11 Apr

Zeppole di San Giuseppe

Ormai San Giuseppe è passato da quasi un mese, ma la ricetta la teniamo buona per il prossimo anno, no?

Non le avevo mai fatte prima le zeppole di San Giuseppe, ma quest’anno avevo proprio deciso di provarle. Peccato essermi ricordata della mia intenzione solo il 19 mattina! Ho spedito mio marito a comprare le amarene e … non ce n’era traccia! Finite in ogni alimentare, torrefazione o simile. A questo punto, ho ripiegato sulle banali ciliege candite. Non è per niente la stessa cosa, ma che potevo fare.

La prossima volta sarò più attenta!

Non avendo una tradizione familiare in merito, ho cercato un po’ in rete e alla fine ho seguito questa ricetta.

Ingredienti per circa 25 zeppole piccole:

  • 250 ml di acqua
  • 70 gr di burro
  • 150 gr di farina
  • un pizzico di sale
  • 3 uova
  • 40 gr di zucchero

Per la crema pasticcera (ricetta di famiglia):

  • 500 ml di latte
  • 4 tuorli
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di farina
  • la buccia di mezzo limone

Iniziamo mettendo a bollire l’acqua con il sale e il burro a pezzetti. Non appena raggiunge il bollore, togliere dal fuoco e versare la farina tutta insieme, come per fare i bignè, mescolando energicamente. Rimettiamo quindi sul fuoco continuando a mescolare fino a che l’impasto non lascia una patina bianca sulle pareti della pentola.

A questo punto, spegnendo il fuoco, aggiungiamo lo zucchero e poi, dopo aver fatto intiepidire un po’, un uovo alla volta, facendo attenzione a non aggiungere l’altro uovo finchè il precedente non si è amalgamato perfettamente all’impasto.

Ora ci serve una tasca da pasticcere con la bocca a stella e un foglio di carta da forno.

Prepariamo dei quadrati di carta forno poco più grandi delle zeppole che vogliamo fare. Versiamo il composto nella tasca e formiamo dei dischi di pasta, sovrapponendo però sul bordo più esterno un ulteriore disco, formando un piccolo contenitore. Per la spiegazione fotografata vi rimando alla ricetta originale che è davvero ben fatta 🙂

Friggendo, l’impasto si gonfierà abbastanza e le zeppole saranno pronte ad accogliere abbondante crema!

Pronte le zeppole, mettete sul fuoco il tegame con l’olio portandolo a una temperatura ottimale per la frittura. Non deve essere troppo bollente perchè le zeppole non avrebbero il tempo di gonfiarsi e brucerebbero subito.

Immergete quindi le zeppole (2-3 alla volta) con tutta la carta forno nell’olio. Dopo un attimo la carta si staccherà e potrete toglierla con delle pinze. Le zeppole invece andranno tolte una volta gonfie e dorate. Poi andranno messe a scolare sulla carta assorbente.

Intanto che le zeppole si raffreddano, prepariamo la crema pasticcera.
Sbattiamo bene i tuorli con lo zucchero fino a farli diventare una crema spumosa e bianca

Aggiungiamo la farina setacciandola e infine il latte, sempre continuando a sbattere.

A questo punto versiamo tutto in un pentolino, passandolo però nel colino in modo da non farci sfuggire nemmeno un piccolissimo grumo. Aggiungiamo i pezzi grossolani della buccia di limone (facendo attenzione a non lasciare pezzi bianchi) per aromatizzare e lasciamo cuocere mescolando in continuazione per non far attaccare la crema sul fondo.
Appena raggiunge la giusta consistenza, togliamo le bucce, spegniamo e versiamo nella tasca da pasticcere – sempre con la bocca a stella – e farciamo le zeppole.

Infine, decoriamo ogni dolcetto con una mezza amarena sciroppata (se voi le avete 🙁 ) e poi con zucchero a velo.

Slurp!

Vi lascio con una foto della prima passeggiata di Gabriele sulla spiaggia di questa stagione 🙂

Potrebbe interessarti anche:

11 thoughts on “Zeppole di San Giuseppe

  1. Qui da noi le zeppole di San Giuseppe sono quasi completamente sconosciute. Io stessa le ho conosciute tramite i blog… Sono già degli anni quindi che mi propongo di provarle ma ancora non l’ho fatto. Sarà per il 2012? Chissà 🙂

  2. Pingback: Nastro di Raso » Blog Archive » Meringhette con crema e more

  3. You are my inspiration, I possess few web logs and infrequently run out from post :). “Analyzing humor is like dissecting a frog. Few people are interested and the frog dies of it.” by E. B. White.

  4. Hi you’ll find utilizing WordPress for your website platform? I’m new to the weblog world but I’m trying to get started and set up my own. Do you demand any html coding expertise to make your personal weblog? Any assist would be greatly appreciated!

  5. Thought target, penalize, status, respect, fortitude and even security. These types of some with the concepts that Tang Soo Commence, Vietnamese style with regards to self defense purposes, can tutor individuals along with instilling in your soul the flexibility not just to shield your self nonetheless , the key skill set towards how to spot real danger warnings in order tto avoid potential fight all in all.

  6. I discovered your internet site site on google and check a couple of your early posts. Preserve within the top notch operate. I just extra up your Feed to my MSN News Reader. Seeking for toward reading far a lot more of your stuff afterwards!…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *