ricoprire tutto con cannella e poi fare uno strato di mostarda o marmellata.
Ricoprire infine con le briciole di impasto e ancora qualche nocciola tritata.
Infornare per circa 30 minuti a 180°, finchè il dolce non è ben colorito.
Ottimo caldo/tiepido.

16 nov

Chips di mele

Una ricetta diffffficilissssima, oggi! Dovete essere dei veri chef per riuscire a creare delle perfette chips di mela! :-D

Scherzi a parte, che buone che sono! In realtà era un pochino che ci pensavo, poi venerdì al supermercato ho trovato delle chips in busta, le ho comprate, assaggiate e mi sono piaciute un sacco! Per non parlare di Gabriele :-)
Non ricordo la marca, ma non c’erano schifezze dentro: solo mele e limone, per cui non male.
Però, volete mettere la soddisfazione a farle in casa?? L’unico lato negativo, per chi non ha un essiccatore, è il tempo di permanenza in forno: almeno un paio d’ore.

Tagliere WD Lifestyle

E poi sono così carine, che sono perfette anche per decorare dolci e, credo, si conservano a lungo ben chiuse in un contenitore ermetico. Io per ora le ho solo da 3 giorni e sono ancora perfette.

Visto che c’ero, ho fatto anche un paio di esperimenti: su alcune ho messo dello zucchero di canna, su altre della cannella in polvere, le altre le ho lasciate senza nulla.
Risultati: quelle con lo zucchero, le sconsiglio perchè secondo me sono troppo dolci. Quelle con la cannella non sono male, ma non si sentiva molto l’aroma.
Farò altre prove e vi dirò :-)

Tagliere e coltello in ceramica WD Lifestyle

Ingredienti:

  • 3 grosse mele rosse (dolci)
  • mezzo limone

Preparate una grossa ciotola e riempitela di acqua e del succo di mezzo limone (anche uno intero volendo).

Togliete il torsolo alle mele e poi ricavate tante fettine sottilissime, di circa 3 millimetri, mettendole subito nell’acqua limonata per evitare che si anneriscano.

Quindi, trasferite tutte le fettine su una leccarda ricoperta da carta forno. Non sovrapponetele, perchè altrimenti si attaccheranno tra loro.

Infornate a temperatura bassa (circa 100°) per 2 ore circa. Se avete la funzione di forno ventilato, usatela, perchè aiuta a seccare. Quando vedete che sono secche, provate a toglierne una e a farla raffreddare: se da fredda è ben croccante è pronta, per cui potete spegnere il forno.
Io ho comunque lasciato tutto dentro al forno spento, così da farle seccare ancora un pochino.

Non resta che sgranocchiare! Una valida, e soprattutto sana, alternativa alle patatine :-)
Vabbè le patatine fanno sempre gola, eh, ma vi assicuro che sono molto golose anche queste!

Gabriele, che ha soli 20 mesi per cui non mangia patatine in busta (e finchè riuscirò ad evitarlo sarà così), è stato molto contento di sgranocchiare come i grandi :-)

La ricetta è brevissima, ma le foto stavolta sono un sacco! Mi piacevano troppo queste chips per non fotografarle! :-)

Non sarebbero davvero carine anche confezionate in un sacchettino di plastica trasparente, da regalare insieme a una bella tisana, oppure ad altri prodotti enogastronomici?

Ma si! Basta regali inutili!

E poi, non so voi, ma io ho grandissima difficoltà a trovare i regali giusti per gli uomini…
Con le donne è più facile… sono lettrici più appassionate, amano i gioielli, le borse, accessori vari.
Gli uomini, almeno quelli che conosco io, hanno meno interessi e quasi sempre molto costosi!

E allora, perchè non regalare una bella bottiglia di vino, un liquore particolare, una grappa ricercata?

Questo è possibile farlo anche attraverso il sito Regali diVini, che presenta un’ampia sceta, per tutte le fasce di prezzo, e che, soprattutto, permette di far spedire il vostro regalo direttamente ai vostri amici lontani, in sole 48 ore, senza preoccuparvi dell’imballaggio di un prodotto comunque fragile.

E poi, potete personalizzare la confezione! Regali diVini ha pensato a tutto :-)

Se siete interessati iscrivetevi anche alla pagina Facebook, avrete 10 € di sconto!
Non male, eh?

10 ott

Golose mele in crosta e chiusura Giveaway

Buon inizio settimana e grazie a tutti i partecipanti al mio giveaway!
Ieri sera, infatti, è scaduto il termine per partecipare al giveaway con in palio il libro Ricette per gioco offerto da Natalia Cattelani di Tempo di cottura.

Sono pervenuti 46 commenti validi che parteciperanno all’estrazione. Domani sera ci saranno le estrazioni del lotto e, come anticipato, il vincitore sarà l’autore del commento che ha la posizione del primo numero estratto sulla ruota di Roma inferiore o uguale a 46, sulla base dell’elenco che pubblicherò a fine post.

Nel frattempo, vi lascio la ricetta di questo buonissimo dessert, uno dei cavalli di battaglia di mia madre: delle golosissime mele ripiene in crosta.

In questa ricetta ho utilizzato la confettura extra di albicocche del Vesuvio di Casa Barone (ma sapete che è buonissima?? solo frutta e zucchero di canna e le albicocche si trovano a pezzi belli grossi… ottima da mangiare anche nature, solo col cucchiaino!).

La decorazione (foglie e picciolo) le ho fatte con del MMF (marshmallow fondant) che mi era avanzato da altre preparazioni.

Ingredienti per ogni porzione:

  • 1 mela annurca (o comunque mele piccoline)
  • un cucchiaino di pinoli
  • un cucchiaino di uvette
  • un cucchiaio abbondante di confettura di albicocche (o anche di altra frutta)
  • un bicchierino di rum
  • un cucchiaino di cannella in polvere

Per la pasta frolla (con queste dosi ho ricoperto 6 mele e ho ricavato 6 fagottini ripieni (la ricetta la prossima volta :-) ):

  • 100 gr. di burro
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 2 uova intere e 2 tuorli
  • 400 gr di farina 00
  • un paio di cucchiai di rum
  • scorza di un piccolo limone

Per servire (facoltativo):

  • cioccolato fondente
  • latte

Preparare innanzitutto la pasta frolla, così da farla riposare un po’ in frigo.

Io sbatto prima le uova con lo zucchero, rendendole molto schiumosi, quindi aggiungo il burro e poi pian piano la farina e gli aromi. Impastato bene il tutto, lo lascio in frigo per una mezz’oretta, intanto che preparo il resto degli ingredienti. Gli albumi che avanzano metteteli da parte perchè potranno essere usati per spennellare i dolcetti.

Mettete a bagno l’uvetta nel rum e poi lavate bene le mele, sbucciatele e togliete la parte centrale (l’ideale è usare il togli torsolo, così viene un buco regolare). Potete passarle da parte a parte, senza preoccuparvi che il ripieno esca da sotto, perchè la pasta frolla tiene bene.

In una ciotola amalgamate i pinoli, l’uvetta scolata e strizzata, la confettura e aggiungete un po’ di cannella per aromatizzare (naturalmente le quantità di ogni ingrediente possono essere adattate ai propri gusti). Con questo composto riempite ogni mela.

Stendete la pasta frolla col mattarello ottenendo uno spessore di circa mezzo cm (anche un po’ meno, ma non troppo sottile, altrimenti si romperà) e ricavate tanti quadratoni di una grandezza sufficiente a ricoprire una mela intera quante sono le mele.

Posizionate la mela al centro del quadrato e poi tirate su gli angoli, sovrapponendoli e creando così una crosta che ricopre tutta la mela. Spennellate ogni mela con un po’ di albume per facilitare la colorazione.
Infornate in forno già caldo a 180° per circa 20 minuti o finchè non sono cotte e ben colorite.

Sono ottime mangiate tiepide e volendo potete servirle con una salsina al cioccolato fondente, ottenuta sciogliendo in un pentolino un po’ di cioccolato con del latte.

