08 Ago

Torta alla crema con pesche sciroppate (velocissima e senza forno)

La foto di questo dolce, postata in anteprima sui social, è piaciuta molto e in tanti mi hanno chiesto la ricetta. E ancor di più quando hanno scoperto che l’ho preparata in circa 15 minuti!

torta_peschesciroppate

Eh si, in estate è odioso accendere il forno e bisogna pensare a strade alternative. In questo caso il microonde mi è stato di grande aiuto per la crema pasticcera (secondo le indicazioni del maestro Montersino) e tutto il resto non ha bisogno di cottura.

Quindi biscotti da inzuppare, crema pronta in 5 minuti, panna e poi basta semplicemente “montare” la torta strato dopo strato e decorarla a piacere. Tutto qui, ma il risultato (estremamente goloso e piacevole) è assicurato! 🙂

PS. naturalmente se non avete il microonde, preparate la crema nel modo più classico!

Ingredienti per una torta da 20 cm di diametro:

  • 250 g di savoiardi
  • pesche sciroppate: ne serviranno un paio intere (quindi 4 metà) e il relativo sciroppo
  • 200 ml di panna fresca (non zuccherata)
  • 200 g di latte (meglio intero, ma va bene anche il parzialmente scremato)
  • 50 g di panna fresca
  • 4 tuorli
  • 70 g di zucchero
  • 20 g di amido di mais
  • scorza grattugiata di limone non trattato
  • per decorare: meringhe piccole e amarene sciroppate

Iniziamo dalla crema pasticcera: in una ciotola (adatta al forno al microonde) ho mescolato velocemente i tuorli con lo zucchero con una frusta a mano senza montarli. Ho aggiunto l’amido e la scorza di limone grattugiata e ho continuato a mescolare.
Ho aggiunto il latte e la panna freddi, mescolato bene e ho messo il composto al microonde alla massima potenza per 2 minuti.

Trascorso questo tempo, ho mescolato il composto (ancora liquido) e rimesso nel microonde sempre a massima potenza per 2 minuti. In tutto dovete ripetere quest’operazione 3, forse 4 volte fino a quando non avrete ottenuto la crema della consistenza giusta.

E’ importante girare sempre in modo vigoroso con una frusta a mano. Non preoccupatevi se quando aprite il microonde vedete la crema grumosa perché basterà girarla bene con la frusta a mano e come per magia diventerà super vellutata.

Una volta pronta trasferitela in un contenitore basso e largo e copritela con pellicola alimentare a contatto con la crema, facendo raffreddare il tutto.

Nel frattempo montate la panna e tagliate a dadini 3 mezze pesche sciroppate.

Una volta che la crema è fredda, aggiungete la panna montata e mescolate delicatamente.

Prendete ora un piatto (meglio se trasparente) di portata coi bordi alti e posizionate lungo tutta la circonferenza dei mezzi savoiardi in verticale.

Mettete quindi in un piatto fondo lo sciroppo delle pesche e bagnate altri savoiardi per comporre il primo strato della torta.
Sopra questo primo strato di biscotti, versare metà della crema pasticcera addizionata alla panna e i dadini di pesche.
Fate un ulteriore strato di savoiardi bagnati nello sciroppo e ricoprite tutto con la crema rimanente.
Ora non resta che decorare il dolce con meringhe piccole, una mezza pesca centrale e qualche amarena.

Fate riposare il dolce in frigorifero qualche ora e servite freddo.

Pin It
27 Ago

Torta alle pesche e amaretti con camy cream al cioccolato bianco

I prossimi post credo saranno un’esplosione di torte… Ne ho un paio in arretrato molto golose e una in arrivo questa settimana, per cui preparatevi ad essere sommersi dagli zuccheri!

E, naturalmente, sono torte in puro stile Nastro di Raso, facilissime, veloci da fare, che non richiedono grandi doti nella decorazione pur presentandosi bene. E soprattutto, cosa che non guasta in questo periodo, l’uso del forno non è necessario (come in questa torta) oppure limitato davvero al minimo 🙂

torta_pesche_amaretti

Tortiera Poloplast

Questa torta doveva essere tutt’altro: alle fragole e con i savoiardi. Peccato che le fragole siano del tutto scomparse da ogni fruttivendolo di zona, per cui ho ripiegato sulle più stagionali pesche percoche, quelle dalla polpa gialla e dal gusto aromatico.

E qual è un abbinamento per eccellenza con le pesche, se non l’amaretto?! Quindi la torta si è trasformata all’ultimo minuto in questo trionfo zuccherino e goloso, con una morbida crema al cioccolato bianco e mascarpone (sempre senza cottura) alternata ai piccoli amaretti secchi e alla polpa meravigliosa di questi frutti del colore del sole.

Ingredienti:

  • 5 pesche percoche di media dimensione
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • il succo di 1 limone
  • 400 g di amaretti secchi
  • wafer cilindrici ripieni alla nocciola per la decorazione esterna (facoltativi)
  • cacao amaro per decorare

Per la crema:

  • 150 g di cioccolato bianco
  • 500 g di mascarpone
  • 250 ml di panna fresca (quindi non zuccherata)
  • 170 g di latte condensato

Ho lavato e sbucciato le pesche, tagliandone la polpa a dadini. Ho messo la frutta in una ciotola con i 3 cucchiai di zucchero di canna e il succo di limone. quindi ho lasciato riposare circa 30-40 minuti.

Trascorso questo tempo, ho messo la frutta in uno scolapasta sistemato sopra la ciotola, così da raccogliere tutti i succhi e asciugare contemporaneamente un po’ le pesche.

Nel frattempo, ho preparato la crema,facendo fondere in un pentolino il cioccolato fondente insieme al latte condensato. Se non vi va di usare il bagnomaria (a me non va MAI), per non rischiare di bruciare tutto, basta spegnere il fuoco (che deve restare basso) non appena il cioccolato inizia a fondere leggermente: il calore del latte condensato continuerà ad agire e a scioglierlo del tutto senza riscaldare troppo, semplicemente mescolando con una spatolina.

Ho quindi montato la panna. In questo periodo per montarla al meglio deve essere ben fredda: io la tengo anche 30-40 minuti in congelatore prima di montarla.

Ho poi unito il mascarpone alla crema di cioccolato, mescolando con una frusta e amalgamando bene tutto, e infine la panna, facendo attenzione a non smontarla.

A questo punto è possibile iniziare a comporre il dolce, posizionando sulla circonferenza della tortiera i wafer, e poi facendo un primo strato di crema, uno strato di amaretti bagnati nel succo delle pesche e poi uno di pesche.Ho fatto un ulteriore strato di tutti e tre gli ingredienti e ho finito il dolce con la crema e gli amaretti ricoperti da una spoverata di cacao amaro.

Il dolce deve riposare qualche ora in frigo perchè i gusti si amalgamino bene, meglio quindi realizzarlo il giorno prima o la mattina per la cena.

fetta_torta_pesche

Pin It