17 Gen

Torta salata con brisèe di orzo e farro integrale alle noci con zucchine e pancetta

Questa ricetta nasce dall’idea di Vale della brisèe ai pistacchi che mi era piaciuta davvero tantissimo e che avevo usato già in due ottime ricette: nella torta con zucca e zucchine e in quella di ricotta e mortadella.

Da subito avevo immaginato di farla anche alle noci e finalmente è arrivato il momento, anche se stavolta ho usato la ricetta base della briseè all’olio extravergine d’oliva e ho utilizzato un mix di farina di orzo, che mi ha fatto conoscere e amare Federica e che si sposa perfettamente con l’aroma delle noci, e di farina integrale di farro. brisee_cotta

Teglia cannellata Icont

Per la farcitura ho usato della provola e della pancetta affumicata, con delle zucchine (purtroppo fuori stagione… ma me le avevano portate e mi dispiaceva sprecarle).

Una precisazione: mi dicono spesso che uso farine “strane” e che quindi non sempre ie mie ricette possono essere replicate da tutti. Innanzitutto, voglio tranquillizzarvi sulla facile reperibilità degli ingredienti che uso… Vivo in una piccola città e faccio la spesa in comunissimi supermercati, quindi ogni mio ingrediente non è frutto di ricerche particolari, viaggi esotici o acquisti online.

Inoltre, soprattutto nel caso della farina, a parte rarissimi casi, potete sostituirle con della comunissima farina 00 o 0. Certo, il risultato non sarà identico nel sapore, sicuramente il piatto sarà meno salutare, ma “se pò fà”.

Ingredienti:

  • 100 g di farina di orzo
  • 50 g di farina integrale di farro
  • 50 g di acqua
  • 50 g di olio extravergine d’oliva
  • 50 g di noci (pesate sgusciate)
  • 3 zucchine piccole-medie
  • 100 g di pancetta affumicata
  • 1 uovo
  • 150 g di provola

Ho messo nel mixer le farine con 2/3 delle noci e ho tritato, poi ho aggiunto olio e acqua e fatto andare le lame ancora brevemente ottenendo un impasto morbido ma non ancora del tutto omogeneo.

Ho messo da parte qualche gheriglio di noce per la decorazione, quindi ho sbriciolato le altre noci con le mani e le ho aggiunte alla brisèe, impastando stavolta a mano.
Ho formato una palla e ho messo a riposare per circa 30 minuti in frigorifero.

brisee_noci

Trascorso il tempo, ho steso la brisèe col mattarello e con essa ho foderato una teglia tonda.
Ho fatto uno strato con la provola tagliata a fette e la pancetta tagliata a cubetti, ho versato l’uovo dopo averlo sbattuto e infine ho ricoperto con le zucchine a rondelle e i gherigli di noce.

brisee_torta

Ho infornato a 200° per circa 30 minuti.

Pin It
21 Nov

Sformato di pane farcito

Vi ricordate la fantastica torta di tramezzini alle tre mousse proposta qualche tempo fa?

L’ho realizzata di nuovo due domeniche fa, perchè sono venute a trovarmi delle carissime amiche per il mio compleanno, anticipandosi di un giorno, per fortuna, visto che il giorno dopo sono stata piuttosto impegnata a partorire… 😀

Avevo quindi parecchi ritagli di pane al latte da consumare, conservati in busta chiusa in frigorifero, e ieri ho avuto la giusta ispirazione per farli fuori… il risultato è stato questofavoloso sformato, molto goloso grazie alla farcitura a base di formaggi, mortadella e pomodori.

sformato

Naturalmente io ho utilizzato quel che avevo in frigorifero, ma voi potete usare questa tecnica per creare uno sformato farcito con quello che preferite… verdure, salumi, formaggi.

L’effetto è anche bello a vedersi, anche se non si direbbe dalle mie pessime foto, nonostante, come vi dicevo, io abbia usato piccoli ritagli di pane e non fette intere: essi si salderanno perfettamente grazie al latte e all’uovo usati per bagnarli.

Ingredienti per uno stampo da plumcake:

  • 270 g di pane al latte per tramezzini (ma anche pancarrè)
  • 120 g di mortadella (pezzo intero o fette)
  • 60 g di stracchino
  • 120 g di provola
  • 2 uova
  • un bicchiere di latte (io ho usato uno di plastica)
  • circa 20 pomodorini
  • 25 g di grana padano

sformato2

Sbattete le uova insieme al latte, quindi incorporate mescolando anche il grana.

Mettete le fette o i ritagli di pane in ammollo in questo composto e nel frattempo foderate lo stampo da plumcake con della carta da forno.

Fate quindi un primo strato di pane, ricoprendo perfettamente il fondo dello stampo e anche tutti i bordi, facendo attenzione a non lasciare buchi, così che la farcitura non fuoriesca in cottura.

A questo punto, spalmate il fondo con la metà dello stracchino e posizionate sul fondo i pomodorini tagliati a metà, mettendo sopra la provola tagliata a fettine e la mortadella a cubetti (o a fette).
Fate un secondo strato di pane imbevuto di uovo e latte, quindi un ulteriore strato di tutti gli ingredienti e chiudete con il pane rimasto, sigillando con le mani i bordi.

Infornate a 200° per circa 20 minuti o finchè non risulta ben dorata.

Pin It
05 Lug

Monetine di melanzane

In origine erano dobloni d’oro, in realtà, una di quelle ricettine di Laura che nascono per i piccoli di casa ma che conquistano anche i grandi nella loro semplicità e golosità 🙂

A casa mia, sarà per la crisi, i dobloni si sono trasformati in monetine, perchè avevo queste melanzane lunghe e di diametro piuttosto ridotto… però ottime lo stesso eh! 😀

E allora ecco la mia versione che vi propongo anche io perchè sono uno sfizio molto interessante, perfetto per i pasti principali, ma anche come aperitivo finger food.
Non ho cambiato quasi nulla della versione di Laura, a parte che non ho usato sale, prezzemolo e zenzero, ho aggiunto il prosciutto e ho messo le melanzane nell’uovo solo dopo farcite. Non per qualche motivo particolare, solo perchè non avevo letto bene i suoi passaggi. Però non credo che il risultato finale sia così diverso (a parte esteticamente… le sue sono un’opera d’arte rispetto alle mie…), quindi fate come state più comodi.

Il dramma della versione mignon è che potrebbero non arrivare all’ora di cena. Io mi sono dovuta allontanare dalla cucina, per poter portare in tavola una porzione decente che sfamasse il pupo. Ma lo sapete… per me le melanzane sono irresistibili!

Negli ingredienti vi scrivo ciò che ho usato io, ma se volete la versione grande dei dobloni prendete le melanzane tonde grandi.

Ingredienti:

  • 2 melanzane lunghe 
  • un pezzo di provola
  • 3 fettine di prosciutto crudo (ma anche di speck, prosciutto cotto, mortadella… quello che preferite)
  • q.b. pangrattato e parmigiano grattugiato (io ho usato un rapporto di 1 a 4: una parte di parmigiano per 4 di pangrattato)
  • 2 uova
  • olio extravergine di oliva

Lavate le melanzane e tagliatela a rondelle abbastanza sottili (io preferisco non sbucciarle).
Accoppiate le fette di melanzane e nel mezzo sistemate una fettina sottile di formaggio e un pezzetto di prosciutto crudo. Appiattite bene, facendo pressione con le mani, quindi immergete il bocconcino nell’uovo sbattuto, ricoprendolo interamente e poi impanatelo per bene, passandolo in un piatto in cui avrete mescolato pangrattato e parmigiano.

Posizionate le “monetine” su una teglia ricoperta da carta forno, aggiungete un filo d’olio e infornate a 200° per circa 20 minuti.

Sono perfette se servite tiepide, non bollenti, ma col formaggio ancora filante e sono golose come se fossero fritte!
Provatele 🙂

***************************************

Informazione di servizio! Come tutti i giovedì annuncio oggi il colore estratto per la seconda sfida in programma per la gara “Tutti i colori del cibo!“, che vede protagoniste Silvia e Laura.
Il colore della sfida del 19 luglio è…. rullo di tamburi… blu!
Mi sa che stavolta è un pochino più complicata, eh!

Ma voi ci credete se vi dico che anche questa volta il collegamento tra il post con la ricetta e la comunicazione della gara è del tutto casuale??? L’altra volta ho pubblicato il pesto e il colore era il verde, stavolta ho parlato sopra di Laura e poi mi sono accorta che sarà una delle sfidanti… A volte, il destino… 😀

02 Set

Lasagna estiva con melanzane e pomodorini

Questa ricetta è stata una delle prime ad essere postate nel mio blog (nel vecchio Mani in pasta, per l’esattezza) ma poichè lo scorso weekend l’ho rifatta dopo tanto e mi sono ricordata quanto fosse buona, voglio ricordarla anche a voi 🙂

Anche perchè se non la si fa ora, dovremo aspettare il prossimo anno!

Ha un sapore molto fresco ed è anche piuttosto leggera se paragonata a una più classica lasagna di carne.

Per il procedimento e gli ingredienti precisi vi rimando alla ricetta originale qui, mentre ora mi limito a descrivervi brevemente la sua composizione.

Dopo aver cotto 4 melanzane di media grandezza in padella con olio, vino bianco e uno spicchio d’aglio, ho composto le lasagne mettendo sul fondo della teglia qualche cucchiaio di panna, la sfoglia, le melanzane, i pomodorini a pezzi (in tutto ne ho usati circa 250 g), abbondante parmigiano, provola affumicata (in tutta la lasagna ne ho usato 300 g). Ho formato 3 strati e poi infornato per 45 minuti a 200°.

Per questa ricetta ho usato la panna ViaLat Cucina e ho cotto la lasagna nella teglia InForma della Pavoni, che può essere portata direttamente in tavola togliendo i bordi in silicone e lasciando il piatto in ceramica.

 

13 Dic

Cresce di polenta

Di polenta ne avanza sempre un po’… almeno a casa mia.

Non perchè non sia abbastanza buona. Anzi! E’ che quando la sia prepara si ha l’acquolina in bocca e non si vede l’ora di farne una bella abbuffata per cui si esagera un po’ con le dosi. Poi però la polenta non è che sia proprio leggerina per cui a un certo punto anche gli stomaci più esigenti devono dire stop!

Non che sia un problema mangiarla poi a cena, o il giorno dopo, riscaldata e condita con formaggi, se il sugo e le salsicce sono finite, o con quello che la fantasia ci propone.

Navigando in rete, però, stavolta ho trovato un modo di riciclare la polenta avanzata davvero interessante… Si tratta di una ricetta marchigiana che dà vita a delle splendide simil-piadine morbide, saporite e leggere.

Ingredienti (per circa 6 cresce):

  • Polenta fredda (circa 1 piatto fondo)
  • farina 00 q.b.
  • 1 pizzico di sale

Sistemate la polenta su una spianatoia e impastatela con un po’ di farina. Aggiungete la farina un po’ alla volta fino a che l’impasto ne prende e non è più appiccicoso.

Volendo potete aggiungere un pochino di sale (io l’ho dimenticato ma erano ottime ugualmente).

Quando l’impasto è pronto, formate delle palline (più o meno della grandezza di un mandarino) e poi schiacciatele formando dei dischi (proprio tipo le piadine, anche come spessore).

Cuocete le cresce su una piastra in ghisa, o comunque antiaderente, ben calda. Ci vuole circa 1 minuto e mezzo per lato.

Dopo averle cotte potete farcirle come preferite. Io le ho fatte con mortadella e provola e con carciofi in padella e fontina. Da leccarsi i baffi!!

Esiste anche una versione dolce, in cui la crescia è ricoperta di zucchero e fritta, ma non l’ho ancora provata 🙂

09 Nov

Bignè per aperitivo

Da quando ho letto questa ricetta su Made in Kitchen l’ho già rifatta un paio di volte, perchè è velocissima, sfiziosa e ottima per un aperitivo o antipasto.

Naturalmente l’ho rifatta a modo mio, ma l’idea è davvero geniale e può essere proposta in mille versioni 🙂

Ingredienti (circa 25 bignè):

  • 125 gr di acqua
  • 50 gr di burro
  • 65 gr di farina 00
  • 2 uova
  • sale
  • un paio di cucchiai di pecorino
  • un pezzo di salame
  • un pezzo di provola

Mettete in una pentola l’acqua e il burro a dadini, portando ad ebollizione.

Appena bolle, allontanate dal fuoco e versate tutta la farina, mescolando con un cucchiaio di legno, quindi rimettete sul fuoco continuando a mescolare finchè l’impasto non è asciutto e si stacca dai bordi della pentola.

A questo punto, nuovamente lontano dal fuoco, aggiungete un uovo e amalgamate bene. Aggiungete il secondo uovo solo quando il primo è perfettamente amalgamato.

Infine, aggiungete il pecorino grattugiato, il salame e il formaggio a dadini (nelle quantità che preferite). Non esagerate col formaggio a dadini perchè in forno si scioglie e cola un po’ dai bignè.

Su una teglia ricoperta da carta forno mettete delle palline dell’impasto, aiutandovi con due cucchiai (è più facile se li bagnate nell’acqua). Distanziateli un pochino perchè in cottura si gonfieranno abbastanza.

Infornate quindi per una mezz’ora circa a 180° e toglieteli quando saranno ben dorati.

Sono ottimi caldi, ma anche freddi. Non so quanto si conservano perchè nel giro di una decina di minuti scompaiono magicamente 🙂

15 Mag

Zucchine ripiene di riso

Il 13 maggio doppia festa in famiglia!
Gabriele ha compiuto 2 mesi e io e Ale abbiamo festeggiato i nostri primi 4 anni di matrimonio 🙂
Il primo anniversario col nostro piccolino, che meraviglia!

Anche se chiamarlo piccolino non è del tutto appropriato… Ieri l’ho portato al controllo di crescita dal pediatra ed è arrivato a pesare 6.200 Kg! Alla nascita pesava 3.630 kg (col calo fisiologico 3.450 kg) per cui ha messo ben 2,750 kg 🙂

Non ho cucinato nulla di speciale per la nostra festicciola, anche perchè siamo stati fuori tutto il giorno prendendoci una bella pausa e dimenticandoci dell’orologio (una volta tanto), però ieri a pranzo mi sono preparata delle zucchine ripiene niente male ed ecco la ricetta.

zucchine ripiene con riso

Ingredienti per 1 persona:

  • 2 zucchine tonde
  • 50 gr di riso
  • un pezzo di formaggio (tipo caciotta, provola, scamorza…)
  • una cucchiaiata abbondante di formaggio fresco spalmabile
  • due cucchiai di parmigiano grattugiato
  • un pezzo di mortadella
  • olio, 1 spicchio d’aglio

Togliete la calotta alle zucchine e svuotatele con l’aiuto di un cucchiaino.

Il contenuto delle zucchine tagliatelo a pezzettini e mettetelo a cuocere in una padella dove avrete fatto soffriggere lo spicchio d’aglio in un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva.

I due contenitori ricavati dalle zucchine metteteli invece a bollire in una pentola d’acqua bollente per una ventina di minuti.
Per non farli galleggiare e permettere una cottura uniforme anche al loro interno, riempiteli con l’acqua calda.

Infine mettete a bollire il riso in un’altra pentola.

Mentre il tutto cuoce, tagliate a pezzettini il formaggio e la mortadella.

Una volta pronto il riso e la parte interna delle zucchine, mescolateli con il formaggio, la mortadella e aggiungete anche il parmigiano e il formaggio fresco. Mescolate bene e, non appena sono pronte anche le zucchine, mettete al loro interno il ripieno.

Le zucchine ripiene posizionatele su una teglia per il forno con un filo d’olio d’oliva e lasciate cuocere e gratinare una trentina di minuti.

Servite ben calde, col formaggio fuso e la crosticina sulla superficie.
Davvero ottime 🙂

02 Nov

Crepes funghi e piselli con besciamella all’olio

Era un po’ che non facevo le crepes, nonostante siano uno dei miei piatti preferiti. Di solito non metto besciamella nè panna, perchè a casa mia non siamo abituati a questo tipo di condimento e non ne abbiamo mai usato, ma siccome quando le mangio in altri posti c’è sempre la besciamella e come sapore, se non si esagera, non mi dispiace, stavolta ho voluto provarle anche io così.

Siccome in questo periodo sto cercando di eliminare quanto più possibile il burro sostituendolo ovunque con l’olio extravergine d’oliva, mi son detta, perchè non nella besciamella?! Il risultato è stato sorprendente! Magari non mi sono inventata nulla, ma io conoscevo solo la versione col burro…

Cerco di ricostruire il procendimento di tutto 🙂

Ingredienti (per circa 7 crepes):

Besciamella con olio extravergine d’oliva

  • 3 cucchiai di olio di oliva
  • 2 cucchiai di farina abbondanti
  • 3 bicchieri circa di latte
  • noce moscata
  • sale

Crepes

  • 1 uovo
  • 1,5 bicchiere di farina
  • 2 bicchieri di latte
  • un pizzico di sale

Ripieno

  • 200 gr di funghi champignon
  • 250 gr di piselli
  • 6 cucchiai di parmigiano
  • provola
  • aglio, olio, sale

 

Crepes con funghi, piselli e besciamella all'olio d'oliva

 

Iniziamo a cuocere funghi e piselli. Dopo aver lavato e pulito i funghi, metterli a cuocere in una padella in cui abbiamo soffritto uno spicchio d’aglio, quindi aggiungete i piselli e regolate di sale. Mandate avanti la cottura a fiamma non troppo alta e se necessario aggiungete ogni tanto un po’ di acqua calda. In tutto la cottura richiede circa 30-40 minuti.