Ed ecco la lista dei partecipanti al giveaway, con l’ordine dei commenti:

  1. Lucia
  2. Miracucina
  3. Supermamma
  4. Paola
  5. Autilia De Simone
  6. Autilia De Simone II
  7. Autilia De Simone III
  8. Fra
  9. Fra II
  10. Lucia II
  11. Carmen giveaway
  12. Giusy87
  13. Emanuela Spedale
  14. Caterina Mariposina
  15. Caterina Mariposina II
  16. Caterina Mariposina III
  17. Miracucina II
  18. Laura Valzy
  19. Daniela
  20. Daniela II
  21. Miracucina III
  22. Paloma
  23. Sabrinalivia
  24. Cristiana
  25. Cristiana II
  26. Giorgia
  27. Giorgia II
  28. Sharon
  29.  Marta
  30. Antonella
  31. Roberto
  32. Giulia
  33. Tiziana
  34. Chiara
  35. Valentina
  36. Valentina II
  37. Valentina III
  38. Amalia
  39. Anna76
  40.  Anna76 II
  41. Laura
  42. Laura II
  43. La Fra
  44. La Fra II
  45. La Fra III
  46. Pam

Se il caso vuole che nessun numero della ruota di Roma sia inferiore o uguale a 46, vincerà il primo numero estratto inferiore o uguale a tale cifra sulla ruota di Napoli.

In bocca al lupo a tutti!

26 ott

Strudel di mele

Col tempo che c’è oggi (non so da voi ma qui piove a dirotto e fa freddino… oggi ho dovuto dire addio ai sandali :-( ) penso proprio che un dolcetto come questo sia di grande consolazione!

Adoro lo strudel di mele, ma ho provato solo da poco a fare la vera pasta strudel, senza usare la pasta sfoglia.
Pensavo fosse complicato, invece è una pasta molto facile da fare. Più di altri impasti.
Ha un’unica difficoltà: va stesa sottilissima, ma proprio sottile sottile. La tradizione vuole che sia così trasparente da permettere di leggere le parole d’amore di una lettera del proprio innamorato posizionata sotto la sfoglia… Che romantico, eh?!

Ma la difficoltà non è certo stenderla, come mi aspettavo! L’impasto è davvero molto elastico e ben lavorabile. Non ho fatto la prova della lettera d’amore (dove la andavo a trovare una lettera d’amore?!) ma era davvero trasparente.
La difficoltà è metterci dentro il ripieno, arrotolare senza romperla e poi posizionarla sulla placca del forno!
Per l’ultimo passaggio è facile rimediare, perchè basta riempire lo strudel direttamente sulla carta forno o sulla placca che poi inforneremo. Tutt’è saperlo! E nelle ricette che ho trovato nessuno ne faceva cenno, per cui ve lo dico io!
Per il resto, occorre solo essere molto delicati.

Ingredienti:

  • 250 gr di farina 00
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di olio (ma qualcuno dice burro)
  • 1/2 bicchiere circa di acqua calda
  • un pizzico di sale

Impastate farina e uovo e poi aggiungete l’olio, il sale e a poco a poco l’acqua tiepida.
La dose di acqua probabilmente non vi servirà tutta. Ne serve quel poco che basta a rendere l’impasto liscio, omogeneo e non appiccicoso.

Una volta impastato il tutto, lasciate riposare una mezz’oretta circa. Nel frattempo potete preparare il ripieno.

Questa base va bene sia per strudel dolci che salati ed è sufficiente per 2 strudel di media grandezza.

Ciò che mi avanza lo congelo e resta pronto per la volta successiva.

Dopo il riposo, stendete col mattarello la pasta, il più sottile possibile :-)

Agli ingredienti che vi ho indicato prima, io ho anche provato ad aggiungere 1 cucchiaio di zucchero di canna, per fare lo strudel di mele. Ottimo :-)

Ingredienti ripieno:

Il bello dello strudel è che potete riempirlo con quello che preferite. Io però adoro la versione classica, con le mele e la frutta secca.

Non riporto dosi perchè è d’obbligo seguire i propri gusti, abbondando con un ingrediente piuttosto che con un altro. Io metto tanto di tutto!

  • 2-3 mele
  • cannella
  • pinoli
  • uvetta ammollata nel rum (o nell’amaretto… che buona!)
  • mandorle (facoltative)
  • marmellata di limone (io avevo questa) o altro
  • zucchero di canna

Spennellate la pasta strudel con della marmellata. Ricordatevi di fare queste operazioni direttamente sulla teglia che porterete in forno (repetita iuvant).

Tagliate le mele a dadini e posizionatele lungo la parte centrale della pasta. Aggiungete pinoli, mandorle a pezzi, l’uvetta precedentemente ammollata e strizzata.

Infine spolverate tutto con abbondante cannella (secondo i propri gusti) e lo zucchero di canna.

