08 ago

Torta alla crema con pesche sciroppate (velocissima e senza forno)

La foto di questo dolce, postata in anteprima sui social, è piaciuta molto e in tanti mi hanno chiesto la ricetta. E ancor di più quando hanno scoperto che l’ho preparata in circa 15 minuti!

torta_peschesciroppate

Eh si, in estate è odioso accendere il forno e bisogna pensare a strade alternative. In questo caso il microonde mi è stato di grande aiuto per la crema pasticcera (secondo le indicazioni del maestro Montersino) e tutto il resto non ha bisogno di cottura.

Quindi biscotti da inzuppare, crema pronta in 5 minuti, panna e poi basta semplicemente “montare” la torta strato dopo strato e decorarla a piacere. Tutto qui, ma il risultato (estremamente goloso e piacevole) è assicurato! :-)

PS. naturalmente se non avete il microonde, preparate la crema nel modo più classico!

Ingredienti per una torta da 20 cm di diametro:

  • 250 g di savoiardi
  • pesche sciroppate: ne serviranno un paio intere (quindi 4 metà) e il relativo sciroppo
  • 200 ml di panna fresca (non zuccherata)
  • 200 g di latte (meglio intero, ma va bene anche il parzialmente scremato)
  • 50 g di panna fresca
  • 4 tuorli
  • 70 g di zucchero
  • 20 g di amido di mais
  • scorza grattugiata di limone non trattato
  • per decorare: meringhe piccole e amarene sciroppate

Iniziamo dalla crema pasticcera: in una ciotola (adatta al forno al microonde) ho mescolato velocemente i tuorli con lo zucchero con una frusta a mano senza montarli. Ho aggiunto l’amido e la scorza di limone grattugiata e ho continuato a mescolare.
Ho aggiunto il latte e la panna freddi, mescolato bene e ho messo il composto al microonde alla massima potenza per 2 minuti.

Trascorso questo tempo, ho mescolato il composto (ancora liquido) e rimesso nel microonde sempre a massima potenza per 2 minuti. In tutto dovete ripetere quest’operazione 3, forse 4 volte fino a quando non avrete ottenuto la crema della consistenza giusta.

E’ importante girare sempre in modo vigoroso con una frusta a mano. Non preoccupatevi se quando aprite il microonde vedete la crema grumosa perché basterà girarla bene con la frusta a mano e come per magia diventerà super vellutata.

Una volta pronta trasferitela in un contenitore basso e largo e copritela con pellicola alimentare a contatto con la crema, facendo raffreddare il tutto.

Nel frattempo montate la panna e tagliate a dadini 3 mezze pesche sciroppate.

Una volta che la crema è fredda, aggiungete la panna montata e mescolate delicatamente.

Prendete ora un piatto (meglio se trasparente) di portata coi bordi alti e posizionate lungo tutta la circonferenza dei mezzi savoiardi in verticale.

Mettete quindi in un piatto fondo lo sciroppo delle pesche e bagnate altri savoiardi per comporre il primo strato della torta.
Sopra questo primo strato di biscotti, versare metà della crema pasticcera addizionata alla panna e i dadini di pesche.
Fate un ulteriore strato di savoiardi bagnati nello sciroppo e ricoprite tutto con la crema rimanente.
Ora non resta che decorare il dolce con meringhe piccole, una mezza pesca centrale e qualche amarena.

Fate riposare il dolce in frigorifero qualche ora e servite freddo.

Pin It
22 giu

Frutta sciroppata: pesche al cardamomo e susine al limone e cannella

Come tutti gli anni in questa stagione sono sommersa dalla frutta prodotta dai nostri alberi in campagna. Principalmente pesche, ma anche susine e albicocche.

E’ davvero troppa per noi, anche se cerchiamo di regalarla quanto più possibile, per cui sia io che mia madre cerchiamo sempre di farne marmellate. Però quest’anno proprio non mi andava di fare la marmellata, ci vuole tempo per cuocerla (non usiamo addensanti) e spazio. E allora, per la prima volta, ho pensato di fare dei barattoli di frutta sciroppata. 

Normalmente si utilizzano le pesche percoche, molto sode, ma io ho usato quelle che avevo a disposizione e vi assicuro che sono ugualmente buone, anche se meno dolci.

Il procedimento infatti è piuttosto rapido per un risultato ottimo, che ci permetterà di consumare questi frutti anche nella stagione invernale.

Ingredienti per 2 barattoli di pesche da circa 550 ml:

  • 800 g di pesche noci con polpa soda
  • 500 ml di acqua
  • 200 g di zucchero di canna
  • 10 semi di cardamomo

Ho ben lavato le pesche, le ho sbucciate e le ho tagliate a spicchi. Sarebbe più carino tagliarle a metà, ma questo per questo tipo di pesche non è facilissimo, a meno che non siano ancora molto dure.
Ho quindi sistemato i vari spicchi nei barattoli sterilizzati.
In una pentola ho preparato lo sciroppo, portando a bollore l’acqua con lo zucchero di canna e il cardamomo.
I semi di cardamomo verde vanno prima aperti con un coltello, occorre quindi prelevarne i semini interni che vanno poi tritati.
Io ho utilizzato il mortaio per questa operazione.

Tagliere WD Lifestyle - Mortaio linea Mediterraneo di EasyLife Design

Ho fatto bollire lo sciroppo per circa 5 minuti, quindi l’ho versato bollente nei barattoli con le pesche, riempendoli fino a circa 2 cm dal bordo. Ho chiuso con i tappi (ricordate che i tappi devono essere sempre nuovi) e ho proceduto con la sterilizzazione dei barattoli.
Lo sciroppo potrebbe essere troppo per la quantità di pesche, quindi non preoccupatevi se ne avanza un pochino :-)

Per la sterilizzazione occorre mettere i barattoli in un pentolone coperti di acqua fredda e separati da uno strofinaccio per non farli battere tra loro. Quando l’acqua raggiunge il bollore, dovranno restare per circa 20 minuti, quindi spegnete il fuoco e lasciateli nella pentola fino al completo raffreddamento dell’acqua.

Conservare in dispensa e in frigo solo una volta aperto il barattolo (non più di una settimana).

Ingredienti per 2 barattoli di susine da circa 550 ml:

  • 900 g di susine
  • 500 ml di acqua
  • 150 g di zucchero di canna
  • mezzo cucchiaio di cannella
  • mezzo limone grande spremuto

Ho ben lavato le susine, quindi le ho divise a metà togliendo il nocciolo.
Le ho sistemate in strati nei barattoli, poi ho spremuto il succo del limone.
Ho quindi preparato lo sciroppo portando a bollore l’acqua insieme alla cannella e allo zucchero. Al momento del bollore lasciate sul fuoco per circa 5 minuti.

Ho infine versato lo sciroppo bollente nei barattoli e ho chiuso con i tappi.
Ho sterilizzato i barattoli pieni (vedi il procedimento indicato prima) e fatto raffreddare.

Anche in questo caso conservare in dispensa e in frigo solo una volta aperti.

Nota bene: con questo tipo di sterilizzazione i frutti non restano troppo duretti, ma si “cuociono” un pochino, senza spappolarsi però.