Passiamo quindi a realizzare le crepes, mettendo in una ciotola coi bordi alti la farina, un pizzico di sale e il latte e mescolando benissimo fino a che non ci sono più grumi. Quindi, aggiungete l’uovo sbattuto, mescolando ancora.
Questa pastella abbastanza liquida (se non lo è aggiungete latte, se lo è troppo aggiungete farina) va fatta riposare in frigo per una mezz’ora.

In questo tempo noi prepareremo la besciamella. In un pentolino mettete la farina e l’olio e mescolate bene sulla fiamma, quindi aggiungete un po’ alla volta il latte, mescolando continuamente fino a quando l’impasto diventa denso, della consistenza della crema calda. Ci vogliono circa 10 minuti – un quarto d’ora.

Ora passiamo a cuocere le crepes, in un padellino antiaderente o con lo strumento apposito. Io nonostante la padella antiaderente metto sempre un cucchiano d’olio sul fondo per staccare la crepe più facilmente. Quando l’olio è ben caldo con un mestolino metto della pastella al centro e ruoto la padella per spargere l’impasto su tutto il fondo, creando quindi una crepe sottile. Appena la parte inferiore è dorata, capovolgete la crepe e dorate anche l’altra parte. Procedete così fino a finire la pastella.

Infine, preparate la provola tagliandola a pezzettini e poi mescolateli ai piselli coi funghi. Unite il parmigiano e aggiungete anche la besciamella, lasciandone da parte un po’ per completare la teglia.
Riempite ogni crepe (io per facilità preferisco arrotolarle tipo cannelloni) con questo ripieno gustoso e posizionate nella teglia per il forno sul cui fondo avrete messo un paio di cucchiai di olio. Farcite tutte le crepes, ricoprite con la besciamella rimanente (in base ai vostri gusti) ed eventualmente spolverate con parmigiano grattuggiato. Mettete in forno caldo per circa mezz’ora e poi servite calde.

14 Ott

Lasagne?

Nooo…. sbagliato!

Sono piadine! Però sembrano, eh? 😎

Come spesso succede c’era bisogno di far fuori gli avanzi in frigo, tra cui una confezione di piadine aperta già da un po’ e, navigando navigando, ho trovato sul blog di Elena l’idea di farcire le piadine con una crema di melanzane.

Io però avevo tutto avevo tranne che le melanzane, per cui quello che è venuto fuori è questo:

Millefoglie di piadine

Millefoglie di piadine

L’esperimento è stato apprezzatissimo per cui ve lo propongo!

Ingredienti (per 4-5 persone):

  • 3 piadine di dimensioni medie-grandi (se volete farle voi la ricetta è questa)
  • 2 patate medie
  • 3 zucchine grandi
  • formaggi vari: provola, parmigiano grattuggiato, quartirolo, fontina
  • olio, aglio, sale, latte

Mettete a lessare le patate e, nel frattempo, rosolate uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva, lavate bene e tagliate le zucchine a pezzetti, quindi mettetele a cuocere nella padella con l’aglio a fiamma bassa, con un po’ di sale.

Una volta pronte le patate, le ho passate solo con una forchetta, così da avere un composto non omogeneo. Ad esse ho aggiunto un po’ di latte, solo per rendere il tutto più cremoso, ma non liquido.

A questo punto, ho unto la base di una teglia da forno con olio e poi ho sistemato la prima piadina, ricreando la forma rettangolare della teglia. Sopra ho “spalmato” metà della crema di patate e ho fatto un secondo strato con metà delle zucchine, lasciandole in questo caso a pezzetti.

Sopra ho cosparso con parmigiano e gli altri formaggi tagliati in piccoli pezzi.

Con questo procedimento ho realizzato due strati, mentre sull’ultima piadina usata a copertura ho messo solo i formaggi, per far creare una crosticina.

Infine ho infornato la teglia per una mezz’oretta a 180° e servito caldo.
Ci siamo leccati i baffi! 😉