Arrotolate i lembi esterni della pasta, dando al dolce la classica forma dello strudel e infornate a 180° per circa mezz’ora. Io ogni tanto aprivo il forno raccogliendo il sughetto delle mele che usciva fuori e lo versavo sopra lo strudel.

Quando è ben dorato, spegnete il forno. E’ ottimo sia caldo che tiepido. Sia solo che servito con una crema o uno zabaione.

18 feb

Maiale agrodolce con contorno di mele

Ohhh! Finalmente sono riuscita a provare quest’abbinamento… Lo so che  è piuttosto classico, ma, come ho detto già in passato, la mia famiglia (sia quella d’origine che mio marito) non ama sperimentare gusti nuovi, per cui non l’avevo mai fatto.
Nello scegliere il menu per il mio pranzo di oggi però mi sono resa conto di avere una bella bistecca di maiale e le mele… Quale momento migliore per provare?!

Per la ricetta sono andata assolutamente a caso, cercando di capire quali procedimenti e quali dosi potessero dare i risultati migliori e ne sono stata davvero soddisfatta! C’ho preso al primo colpo :-)
A voler essere pignoli ci voleva un pizzico di sale in più, ma per il resto era davvero gustoso.

Ingredienti (per 1 persona):

  • 1 bistecca di maiale
  • 1 mela
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva e sale q.b.
  • 1/2 bicchierino da caffè di aceto balsamico
  • 1 cucchiaino di miele
  • 3/4 di bicchierino di brandy
  • farina q.b.

Fate rosolare lo spicchio d’aglio nell’olio e nel frattempo infarinate la bistecca su tutta la sua superficie.
Appena l’aglio inizia a dorare, mettete la bistecca nella padella e “sigillatela” su entrambi i lati, cioè lasciatela cuocere circa 1 minuto sui ogni lato.
A questo punto, potete togliere lo spicchio d’aglio e aggiungere le mele che avrete sbucciato e tagliato a dadini. Lasciate insaporire pochi minuti, quindi sfumate col brandy e proseguite la cottura, girando di tanto in tanto la bistecca. Verso fine cottura, aggiungete circa la metà dell’aceto balsamico e salate.

A parte, in un pentolino, fate ridurre il rimanente aceto balsamico su una fiamma molto bassa e mescolando finchè l’aceto assume una consistenza cremosa. A questo punto unite un cucchiaino di miele, mescolate e usate la riduzione per condire la bistecca direttamente nel piatto prima di servire.

27 ott

Crumble di mele e mandorle

Stasera avevo proprio voglia di un buon dolcetto fatto in casa e la cosa più veloce che mi è venuta in mente è stato un crumble, che ha cottura abbastanza veloce (30 minuti) e non occorre far raffreddare perchè va mangiato caldo.

Le mele me le ha gentilmente fornite la mia collega Elena, visto che in casa non ne avevo e, piovendo, non avrei potuto fermarmi a far la spesa… grazie! :-)

Crumble di mele e mandorle

Ingredienti (per 4 porzioni):

  • 2 grosse mele
  • 70 g. di burro
  • 120 g. di farina 00
  • 70 g. di zucchero di canna
  • 50 g. di mandorle
  • uvetta a piacere
  • pinoli a piacere
  • cannella in polvere

Mescolare prima con una forchetta e poi impastare con le dita la farina, il burro freddo di frigorifero e lo zucchero di canna.
Il movimento da fare con le dita è quello che si farebbe dovendo sbriciolare del pane (to crumble –> sbriciolare) ed infatti l’aspetto del composto dovrà essere quello di grosse briciole.

Tritare le mandorle in modo grossolano e aggiungetele all’impasto.

Preparare una teglia da forno, che sarà anche quella di portata, e tagliate le mele a fettine sottili, dopo averle lavate e sbucciate. Le mele verrano posizionate a strati, uno sopra l’altro, spolverando su ogni strato un po’ di cannella e unendo un po’ di pinoli e uvetta.
Sopra le mele, sbriciolate il composto di burro, farina, zucchero di canna e mandorle.
Con esso coprite completamente le mele.

Infornate posizionando la teglia sul ripiano di mezzo ad una temperatura di 180-200° per circa mezz’ora.
Il crumble è pronto quando è ben dorato. Servite caldo.

Crumble di mele e mandorle

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Essenza di Vaniglia sulle torte di mele.

La mia torta di mele
E anche alla raccolta di Elena “Crumble…amore al primo assaggio…”
crumble.jpg